Luglio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I diritti della Serie A stanno attirando un’offerta di 4,5 miliardi di euro da DAZN e Sky Italia, afferma il rapporto

I diritti della Serie A stanno attirando un’offerta di 4,5 miliardi di euro da DAZN e Sky Italia, afferma il rapporto
  • DAZN offre un payout minimo garantito di 700 milioni di euro a stagione
  • L’offerta di Sky di circa 200 milioni di euro a stagione è in calo rispetto al suo accordo attuale con la Serie A

Secondo il Daily Mail britannico, la società di media sportivi DAZN e il canale televisivo a pagamento Sky Italia hanno aumentato le loro offerte per i diritti di trasmissione locale della Serie A. Bloomberg.

Si ritiene che la loro ultima offerta, che copre fino a cinque stagioni, abbia un valore complessivo di 4,5 miliardi di euro (4,75 miliardi di dollari). Questi miglioramenti sono considerati minori rispetto alle precedenti offerte presentate dalle due società.

Bloomberg ha riferito che le offerte includono condizioni che vedrebbero le emittenti di Serie A pagare un ulteriore miliardo di euro (1,05 miliardi di dollari) su un periodo di cinque anni se le loro partnership soddisfano vari criteri di prestazione, inclusa la crescita degli abbonati.

Secondo il rapporto, DAZN ha presentato un’offerta che garantisce un ricavo minimo garantito di circa 700 milioni di euro (738,9 milioni di dollari) a stagione per il campionato. Nel frattempo, si ritiene che Sky Italia abbia offerto circa 200 milioni di euro (211,1 milioni di dollari) a stagione.

DAZN e Sky sono gli attuali partner televisivi della Serie A. DAZN ha attualmente un contratto del valore di oltre 2,5 miliardi di euro (2,64 miliardi di dollari) per la maggior parte dei giochi in tre anni. Per quanto riguarda Sky, si dice che pagherà alla lega 262,5 milioni di euro (277,1 milioni di dollari) ogni stagione per un pacchetto secondario di partite.

READ  Classifica italiana | agata | Timesnews.net

Il professionista sportivo dice…

All’inizio di quest’anno, la Serie A ha concordato di istituire vari schemi di gara per i diritti nazionali, con l’obiettivo di garantire 7,2 miliardi di euro (7,6 miliardi di dollari) per contratti quinquennali.

Sebbene viste come un miglioramento rispetto alle loro offerte precedenti, le ultime offerte di DAZN e Sky sembrano rimanere al di sotto dell’obiettivo di entrate della lega per i loro diritti. La mancanza di offerte soddisfacenti aveva precedentemente bloccato la vendita dei diritti, con il termine per la presentazione delle offerte finali prorogato al 23 ottobre.

Il mese scorso, l’amministratore delegato della Serie A Luigi De Siervo ha confermato che la lega era pronta a lanciare il proprio servizio di streaming direct-to-consumer (DTC) se non fosse riuscito a soddisfare il prezzo richiesto dalle emittenti.

Secondo quanto riferito, diverse società e fondi di private equity hanno indicato interesse a fornire finanziamenti, con Oaktree Capital Management menzionato All’inizio di questo mese ha presentato un’offerta del valore di oltre 1 miliardo di euro (1,05 miliardi di dollari).