Agosto 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I rendimenti obbligazionari dell’Eurozona scendono a causa delle preoccupazioni per le prospettive economiche

Immagine illustrativa delle banconote in euro, 25 aprile 2014. REUTERS/Dado Rovich/

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Reuters) – I rendimenti dei titoli di Stato dell’Eurozona sono scesi martedì, poiché i mercati monetari hanno ridimensionato le aspettative di un rialzo dei tassi della Banca centrale europea a causa dei timori per possibili tagli alle forniture di gas.

Il flusso di gas naturale attraverso il gasdotto Nord Stream 1 dalla Russia alla Germania è sceso a zero lunedì quando è iniziata la manutenzione del gasdotto.

Governi, mercati e aziende sono preoccupati per la possibilità di un’estensione del blocco a causa della guerra in Ucraina e ciò si riflette nei dati che mostrano che il sentimento degli investitori tedeschi è crollato a luglio, scendendo al di sotto dei livelli all’inizio della pandemia. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Queste preoccupazioni hanno portato alcuni analisti ad aspettarsi un ritmo rapido dell’aumento della BCE nel 2022 e un arresto nel 2023 poiché si prevede che l’eurozona rallenterà in modo significativo a causa dell’impatto dei prezzi più elevati dell’energia e di un possibile calo delle forniture di gas.

Martedì, il rendimento del titolo di stato tedesco a 10 anni è sceso all’1,094%, avvicinandosi al minimo di sei settimane ed è sceso di 13 punti base all’1,12% entro le 1513 GMT.

I rendimenti sono diminuiti quando i mercati monetari hanno ridotto le loro scommesse secondo cui la Banca centrale europea avrebbe aumentato i tassi di interesse a 137 punti base entro dicembre e le scommesse sul tasso di interesse finale sono scese a circa l’1,3% a dicembre 2023, da circa l’1,45% di lunedì, secondo Refinitiv dati.

READ  Quest'anno Vespa punta alle vendite pre-Covid; Obiettivo 1 litro l'anno prossimo

“Riteniamo che i rendimenti obbligazionari scendano al di sotto di quest’ultimo range”, ha affermato Mohamed Kazemi, portfolio manager di Union Bancaire Privée.

Le obbligazioni periferiche hanno sottoperformato in alcune sessioni a causa dei timori sul cosiddetto strumento anti-frammentazione della Banca centrale europea.

La banca si è impegnata a lavorare su uno strumento per contenere la differenza “ingiustificata” tra gli oneri finanziari per Stati membri fortemente indebitati come Italia e Germania che potrebbe impedire la trasmissione della politica monetaria in tutto il blocco.

Il decisore politico intransigente Joachim Nagel ha dichiarato lunedì che la Banca centrale europea dovrebbe emulare quello annunciato durante la crisi del debito, il programma Outstanding Monetary Transactions (OMT) che consente alla BCE di acquistare quantità illimitate di obbligazioni da paesi che richiedono un salvataggio da il meccanismo europeo di stabilità. Leggi di più

Martedì, ha aggiunto, le attuali differenze di rendimento sono “fondamentalmente giustificate” fino a prova contraria. Leggi di più

Lo spread attentamente osservato tra i rendimenti delle obbligazioni decennali italiane e tedesche si è ampliato di un punto a 208 punti base, ma è rimasto invariato per l’ultima volta a 205 punti base.

Kazmi di UBP ha affermato: “I commenti di Nagel non aiutano, ma non credo che ci siano notizie reali sullo strumento anti-frammentazione. Se i mercati sono delusi, vedremo spread molto più alti mentre i mercati testano la risoluzione della BCE”.

Sul fronte politico, lunedì il presidente del Consiglio Mario Draghi ha incontrato il presidente italiano per discutere del futuro del suo governo tra le tensioni ribollenti con il Movimento 5 stelle, membro della coalizione.

READ  Costa Crociere celebra la ripresa delle crociere nel Mediterraneo

Ha aggiunto: “C’è poco rumore politico che influisce sulla sua diffusione con Five Stars che fornisce meno supporto al governo Draghi. Il nostro scenario di base è che Draghi rimarrà primo ministro, senza elezioni anticipate quest’anno”, ha aggiunto.

In una vendita di debito congiunta, l’Unione Europea ha raccolto 8 miliardi di euro di nuove obbligazioni a sette anni e ha riaperto le obbligazioni a 20 anni per sostenere il COVID-19 Recovery Fund, secondo un lead manager.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Reportage di Stefano Ribaudo), con Yoruk Bahceli. Montaggio di Kirsten Donovan, Raisa Kasulowski e David Evans

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.