Febbraio 5, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il Belgio ne arresta quattro mentre si allarga l’indagine sul Qatar – EURACTIV.com

La vicepresidente del Parlamento europeo, la deputata socialista greca Eva Kaili, è stata accusata di corruzione e detenuta in custodia cautelare domenica (11 dicembre) dopo che gli investigatori belgi hanno trovato “sacchi di denaro” nella sua casa.

La polizia belga sta indagando sulle accuse secondo cui figure che lavorano per conto del Qatar, la monarchia del Golfo e l’ospite della Coppa del Mondo hanno pagato enormi tangenti ai politici europei per influenzare il dibattito politico a Bruxelles.

Kylie, 44 anni, membro del Parlamento europeo dal 2014, si è espressa a sostegno delle recenti riforme del lavoro del Qatar. Era uno dei quattro sospetti che sono stati incriminati e presi in custodia.

Altre due persone sono state rilasciate e gli investigatori hanno perquisito l’abitazione di almeno un eurodeputato.

L’ufficio del procuratore federale belga non ha identificato i quattro per nome, ma una fonte giudiziaria ha confermato ad AFP che Kylie era tra gli imputati.

L’ufficio del procuratore federale ha dichiarato: “Quattro persone sono state arrestate dal giudice istruttore di Bruxelles che sta conducendo le indagini”.

Sono accusati di partecipazione a un’organizzazione criminale, riciclaggio di denaro e corruzione. Il gip ha scarcerato due persone.

Gli arresti hanno fatto seguito a raid a Bruxelles che, secondo i pubblici ministeri, hanno pagato 600.000 euro in contanti. La polizia ha anche sequestrato computer e cellulari.

Secondo quanto riferito, il giudice belga Michel Cleese ha lavorato su un caso riguardante tangenti dal Qatar legate alla Coppa del Mondo dall’inizio dell’anno.

Secondo quanto si apprende, tra gli arrestati figurano l’ex deputato europeo Pier Antonio Panzieri, poiché nell’abitazione è stata trovata un’ingente somma di denaro, e Francesco Giorgi, compagno di Eva Cayley, aiutante di Andrea Cozzolino ed ex collaboratore europeo Parlamento. a Panziri.

READ  Nello scandalo delle dighe di Sh63bn, gli italiani stanno affrontando un processo keniota

“sacchi di denaro”

Resta inteso che la seconda perquisizione dell’abitazione dell’eurodeputato ha incluso un eurodeputato belga, in quanto la presidente del parlamento, Roberta Metsola, era stata invitata ad assistere all’irruzione.

La fonte giudiziaria lo ha identificato come Marc Tarabella, socialista belga e vicecapo della delegazione parlamentare per i “rapporti con la penisola arabica”. Non è stato accusato.

L’ufficio di Metsola ha confermato che, secondo la costituzione belga, il presidente del Parlamento europeo deve essere presente se un eurodeputato è l’obiettivo di una perquisizione.

Un portavoce di Metsola ha confermato che Metsola era tornata da Malta a Bruxelles sabato scorso per partecipare.

“Il Parlamento europeo e il presidente Metsola si oppongono fermamente alla corruzione, cooperando attivamente e pienamente con le forze dell’ordine e le autorità giudiziarie per assistere nel corso della giustizia”.

Il commissario europeo per l’Economia Paolo Gentiloni ha dichiarato domenica che il caso ha “seriamente danneggiato” la reputazione del Parlamento.

Se le accuse dovessero essere confermate, l’ex presidente del Consiglio italiano ha detto durante un programma televisivo sulla RAI, “penso che sarebbe davvero uno dei casi di corruzione più drammatici degli ultimi anni”.

Kylie viene privata delle sue responsabilità di vicepresidente, in particolare della posizione di rappresentante di Metsola in Medio Oriente.

Rimane membro del Parlamento europeo e normalmente gode dell’immunità da procedimenti penali.

Ma c’è un’eccezione nei casi in cui un sospetto viene colto nell’atto di commettere un presunto reato: secondo la fonte giudiziaria, Kylie è stata trattenuta dalla polizia belga in possesso di “sacchi di denaro contante” ed è stata quindi portata in tribunale. Giudice.

READ  Marco: Marco polarizza la politica italiana

Tra i sei arrestati venerdì, dopo almeno 16 irruzioni della polizia nei locali di Bruxelles, c’erano l’ex eurodeputato Pier Antonio Panzeri e il collega italiano Luca Visentini, segretario generale della Confederazione internazionale dei sindacati (ITUC), oltre a Niccolò. Vega Talamanca, Direttrice della Ong “Non c’è pace senza giustizia”.

I media belgi hanno anche riferito che la moglie e la figlia dell’ex Panziri sono state arrestate venerdì a Bergamo, in Italia. Panziri è stato anche il fondatore di una delle Ong indagate dalla polizia belga, “Fighting Impunity”.

Posizioni strategiche

Secondo i media belgi, anche il padre di Kylie è coinvolto, visto che è stato sorpreso a trasportare denaro “in una valigia”.

Senza puntare il dito contro il Qatar, la dichiarazione del procuratore afferma: “Terze parti in posizioni politiche e/o strategiche all’interno del Parlamento europeo sono sospettate di aver pagato ingenti somme di denaro o fatto ingenti donazioni per influenzare le decisioni del Parlamento”.

Lo scandalo è scoppiato durante la Coppa del Mondo FIFA 2022, un evento che il Qatar sperava avrebbe rafforzato la sua reputazione, ma questo scandalo è perseguitato dalle accuse di maltrattamento dei lavoratori migranti che hanno costruito i nuovi stadi per l’ospite.

Kylie ha visitato il Qatar prima della Coppa del Mondo, salutando il paese come “un capofila per i diritti dei lavoratori”, un sentimento che ha ribadito al Parlamento, con dispiacere di alcuni eurodeputati.

Le domande sulla corruzione dovrebbero ora arrivare alla sessione plenaria del Parlamento europeo questa settimana a Strasburgo, dove il partito dei Socialisti e Democratici di Kyle sarà messo sotto pressione dagli oppositori di destra e di sinistra.

READ  La Fed prevede il primo aumento dei tassi dal 2018, i mercati salgono sulle speranze dell'Ucraina - Business Live | Affare

Il Partito popolare europeo (PPE) di centrodestra, il più grande nello spargimento di sangue, ha affermato che “nessuna pietra dovrebbe essere lasciata al caso” nelle indagini in corso.

L’eurodeputata Manon Aubry, copresidente del gruppo di sinistra al Parlamento europeo, ha chiesto a Kylie di dimettersi da vicepresidente, per un dibattito parlamentare completo sulla questione lunedì e un’indagine parlamentare interna.

“Ciò che questo caso illustra è la necessità di ripulire la casa nelle istituzioni e rafforzare notevolmente l’etica…”, ha scritto domenica su Twitter.

Mitsola, lei stessa una conservatrice maltese, ha convocato una riunione dei leader dei blocchi politici in Parlamento oggi, lunedì, per discutere dell’indagine belga, hanno detto ad AFP due fonti parlamentari.

Il Parlamento europeo voterà questa settimana su una proposta per estendere l’esenzione dal visto nell’UE per Kuwait, Qatar, Oman ed Ecuador. Alcuni legislatori hanno suggerito di rinviare il dibattito e il voto.

(Con segnalazione aggiuntiva di Georgi Gutev)