Agosto 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I bambini di città hanno una migliore salute mentale e consapevolezza se vivono vicino alle foreste

I ricercatori hanno studiato 3.568 adolescenti di età compresa tra 9 e 15 anni in 31 scuole di tutta Londra per quattro anni per esaminare le associazioni tra ambienti naturali e sviluppo cognitivo, salute mentale e benessere generale.

Utilizzando i dati satellitari delle piante, i ricercatori hanno calcolato l’esposizione giornaliera degli adolescenti a “spazi verdi”, come foreste, prati e parchi, e “spazio blu”, inclusi fiumi, laghi e mare, entro 50 metri (164 piedi), e 100 metri (328) piedi) e 250 m (820 piedi) e 500 m (1.640 piedi) da casa e scuola.

Una maggiore esposizione giornaliera alle foreste è stata associata a punteggi più alti per lo sviluppo cognitivo – misurato da una serie di compiti basati sulla memoria – e un rischio inferiore del 17% di problemi emotivi e comportamentali dopo due anni, hanno detto i ricercatori, aggiungendo che si sono adattati. Altre variabili, come l’età, l’origine etnica, il sesso, l’occupazione dei genitori, il tipo di scuola e l’inquinamento atmosferico.

I ricercatori hanno spiegato che l’esposizione agli spazi verdi è stata associata a un contributo benefico allo sviluppo cognitivo dei giovani. Nello studio, pubblicato lunedì, i ricercatori osservano che le stesse associazioni non sono state osservate quando esposti allo spazio blu, sebbene il campione di bambini studiati fosse generalmente basso.

L’autore principale Mikaël Maes ha affermato che mentre il team ha stabilito un legame tra le foreste e il miglioramento dello sviluppo cognitivo e della salute mentale, non esiste una relazione causale tra i due, cosa che potrebbe essere studiata in futuro.

“Attualmente, i meccanismi attraverso i quali gli esseri umani ricevono benefici per la salute mentale o cognitivi dall’esposizione alla natura sono sconosciuti. La ricerca scientifica sul ruolo dei sensi umani è la chiave per stabilire una relazione causale”, Maes, ricercatore PhD presso la School of dell’University College di Londra. Geografia, scienze biologiche e sanità pubblica dell’Imperial College di Londra, ha detto alla CNN.

READ  Queste erano le specie dimenticate che si credeva si fossero estinte su Paradise Island Paradise

Una possibile spiegazione per la relazione tra foreste e cognizione e salute mentale potrebbe essere che l’esposizione audiovisiva attraverso la vegetazione e l’abbondanza di animali – che sono più comuni nelle foreste – fornisce benefici psicologici, ha detto Maes in una e-mail.

Tuttavia, c’erano dei limiti allo studio. Il team ha affermato che la ricerca ha ipotizzato che vivere o andare a scuola vicino ad ambienti naturali significasse una maggiore esposizione a loro, il che potrebbe non essere sempre il caso. Né sono stati presi in considerazione i tassi di criminalità nella regione.

I ricercatori hanno anche notato che più della metà dei partecipanti aveva genitori con un lavoro manageriale o professionale, il che significa che gli adolescenti di altri gruppi socioeconomici potrebbero essere sottorappresentati nello studio. Gli alunni con bisogni educativi speciali possono anche reagire in modo diverso dai loro coetanei rappresentati nella ricerca.

“Nuove visioni”

“I risultati sono impressionanti e sottolineano l’importanza di trascorrere del tempo all’aperto su questa scala”, ha detto alla CNN via e-mail Carol Fuller, presidente dell’Institute of Education dell’Università di Reading.

“Tuttavia, mentre i risultati sono incoraggianti, quello che non otteniamo dallo studio è capire perché vediamo i risultati che stiamo ottenendo? Mentre gli autori speculano sulle cause, c’è un bisogno critico di impegnarsi direttamente con i giovani per capire i risultati dal punto di vista di coloro che hanno partecipato”, ha detto Fuller, che non era legato alla ricerca.

“La ricerca si aggiunge a un crescente corpo di lavoro sull’importanza di essere all’esterno in cose come la fiducia, la resilienza e l’autoefficacia”, ha affermato.

Ha aggiunto: “È logico che se riesci a sviluppare queste abilità, allora cose come la cognizione e i risultati dell’apprendimento miglioreranno. Stare all’aperto consente ai giovani di apprendere una serie di abilità diverse e di partecipare a diverse esperienze, il che è importante per lo sviluppo di queste tratti fondamentali”. .

READ  Governa dirige. I funzionari sanitari statali di Mills riesaminano le nuove linee guida federali sulle maschere

Stella Chan, professore di psicoterapia basata sull’evidenza presso l’Università di Reading, ha dichiarato in una e-mail alla CNN che la ricerca ha fornito “nuove intuizioni” con “il potenziale per informarci su come possiamo supportare meglio lo sviluppo intellettuale, la salute e il benessere dei giovani”. -essere.”

“Come notano gli autori, solo perché qualcuno vive vicino ad ambienti naturali non significa che possa o avrà accesso a quello spazio, e ovviamente come le persone usano lo spazio è un’altra grande domanda da porsi”, Chan, che non è stato coinvolto in lo studio, ha detto.

“Sulla base di questi risultati, sarà importante indagare in che modo i fattori associati all’esposizione ad ambienti naturali, come l’attività fisica e il uscire con gli amici, possono aiutare a migliorare la resilienza, la salute e il benessere degli adolescenti”, ha affermato Chan.

I grandi spazi aperti sono sempre stati associati a una buona salute fisica e mentale – 2015 uno studio Dimostra che le persone che camminano nella natura riportano meno pensieri negativi frequenti.
e 2019 uno studio Ho scoperto che trascorrere due ore alla settimana godendosi la natura – che si tratti di una foresta, di un giardino o di una spiaggia – dà una spinta positiva alla salute e al benessere, sia mentalmente che fisicamente.