Dicembre 4, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I medici hanno potuto studiare l’attività cerebrale dell’uomo durante la sua morte

“Geodesic Sensor Network”, utilizzato per ottenere una lettura EEG molto dettagliata.
Foto: Olly Sciarpa (Getty Images)

seIn particolare, per la prima volta in assoluto, i medici hanno esaminato in dettaglio Il cervello umano negli ultimi istanti della sua vita. I risultati sono stati ottenuti da un paziente ospedaliero che Ad un tratto Morire mentre c’è Monitorando il cervello per le convulsioni, e potrebbero fornire un supporto per l’idea che le persone Vedono le loro vite brillare davanti ai loro occhi mentre si avvicinano alla morte.

la ricerca era pubblicato Martedì a Frontiers in Aging Neuroscience. Secondo il rapporto, il paziente era un uomo di 87 anni, ricoverato in ospedale dopo aver subito una grave caduta che gli ha provocato un’emorragia nel corpo. cervello. Dopo aver subito un intervento chirurgico per curare la ferita, l’uomo è rimasto stabile per un breve periodo di due giorni prima dell’inizio delle convulsioni. Successivamente è stato sottoposto a un elettroencefalogramma (EEG), che misura l’attività elettrica del cervello. Un EEG ha confermato i suoi continui attacchi, ma a metà strada il cuore dell’uomo ha smesso di battere ed è andato in arresto cardiaco. In accordo con i desideri della sua famiglia e le condizioni di non rianimazione del paziente, i medici non hanno tentato ulteriori cure e presto l’uomo è morto. Poiché la macchina EEG ha continuato a funzionare durante gli ultimi minuti della vita di un uomo, i medici avevano a disposizione una serie unica di dati.

Ci sono stati molti tentativi di studiare cosa succede al nostro corpo e alla nostra mente mentre moriamo. Ma gran parte di questa ricerca, comprensibilmente, ha comportato l’estrapolazione da ciò che vediamo negli studi sugli animali controllati sugli esseri umani. Alcuni studi sono stati in grado di tracciare Segni vitali o semplice attività cerebrale di persone sottratte ai dispositivi di supporto per la vita o la morte, che hanno fornito alcuni spunti interessanti. Ma questa sembra essere la prima volta che il cervello di una persona morente viene studiato in modo così dettagliato usando un EEG.

La scoperta più eccitante, dicono gli autori, è l’evidenza che potrebbe esserci qualcosa di reale negli stereotipi delle NDE. Immediatamente prima e dopo che il cuore dell’uomo ha smesso di battere, ad esempio, si è verificato un aumento delle onde gamma cerebrali, che sono associate all’apprendimento e alla memoria. e modelli di attività cerebrale, inclusa la gamma, che il team ha documentato nell’uomo durante la sua morte Somiglia Gli schemi che vediamo nelle persone che sognano o ricordano i ricordi. “Tale attività può supportare il ‘ricordo della vita’ finale che può verificarsi in una situazione di pre-morte”, hanno scritto.

Naturalmente, questi risultati si basano sulle letture del cervello di una persona. L’uomo ha anche sofferto di lesioni cerebrali traumatiche e gonfiore, ha sviluppato convulsioni e prima della sua morte stava assumendo anticonvulsivanti, che potrebbero rendere la sua attività cerebrale diversa da quella di una persona morente media. Ma gli autori notano anche molto di ciò che hanno trovato Linee con quanto visto negli studi di laboratorio su topi morenti, fornendo un certo supporto sul fatto che la loro ricerca può essere generalizzabile.

Gli autori hanno in programma di cercare casi simili e sperano che un ulteriore lavoro farà meglio luce su come moriamo e se è probabile che le nostre vite ritornino a noi prima della fine.

“Qualcosa che potremmo imparare da questa ricerca è che anche se i nostri cari chiudono gli occhi e sono pronti a lasciarci riposare, il loro cervello sta probabilmente rivivendo alcuni dei momenti più belli che hanno avuto nella loro vita”, ha detto l’autore dello studio Ajmal Zammar, neurochirurgo dell’Università di Louisville. Raccontare Notizie di scienza di frontiera.

READ  Sintomi variabili Omicron: 5 sintomi da non ignorare