Aprile 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I bombi imparano a risolvere enigmi osservando le altre api

I bombi imparano a risolvere enigmi osservando le altre api

Un nuovo studio pubblicato su PLOS Biology mostra che i bombi possono apprendere nuovi comportamenti osservando e imitando altre api e che questo comportamento può diffondersi rapidamente in tutta la colonia. La ricerca suggerisce che l’apprendimento sociale gioca un ruolo importante nel modo in cui le api cercano cibo.

Un nuovo studio mostra che le api raccolgono nuove “tendenze” nel loro comportamento osservando e imparando da altre api e che una forma di comportamento può diffondersi rapidamente in una colonia anche quando viene rilevata una versione diversa.

La ricerca, condotta dalla Queen Mary University di Londra e pubblicata oggi (7 marzo) in Biologia PIÙfornisce una forte evidenza che l’apprendimento sociale porta a un comportamento diffuso dei bombi, in questo caso particolare Come Si nutrono di cibo.

Sono stati fatti una serie di esperimenti per dimostrarlo. I ricercatori hanno progettato una scatola puzzle a due scelte che potrebbe essere aperta spingendo una linguetta rossa in senso orario o una linguetta blu in senso antiorario per rivelare una ricompensa del 50% della soluzione di saccarosio.

Dai da mangiare alle api dalla scatola del puzzle

Le api si nutrono da una scatola di puzzle aperta premendo la linguetta blu. Credito: Alice ponti (CC BY 4.0)

Le api “da esposizione” sono state addestrate a utilizzare le linguette rosse o blu, mentre le api “osservatrici” osservavano. Quando è stato il turno degli osservatori di risolvere il puzzle, hanno scelto in modo schiacciante e ripetuto di utilizzare lo stesso metodo che hanno visto, anche dopo aver scoperto l’alternativa. Questa preferenza per i cetrioli insegnati è stata mantenuta da intere colonie di api, con una media del 98,6% di aperture di scatole effettuate con il metodo insegnato.

L’importanza dell’apprendimento sociale per l’acquisizione delle soluzioni dei quadrati dei puzzle è stata dimostrata anche dal gruppo di controllo, a cui mancava un dimostratore. In questo gruppo, alcune api sono riuscite ad aprire le scatole dei puzzle, ma lo hanno fatto molto meno volte rispetto a quelle che hanno tratto beneficio dal vedere un’altra ape farlo per prima. Il numero medio di cassette aperte al giorno dalle api di controllo con un dimostratore è stato di 28 cassette al giorno, mentre era una sola cassetta per la colonia di controllo.

In un ulteriore esperimento, i ricercatori hanno collocato dimostratori “blu” e “rossi” negli stessi gruppi di api. Nella prima popolazione, il 97,3% dei 263 casi di apertura di scatole da parte degli osservatori al giorno 12 utilizzava il metodo rosso. Nel secondo gruppo, gli osservatori hanno preferito il metodo blu rispetto al colore rosso in tutti i giorni tranne uno. In ogni caso, questo ha dimostrato in primo luogo come una tendenza comportamentale possa emergere in una popolazione, principalmente a causa del ritiro delle api esperte dal foraggiamento e dell’emergere di nuovi apprendisti, piuttosto che delle api che cambiano il loro comportamento preferito.


Un’ape apre una scatola del puzzle premendo la linguetta rossa per ruotare il coperchio della scatola in senso orario. Credito: Bridges AD et al. 2023, Biologia PLOS

Risultati simili da esperimenti simili sono stati utilizzati in[{” attribute=””>species such as primates and birds to suggest that they, like humans, are capable of culture. If bumblebees are capable of this, too, this could potentially explain the evolutionary origin of many of the complex behaviors seen among social insects. It might be possible that what now appears instinctive could have been socially learned, at least originally.

Dr. Alice Bridges, the lead author from Queen Mary University of London, said: “Bumblebees – and, indeed, invertebrates in general – aren’t known to show culture-like phenomena in the wild. However, in our experiments, we saw the spread and maintenance of a behavioral “trend” in groups of bumblebees – similar to what has been seen in primates and birds. The behavioral repertoires of social insects like these bumblebees are some of the most intricate on the planet, yet most of this is still thought to be instinctive. Our research suggests that social learning may have had a greater influence on the evolution of this behavior than previously imagined.”

Professor Lars Chittka, Professor of Sensory and Behavioural Ecology at Queen Mary University of London and author of the book ‘The Mind of a Bee’, said: “The fact that bees can watch and learn, and then make a habit of that behavior, adds to the ever-growing body of evidence that they are far smarter creatures than a lot of people give them credit for.

“We tend to overlook the “alien civilizations” formed by bees, ants, and wasps on our planet – because they are small-bodied and their societies and architectural constructions seem governed by instinct at first glance. Our research shows, however, that new innovations can spread like social media memes through insect colonies, indicating that they can respond to wholly new environmental challenges much faster than by evolutionary changes, which would take many generations to manifest.”

Reference: “Bumblebees acquire alternative puzzle-box solutions via social learning” by Alice D. Bridges, HaDi MaBouDi, Olga Procenko, Charlotte Lockwood, Yaseen Mohammed, Amelia Kowalewska, José Eric Romero González, Joseph L. Woodgate and Lars Chittka, 7 March 2023, PLOS Biology.
DOI: 10.1371/journal.pbio.3002019

READ  Cosa c'è sotto lo scioglimento dei ghiacciai e lo scongelamento del permafrost? Metalli preziosi, combustibili fossili e microbi mortali