Febbraio 5, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I tiri sbagliati e le corde cadute agli Australian Open sono “soffocanti”?

MELBOURNE, Australia (AP) – Quando Matteo Berrettini ha mancato quello che avrebbe dovuto essere un semplice rovescio al match point contro Andy Murray nel primo turno degli Australian Open la scorsa settimana, il pubblico all’interno della Rod Laver Arena ha lasciato trapelare un senso di incredulità collettiva.

Mentre Murray si muoveva dalla parte sbagliata, lasciando il campo spalancato, Berrettini lanciava la palla a metà rete. Nel momento più importante della sua giornata, l’italiano – tanto dotato da arrivare secondo a Wimbledon nel 2021 – non è riuscito a colpire il tiro che avrebbe potuto fare con altri 999 su 1.000.

Nel gergo del tennis, ha “soffocato”.

Berettini ha sorriso subito dopo questo sproposito ma non si è ripreso; Murray ha continuato a vincere il tiebreak del quinto set.

“Ha avuto un pessimo tiro match point”, ha detto Murray. “Sono stato decisamente fortunato lì.”

Il tennis in singolo è uno sport individuale, ovviamente, quindi non ci sono compagni di squadra che coprano gli errori o forniscano assistenza nei turni chiave. L’attenzione è focalizzata su un atleta, il che si traduce in molti elogi per i vincitori e, in determinate circostanze, accuse di “soffocare” i perdenti – giusto o no.

È anche un termine molto versatile. A volte, come con Berrettini, si parla di antigioco quando un giocatore devia quello che sembra essere un bel tiro in un punto cruciale. Viene utilizzato anche quando un giocatore di alto rango viene sconfitto da qualcuno di rango molto inferiore. O quando qualcuno ottiene un grande vantaggio, come quando un uomo vince i primi due set al meglio dei cinque in un torneo del Grande Slam ma perde, cosa che è accaduta sette volte nei primi due turni australiani. O quando qualcuno si avvicina alla chiusura delle cose ma non riesce a chiudere l’affare.

READ  Questo caldo ristorante di Los Angeles ora serve pizza italo-indiana

La parola “soffocamento” è apparsa su Twitter lunedì dopo che il numero 9 Holger Rohn, un 19enne danese, ha sprecato un vantaggio di 5-2 nel quinto set, poi è andato avanti 5-0 e 7. 2 nel primo tie-break che ha chiuso la partita, in quella che è diventata una sconfitta per il numero 5 Andrei Rublev.

Notoriamente, Jana Novotna ha commesso un doppio fallo quando era in vantaggio per 4-1, 40-30 contro Steffi Graf nel terzo set della finale di Wimbledon del 1993 e non ha mai vinto un’altra partita. Gabriela Sabatini ha perso un vantaggio di 6-1, 5-1 contro Mary Jo Fernandez agli Open di Francia dello stesso anno. Nella finale maschile del 2004 al Roland Garros, Guillermo Correa stava servendo mentre era in vantaggio per 6-0, 6-3, 4-4, 40 amore, ha lasciato che quell’enorme vantaggio svanisse e ha sprecato due match point nel quinto set prima che Gaston Gaudio ottenesse il gol . campionato.

“La definizione di base di ‘soffocamento’ è una sensazione di intensa ansia che un atleta non può gestire con le sue attuali difese”, ha detto lo psicologo dello sport Tom Ferraro.

Scavando più a fondo, Ferraro ha affermato che questo genere di cose può accadere “quando un atleta decide inconsciamente di smettere di concentrarsi e di rilassarsi. Ciò potrebbe essere dovuto a lotte con aggressività, sensi di colpa, paure di separazione, vergogna o compulsione a ripetere”.

Non sorprende che a molti tennisti non piaccia sentire parlare di “soffocamento”.

“È una parola dura”, ha detto l’americana Jessica Pegula, testa di serie n. 3 che ha raggiunto i quarti di finale dell’Australian Open in singolare prima di perdere martedì sera.

READ  Come il divieto di multiclub possa incidere sugli investimenti esteri e cambiare il futuro del calcio italiano

“Penso che tutti lo facciano in una certa misura. Penso che sia solo perché ti senti nervoso. Alcuni giorni non c’è motivo o ragione”, ha detto. “Alcuni giorni, potresti sentirti un po’ nervoso, e per Per qualche motivo, puoi sentire che è come se lo slancio potesse cambiare in una partita e tu stessi mettendo così tanta pressione su te stesso per fare la cosa giusta. Penso che forse, invece di pensare con chiarezza, ti lasci prendere dal panico un po’”.

Un altro punto sottolineato da Pegula, i cui genitori possiedono i Buffalo Bills della NFL e i Buffalo Sabres della NHL, è che c’è una grande differenza tra essere sul ring e fare l’arbitro da lontano.

“Sedendosi e guardando, è molto facile dire: ‘Oh, stanno soffocando.'” disse Pegula.

La testa di serie n. 8 Daria Kasatkina ha perso 6-1, 6-1 contro la n.

Kasatkina ha detto che, in generale, non le piace il termine.

Ha detto: “Dipende da come e quando lo usi, ovviamente. Ma quando le persone sono online, dopo brutte partite, dicono: ‘Uh, ho soffocato’ – fa davvero schifo”.

Marc Pecci, l’ex giocatore che ha allenato Murray, stava trasmettendo in tv la partita Murray-Berettini quando è arrivato l’errore di questo rovescio.

“È difficile credere che gli sia mancato”, ha detto Beachy in onda. “Aveva solo bisogno di farlo passare attraverso la rete.”

Beachy ha detto in una successiva intervista che il “soffocamento” è “un argomento complesso, non ci sono dubbi, perché non si tratta solo di fragilità mentale. Riguarda anche il tuo stile”.

Visti gli errori di Bretini, Pecci ha notato che ciò che avrebbe potuto rivelarlo di più erano “difetti nel rovescio”.

READ  "Mi piace il cibo italiano e adoro incontrare i miei amici" - Yuki Tsunoda rivela cosa rende la sua vita da pilota di Formula 1 così felice e divertente

Gli errori cruciali possono anche sommarsi, risultando in un gioco scadente man mano che la partita procede, perché, come dice Beachy, “lo vuoi così tanto”.

“Una volta che vedi lo slancio allontanarsi da te”, ha detto, “ci vuole una mente molto forte per uscirne”.

I giocatori che lasciano scomparire un vantaggio spesso riferiscono che il loro braccio sembra essere il doppio del peso normale o che le loro gambe non sono più così efficaci.

“Assolutamente, quando sei stressato, ti congeli”, ha detto Pegula. “Non vuoi muovere i piedi. Diventi un po’ nervoso all’idea di essere servito.”

Peachy ha detto che le circostanze, l’occasione e l’avversario dovevano essere presi in considerazione.

“È sempre facile dire che stanno soffocando”, ha detto. “Ma se li costringi a colpire al massimo, è davvero ‘soffocamento’? O quella buona giocata dell’avversario dall’altra parte ti costringe a batterli con il loro colpo meno preferito?”

Da parte sua, Brittini ha detto semplicemente.

“Avevo un match point. L’ho perso. … Questo riassume la partita”, ha detto.

___

AP Tennis: https://apnews.com/hub/tennis E https://twitter.com/AP_Sports