Novembre 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I mitici unicorni Ferrari scendono sulle Alpi Svizzere

Se ci chiedeste di nominare la Ferrari la corsa più famosa di tutti i tempi, citiamo sicuramente le Ferrari Dino 206S, SP e 250 GTO, oltre alla Ferrari 512M. Questo fine settimana, tutti quegli unicorni saranno presenti a Passione Engadina a St. Moritz.

Celebrando i momenti salienti della cultura automobilistica italiana nella pittoresca cornice delle Alpi svizzere intorno a St. Moritz, Passione Engadina è uno dei raduni regolari più prestigiosi d’Europa. Quest’anno, l’evento celebra il suo decimo anniversario con un’altra straordinaria gamma di auto sportive e da corsa italiane. Oltre a correre intorno alle montagne dell’Engadina e correre sulla pista dell’aeroporto di Samedan, le auto più eleganti durante il Concours saranno assegnate, tra gli altri, al Design Master Lorenzo Ramaciotti e al nostro CEO, J. Philip Rathgen. Il marchio onorario dell’anno è Ferrari – e in collaborazione con l’amico di lunga data e mecenate di Kessel, l’organizzatore Paolo Spaloto e il team dietro la Passione Engadina sono stati in grado di attirare alcune delle auto più iconiche mai corse nel marchio del cavallo al galoppo a un protagonista al suo evento anniversario dal 27 al 29 agosto 2021.

Il giorno prima dello spettacolo, Fabrizio D’Aloysio e Katie Trapsma hanno portato i tre unicorni a fare un giro per la città, scaldando i dinosauri con un aperitivo e rinfrescando le Ferrari 512m V12 durante la Night Cup al Colm Country Club.

Ferrari Dino 206 SP & S

Gli anni ’60 sono l’età d’oro nella straordinaria storia delle corse della Ferrari – ed è quasi impossibile dire quale delle innumerevoli macchine da corsa di Maranello sia la più famosa. Tuttavia, abbiamo un debole per i dinosauri leggeri e aggraziati, in particolare i seguenti due modelli. Immagina una versione decappottabile della Dino 166 P con un motore più grande e ti trovi di fronte alla Ferrari Dino 206 SP. Un progetto di una volta per i Campionati Europei della Montagna, Barchetta ha assegnato a Ludovico Scarviotti quattro vittorie nel 1965 e gli ha permesso di prendere il titolo. Un anno dopo, la Ferrari Dino 206 S ha preso il comando. Gli ingegneri riuscirono a ridurre il peso in ordine di marcia di altri 50 chilogrammi e, dotata di un V6 da 2 litri a doppio albero a camme in testa di 65 gradi derivato direttamente dalla Formula 1, la vettura si dimostrò estremamente resistente nelle mani dei suoi piloti e tornò a casa con numerose vittorie di classe. Parcheggiati sull’erba del leggendario Kulm Country Club, si può solo immaginare quanto debba essere emozionante guidare questi due alpinisti attraverso il locale passo Julier o Flüela e mangiare un po’ di serpentino per colazione.

READ  Il veterano delle Paralimpiadi GB Thomas prende di mira lo shock del Milan Cortina

Ferrari 512m

Avanti veloce fino ai primi anni ’70 e puoi trovarci ad ammirare alcune delle auto da corsa più drammatiche della Ferrari costruite per i modelli da corsa del Gruppo F. Dopo che la Ferrari ha scosso la scena con il suo motore 512 S da 12 cilindri da 5 litri, il team ufficiale della Scuderia ha preso di mira una Porsche 917 con una Ferrari 512M migliorata con freni a disco posteriori più potenti, un nuovo sistema di sospensione, un telaio più aerodinamico e un più leggero, motore più potente con teste cilindri Più efficiente, la Modificata è il risultato diretto dell’esperienza agonistica di questa stagione. Debuttando nel 1970 sul circuito di Zeltweg, la 512 M ha gareggiato nel Campionato del Mondo Costruttori nel 1971. E anche se la Ferrari 512 M non è sicuramente l’auto che vorresti percorrere il Passo del Maloja in un’umida sera autunnale , immagina di accelerare fino a 9000 giri/min in volo davanti a folle esultanti a 300 km/h!

Ferrari 250 GTO

C’è il rinoceronte Ferrari e poi c’è la GTO. La Ferrari 250 GTO, considerata l’auto più desiderabile e più costosa che abbia mai percorso il circuito terrestre, viene solitamente menzionata a bassa voce. Ora il team di Passione Engadina non poteva che entrare in possesso di uno di questi “sacri graal” – per il servizio fotografico con il nostro amico Fabrizio D’Aloisio, hanno osato parcheggiare nell’atrio della venerabile casa di Suvretta. Come abbiamo sempre saputo: alcune cose sono possibili solo a St. Moritz.

Questa non è una Ferrari?!

Sì, c’è un’eccezione alla nostra scelta qui, la nuovissima Kimera EVO37. Abbiamo rivelato l’auto in esclusiva a maggio e siamo stati i primi a goderci un viaggio in salita su per la collina al Goodwood Festival of Speed ​​​​a luglio. Restomodding è molto popolare in questo momento, ma è fin troppo facile sbagliare. Kimera è un ottimo esempio di come farlo bene. Iniziando con il reverse engineering sia della Delta S4 che della 037, il team ha deciso di reinterpretare attentamente la 037 per l’era moderna e penso che sarete d’accordo sul fatto che meriti il ​​suo posto in questo trio di Ferrari.

READ  La squadra di basket maschile della Virginia inizia il tour europeo sconfiggendo la squadra italiana a Roma - Virginia Pilot

Foto: Fabrizio D’Aloisio