Luglio 14, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I funghi sembrano avere “conversazioni” elettriche dopo che piove: ScienceAlert

I funghi sembrano avere “conversazioni” elettriche dopo che piove: ScienceAlert

La foresta riecheggia spesso le voci dei suoi abitanti, soprattutto dopo la pioggia. Gli uccelli e gli uccelli tubano, gli insetti cinguettano e ronzano, le rane tremano e si tuffano.

Ma non tutte le conversazioni nella giungla sono udibili e non tutte coinvolgono animali.

In un nuovo studio, gli scienziati in Giappone hanno trovato accenni intriganti che la pioggia può indurre alcuni funghi a comunicare usando segnali elettrici sottoterra.

I ricercatori si sono concentrati su piccoli funghi di colore marrone chiaro noti come ingannatori bicolori (Laccaria bicolore), che hanno trovato crescere sul pavimento di una foresta mista secondaria presso il Kawatabe Field Science Center della Tohoku University in Giappone.

L. bicolore È un fungo ectomicorrizico che forma relazioni simbiotiche con alcune piante, tra cui molti grandi alberi come querce e pini. Aumenta il loro apporto di acqua e sostanze nutritive in cambio di carboidrati.

La ricerca precedente suggerisce persino L. bicolore Alcuni alberi possono aiutare Si nutrono indirettamente di animaliAttira e uccide i parenti degli insetti chiamati collemboli, possibilmente con un veleno, e condivide l’azoto dell’animale con gli alberi ospiti.

Mentre alcuni funghi micorrizici penetrano nelle pareti cellulari delle piante ospiti, i funghi micorrizici esterni come L. bicolore Invece, costruisci “guaine” sotterranee attorno alle radici dell’albero.

Queste guaine sono costituite da ife simili a radici che nutrono la crescita del fungo. Quando le ife micorrize sotterranee sono associate, formano sistemi interconnessi noti come reti di micorrize. È stato suggerito che tali reti sotterranee funzionino come una sorta di “Wide Web Wood”, con intere foreste che comunicano tramite segnali chimici sotto le radici degli alberi e le micorrize.

READ  Adolescente ucciso, tifosi di Francia e Marocco si scontrano con la polizia dopo le semifinali dei Mondiali

Mentre le reti fungine micorriziche sono reali, ci sono poche prove per sapere se raggiungono la scala e la complessità spesso attribuite alle reti su larga scala. Alcuni scienziati affermano che molti resoconti popolari di questo fenomeno sono esagerati.

Tuttavia, questo studio si aggiunge a un corpus crescente di ricerche che scavano più a fondo nei dettagli di queste relazioni, rivelando dettagli affascinanti su come funzionano.

Precedenti studi hanno dimostrato che i funghi producono differenze nei potenziali elettrici apparentemente in risposta ai cambiamenti nel loro ambiente, con prove che suggeriscono che questi segnali agiscono come una forma di comunicazione.

Uno studio del 2022, ad esempio, ha trovato modelli di attività elettrica simile a un nervo in alcuni funghi che sembrano paragonabili alla struttura del linguaggio umano. Lo studio ha identificato fino a 50 diverse “parole” o gruppi di dossi nell’attività elettrica, generati da reti fungine.

Precedenti ricerche hanno anche scoperto che le piante possono inviare segnali elettrici segreti sottoterra, forse anche senza l’aiuto dei funghi delle radici.

Gli autori del nuovo studio osservano che mentre i picchi di voltaggio sono stati osservati in precedenza nei funghi, a volte in risposta all’acqua o ad altri stimoli, la maggior parte degli studi si è concentrata su specie limitate di funghi coltivate su terreni sintetici o raccolte dal campo in condizioni di laboratorio. .

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno attaccato gli elettrodi a un gruppo di sei L. bicolore I funghi che trovano crescono sul ciglio di una strada forestale.

Il fungo si trovava vicino alla quercia gulsham (Quercus serrata) e il carpino a fiore debole (Carpino laxiflora), ed entrambe sono potenziali specie arboree simbiotiche L. bicolore.

fungo Laccaria bicolore, o il burlone bicolore. (Dick Colbert/Flickr/CC BY-2)

I ricercatori hanno monitorato il potenziale elettrico del fungo, misurato in millivolt (mV), per circa due giorni tra la fine di settembre e l’inizio di ottobre 2021. Il sito di studio era inizialmente soleggiato e asciutto, avendo ricevuto poca pioggia nei 12 giorni precedenti, riferiscono.

READ  Il disegno di legge "Don't Say Gay" passa nello stato americano della Florida, va al governatore

Ma le cose sono cambiate il 1° ottobre, quando il tifone Mindul ha portato 32 mm di pioggia. Una o due ore dopo la pioggia, i funghi hanno iniziato a mostrare nuovi segni di attività.

“All’inizio, i funghi hanno mostrato tensioni più basse, e l’abbiamo ridotto a meno precipitazioni”, dice. Lui dice L’ecologo microbico Yu Fukasawa dell’Università di Tohoku. “Tuttavia, i potenziali elettrici hanno iniziato a fluttuare dopo la pioggia, a volte superando i 100 millivolt”.

Questa variabilità è correlata ai cambiamenti sia delle precipitazioni che della temperatura, secondo Fukusawa e colleghi, la cui analisi indica che il segnale elettrico dopo la pioggia ha mostrato prove di trasmissione del segnale tra i funghi.

I ricercatori hanno riferito che questo trasferimento di segnale era particolarmente forte tra i funghi situati uno vicino all’altro sul suolo della foresta e mostrava la direzione.

Sebbene il nuovo studio sia tutt’altro che definitivo, aggiunge un altro intrigante tassello al puzzle del ruolo svolto dai funghi negli ecosistemi spesso trascurati nascosti sotto il suolo delle foreste.

“I nostri risultati confermano la necessità di ulteriori studi sul potenziale elettrico dei funghi in un contesto ambientale reale”, ha affermato Fukasawa Lui dice.

Lo studio è stato pubblicato in Ecologia fungina.