Settembre 24, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I robot neurali Intel hanno una memoria fotografica

Intel’s Neuromorphic Robots Have A Photographic Memory, And I For One Welcome Our New Overlords

Intel sta alimentando i robot a forma neurale, AKA, robot che riconoscono gli oggetti dopo che sono stati schierati, in un interessante sviluppo nell’intelligenza artificiale.

Quindi, definiamo rapidamente come lo chiama Intel Informatica neurale e robotica: Il robot, con le sue capacità neurali, sarà in grado di generare ‘errori’ (piccoli movimenti oculari tremolanti) dopo aver osservato l’oggetto con gli occhi (fotocamera o sensore di visione dinamico).

Questi eventi sono raccolti e alimentati da Chip Intel Loihi e aggiunto a rete neurale alta, che funziona un po’ come il cervello con i dati e le informazioni raccolte. Se l’oggetto o la vista non sono stati registrati in precedenza nella rete neurale, la rappresentazione dell’evento verrà aggiornata o aggiunta come nuova voce. Se noto, viene riconosciuto e viene fornito un feedback all’utente.

Non è un concetto nuovo, Non è una pratica nuovaTuttavia, il chip Loihi di Intel è in grado di contenere e aggiungere memoria fino a 175 volte in meno rispetto ai metodi CPU tradizionali. In collaborazione con l’Istituto Italiano di Tecnologia e l’Università Tecnica di Monaco, ciò è stato ottenuto implementando un’architettura di rete neurale di montaggio su un chip Loihi.

Dopo aver visualizzato un evento (un oggetto), Loihi localizza quindi il processo di apprendimento in un “singolo strato di sinapsi di plastica”, reclutando nuovi neuroni e ottenendo al contempo visioni diverse degli oggetti. Ciò consente al robot di apprendere mentre è anche in grado di interagire con l’utente.

Ergo, i robot possono creare ricordi che ora sono più efficienti dal punto di vista energetico. Diamine sì, i nostri futuri signori robotici sono consapevoli dell’energia.

“Quando un essere umano impara qualcosa di nuovo, dà un’occhiata, lo capovolge, chiede di cosa si tratta e poi è in grado di riconoscerlo di nuovo immediatamente in tutti i tipi di ambienti e condizioni”, ha affermato Yulia Sandamirskaya, ricercatrice di robotica. Dirige l’Intel Neural Computing Lab.

READ  UnLtd ha lanciato la prima campagna industriale gratuita nell'Australia occidentale

“Il nostro obiettivo è applicare capacità simili ai futuri robot che operano in ambienti interattivi, consentendo loro di adattarsi agli imprevisti e lavorare in modo naturale con gli esseri umani. I nostri risultati con Loihi migliorano il valore del calcolo neurale per il futuro della robotica”.

Questa ricerca, secondo Intel, è importante per migliorare ciò che la produzione o la robotica assistiva possono fare in futuro. Onestamente, la capacità dei robot di imparare sul lavoro suona alla grande.

Tieni presente, tuttavia, che questa ricerca, finora, è stata limitata agli eventi visivi. Sebbene le immagini siano importanti, considera tutte le cose da cui un bot non sarà in grado di imparare, inclusi suoni e sensazioni (sebbene Il chip può puzzare), combinato con il pensiero critico in scenari complessi.

Tuttavia, questo è uno sviluppo impressionante.

Potresti Leggi il documento “Apprendimento continuo interattivo per robot: un approccio neurale” online. il suo nome era “Best Paper” alla Conferenza Internazionale sui Sistemi Neurologici (ICONS). Puoi leggere l’annuncio su Sito Intel.