Settembre 25, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Global Electric Vehicle Road Trip rivela il mercato australiano nella corsia lenta | ambiente

Con il recente Vertice sui veicoli elettrici in decollo, il dottor Jake Whitehead era seduto su un aereo da qualche parte nell’Oceano Indiano.

L’obiettivo della conferenza era un ripristino per superare quasi un decennio di stallo nella politica australiana sulle auto elettriche e il trasporto su strada sotto il precedente governo di coalizione, ma Whitehead, il capo della politica presso l’Electric Vehicle Council, era in vacanza.

È stato un viaggio da sogno per un ricercatore di auto elettriche di lunga data: tre periodi separati per migliaia di chilometri in tre paesi diversi con il suo partner, tutti in auto elettriche o ibride.

Mentre i suoi colleghi si davano la mano e ascoltavano i discorsi principali, Whitehead riceveva un’istruzione di prima mano su ciò che il resto del mondo stava facendo sul fronte delle auto elettriche durante i due anni in cui l’Australia ha chiuso i suoi confini al mondo.

“Puoi leggere quanto vuoi online, ma non sarai in grado di vedere cosa sta succedendo davvero qui in Australia finché non sarai davvero lì e sarai in grado di fare il confronto”.

“È incredibile vedere quanto sono avanzati questi paesi”.

Il viaggio elettrico è iniziato con una sosta di due giorni a Los Angeles, dove la coppia ha verificato le nuove auto elettriche Ford F-150 Lightning e Rivian R1T non ancora disponibili in Australia.

Successivamente, hanno guidato verso nord per un viaggio di 2.500 km attraverso la landa selvaggia canadese fino a Banff in una Tesla Model Y. Da lì, sono andati in Islanda dove hanno noleggiato un SUV ibrido plug-in quando il vulcano Fagradalsfjall ha iniziato a eruttare. Alla fine sono volati in Svezia, dove la moglie di Whitehead ha noleggiato una Porsche Taycan Cross Turismo di lusso per il suo compleanno.

Lungo la strada Whitehead dice che non poteva fare a meno di prendere appunti mentali: negli Stati Uniti, la Volkswagen Electrify America stava costruendo un’ampia rete di merci in luoghi accessibili come IKEA Parcheggio Starbucks. A Vancouver, i sistemi di car sharing consentivano alle persone di utilizzare temporaneamente le auto, comprese le auto elettriche. In Europa, Tesla ha aperto al pubblico la sua rete di ricarica, il che significa che chiunque può usarla.

In Europa, Tesla ha aperto al pubblico la sua rete di stazioni di ricarica, il che significa che chiunque può usarla. Fotografia: Jessica Whitehead

“Vivo in Europa da sei anni, ma non tornavo da cinque anni e il cambiamento è stato enorme”, afferma Whitehead. Ovunque tu vada, vedi auto elettriche. Vai al supermercato, ci sono veicoli elettrici lì. Vai in spiaggia, ci sono veicoli elettrici. Guidare lungo l’autostrada? veicoli elettrici.

Ma è stato in Svezia che ha notato i maggiori cambiamenti. C’erano auto elettriche all’aeroporto e quando Whitehead è andato a trovare gli amici, non riuscivano a capire il suo interesse per le loro auto.

“Vorrei venire e dire: ‘Oh, hai un’auto elettrica’”, dice.

“Risponderebbero: Sì, e allora?”

È un’esperienza che molti australiani stanno per condividere: nell’ultimo decennio, i politici del Paese potrebbero aver trascinato le auto elettriche in guerre culturali Ma negli ultimi due anni l’Australia è stata bloccata durante la pandemia, il mondo è cambiato.

E, come rivelano i futuri delineati nei documenti di pianificazione del governo, altri paesi hanno iniziato a rimodellare i loro paesaggi stradali in modo straordinario, dando un’idea di ciò che potrebbe tornare a casa.

EV strada avanti

Nel 2012 sono state vendute solo 120.000 auto elettriche in tutto il mondo: oggi quel numero viene venduto ogni settimana.

Secondo il World Energy Outlook 2022 dell’Agenzia internazionale per l’energia, i veicoli elettrici rappresentavano oltre l’8% del mercato globale delle auto nuove, ovvero quasi 6,5 milioni di veicoli nel 2021.

L’Australia è solo una piccola parte di questi. Nel 2021 sono state vendute 20.065 auto elettriche, il triplo rispetto alle 6.900 auto vendute nel 2020, ma c’è ancora un errore di approssimazione rispetto ai numeri segnalati all’estero.

Il modo in cui il resto del mondo ha continuato a muoversi mentre l’Australia è caduta in una crisi temporale è in gran parte dovuto alla buona politica all’estero.

Nel 2021, l’Agenzia internazionale per l’energia, un’organizzazione altamente conservatrice istituita per monitorare le forniture globali di petrolio, ha pubblicato un rapporto che ha rilevato che il mondo ha bisogno che oltre i due terzi delle vendite globali di auto nuove siano elettriche entro il 2030 e più di 3 miliardi auto elettriche in circolazione entro il 2030. 2050 per raggiungere lo zero netto.

Anche se la leadership politica australiana continua a prendere provvedimenti per un potenziale divieto o una pianificazione graduale per i motori a combustione interna, molti paesi, stati, città e aziende hanno annunciato una scadenza per la fine delle auto a benzina e diesel.

Tra i più ambiziosi c’è la Norvegia, che vieterà la vendita di auto a benzina dal 2025. Altri paesi, come gli Stati membri dell’Unione Europea, il Regno Unito, il Canada e California, Stati Uniti Ha scelto di vietare le auto con nuovi motori a combustione entro il 2035. Anche la Cina lo ha fatto il suo stesso piano.

Tali giurisdizioni aiutano le persone a passare all’elettricità. Fino a poco tempo, il governo del Regno Unito ha offerto sovvenzioni a Basse emissioni Veicoli passeggeri tra gli altri incentivi per i conducenti di veicoli elettrici, come zero Tassa di circolazione.

Sebbene l’ambizione di tali politiche possa essere discussa, la conseguente acquisizione di veicoli elettrici nel Regno Unito è in netto contrasto con il mercato australiano sottosviluppato: a luglio 2022, 127.492 auto registrato Nel Regno Unito le auto elettriche erano alimentate a batteria, rispetto a 85.032 auto contemporaneamente nel 2021.

Con l’aumento delle vendite, l’attenzione del governo si è rivolta a Infrastruttura.

C’è una migliore infrastruttura ciclabile nel mezzo della campagna olandese che in qualsiasi altro posto in questo paese

Di gran lunga, i progressi più rapidi sono stati fatti in Scandinavia. In Norvegia, la trasformazione iniziò nel 1990 quando la band A-ha Partecipa a un atto di disobbedienza civile Guidando per il paese con un’auto elettrica fatta in casa ti rifiuti di pagare pedaggi e multe di parcheggio. Da allora, il paese ha introdotto una serie di politiche che abbassano l’IVA, forniscono parcheggi gratuiti e altre tasse e incentivi che sono stati introdotti anche nei paesi vicini.

A gennaio di quest’anno, le vendite di veicoli elettrici hanno rappresentato l’83,7% di tutte le auto nuove registrato In Norvegia, a luglio era del 70,7%.

Jake Whitehead seduto su un'asta elettrica riviana rossa con la portiera del conducente aperta
Jake Whitehead su una Rivian R1T elettrica a Los Angeles durante il suo recente viaggio in EV World Road. Fotografia: Jessica Whitehead

Mentre l’Australia ha discusso se le auto elettriche siano possibili, la loro ubiquità in luoghi come la Norvegia e la Svezia le ha rese parte della lavorazione del legno, sebbene alcuni paesi siano andati oltre.

Durante un viaggio nei Paesi Bassi a maggio, Tom Swan, sostenitore del clima per il progetto Sunrise, si è detto “sbalordito” dal modo in cui il paese “ha sistemato le auto”.

“Sono sceso dal treno nel centro di Amsterdam e mi sembrava di essere atterrato in un’utopia della bicicletta”, ha detto Swan. “Più biciclette che umani. Chiatte nel fiume, piene di scaffali che serviranno per riporre più biciclette”.

“C’è una migliore infrastruttura ciclabile nel mezzo della campagna olandese che in qualsiasi altra parte di questo paese”.

mettersi al passo con il resto del mondo

“In Australia, c’è sempre la sensazione di tornare indietro nel tempo”, dice Whitehead.

Quando è atterrato a Brisbane, Whitehead ha detto che la “prima e più grande discrepanza” che ha notato è stata che non c’era alcuna opzione per un taxi elettrico all’aeroporto.

Fuori dalla stazione, i pistoni delle auto parcheggiate sparavano sul costoso petrolio importato e l’odore dei gas di scarico si diffondeva nell’aria.

“Puoi sentirlo. Puoi annusarlo”, dice. “Per me, la cosa più importante è l’effetto sull’aria intorno a me. Mi rendo conto che sto respirando quel combustibile fossile che è stato bruciato in un motore”.

“Ma poi non ho alternative. Cosa devo fare? Torno a casa a piedi?”

Il dottor Whitehead afferma che il recente vertice sui veicoli elettrici ha suscitato speranze che l’Australia possa ora lavorare insieme, ma che ci vorranno “tre o quattro anni” per vedere un vero cambiamento.

“Se non cambia nulla, per 20 anni non riusciremo a raggiungere la posizione attuale della Svezia”, ​​afferma. “Non è che il resto del mondo sia seduto ad aspettare che ci rialziamo.”

READ  Il Canada si impegna ad accelerare il reinsediamento degli afgani che hanno lavorato con i suoi militari contro i talebani