Maggio 8, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli Stati Uniti sono stati criticati poiché il numero di casi nel mondo in via di sviluppo è salito alle stelle

Gli americani hanno attraversato un periodo difficile durante il corso della pandemia di coronavirus, ma ci sono segni di ottimismo nel mondo più colpito.

Molti esperti di salute e politici parlano in un tono quasi cerimoniale mentre i casi ricominciano a diminuire e il rilascio del vaccino continua a un ritmo rapido.

Circa il 42% degli americani ha ricevuto almeno una dose del vaccino e una persona su quattro è completamente vaccinata.

Un importante ospedale di Miami ha detto che inizierà a terminare le vaccinazioni a causa dell’eccesso di offerta e della domanda debole, mentre gli studenti delle scuole superiori si battono nel Michigan.

Tuttavia, nel mondo sviluppato emerge una storia completamente diversa: il tono festoso per alcuni americani non si sta attenuando bene, soprattutto dato che gli Stati Uniti vietano l’esportazione di materie prime per la produzione di vaccini.

In India, ad esempio, si sta verificando una situazione da incubo con un nuovo numero record di casi giornalieri Più di 300mila feriti aumentano ogni giorno ei cittadini muoiono per le strade Il sistema sanitario nazionale è sull’orlo di un baratro.

Sebbene i casi siano diminuiti o stabilizzati in molti paesi sviluppati con il successo del lancio del vaccino nelle ultime settimane, la tendenza nei paesi in via di sviluppo non è stata positiva.

A livello globale, il numero di nuovi casi è quasi raddoppiato settimanalmente da febbraio, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità. Questa tendenza è stata evidente in alcuni paesi in via di sviluppo che hanno registrato i più alti tassi di infezione fino ad oggi.

La Thailandia, che ha da tempo evitato il peggio del virus, sta lottando con un numero crescente di casi, mentre il Brasile ha visto il suo mese più mortale, con quasi 68.000 morti segnalate ad aprile, anche se ci sono ancora quasi una settimana.

READ  Il bilancio delle vittime del virus Corona è impreciso?

Data la disparità tra paesi sviluppati e altri, paesi africani come Namibia e Kenya affermano che ora esiste un “vaccino contro l’apartheid”.

L’ex presidente della Liberia Ellen Johnson Sirleaf ha espresso la sua frustrazione, Dicendo che il mondo dovrebbe trattare “i vaccini come un bene globale per poter salvare l’umanità”.

“Non possono trattarlo come apartheid”, ha detto. “Non possono dire che sei povero, non sarai vaccinato, solo i ricchi lo avranno”.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha anche segnalato una “sconvolgente e crescente disparità” nel rilascio di vaccini in tutto il mondo.

“È moralmente, moralmente e scientificamente oltraggioso”, ha detto Maria Van Kerkhove, un’epidemiologa dell’OMS sulla disuguaglianza dei vaccini globali.

“Abbiamo tutto quello che può essere acceso per accendere fuochi ovunque. Siamo seduti su una polveriera”.

Questa rabbia ha cominciato a manifestarsi in alcuni paesi i cui casi sono in aumento.

Nonostante il disastro in corso in India, gli Stati Uniti si sono rifiutati di revocare il divieto di esportazione di materie prime di cui il Serum Institute con sede in India ha affermato di dover aumentare la produzione di vaccini.

“Gli Stati Uniti sono prima di tutto impegnati in sforzi ambiziosi, efficaci e di successo fino ad oggi per vaccinare il popolo americano”, ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price, in risposta alle domande sul divieto di esportazione.

“Ovviamente non è nel nostro interesse solo vedere gli americani vaccinati”, ha detto. “È nell’interesse del resto del mondo vedere gli americani vaccinati”.

I suoi commenti non sono andati bene in India, dove sono stati registrati 346.786 nuovi casi nelle ultime 24 ore.

READ  L'Egitto conferma la perdita della città d'oro trovata a Luxor durante la missione di Tutankhamon

“Facendo scorta di vaccini e impedendo l’esportazione di materie prime essenziali necessarie per produrre vaccini, gli Stati Uniti stanno minando la partnership strategica tra India e Stati Uniti”, ha affermato Melind Deora, un politico di Mumbai, una delle città più colpite , ha detto su Twitter.

Organizzazioni umanitarie come Human Rights Watch hanno affermato di vedere questa anomalia arrivare.

“Il mondo ha urgente bisogno di espandere la portata della produzione di vaccini per ottenere un accesso universale ed equo al vaccino”, ha detto in una dichiarazione.

Alla fine di febbraio, le dosi di vaccino avevano raggiunto più di 100 paesi, ma più della metà delle dosi è andata a soli due paesi e l’80% a 10 paesi.

Mentre il numero di dosi di vaccino somministrate in tutto il mondo è raddoppiato in meno di un mese, circa la metà delle dosi somministrate finora sono state in paesi ad alto reddito.

I 29 paesi a più basso reddito hanno ricevuto lo 0,1%.

“In breve, il mondo si trova nella stessa situazione che Human Rights Watch e molti altri hanno avvertito”, ha detto l’organizzazione in un comunicato.

“L’impatto devastante della distribuzione iniqua non deve essere sottovalutato – dove un vaccino sicuro ed efficace per gran parte della popolazione mondiale, comprese quelle più a rischio all’interno dei singoli paesi, non ha accesso tempestivo a un vaccino sicuro ed efficace.

“C’è bisogno di un vaccino universale ed equo per salvare vite umane, prevenire l’esposizione alle persone a malattie gravi e potenziali impatti negativi sulla salute a lungo termine, garantire che i bambini tornino a scuola e consentire alle economie di ricostruire e soddisfare i bisogni delle famiglie”.

READ  James Patterson lancia l'allarme sul razzismo contro i cinesi australiani

La corsa al vaccino ha visto scoppiare brutte liti politiche in altre regioni del mondo, con Cina e Russia che accusano la “diplomazia del vaccino” offrendo pugni fatti in casa agli alleati strategici.

La Gran Bretagna e l’Unione Europea sono state bloccate in un disaccordo inappropriato dopo la Brexit sull’ottenimento dei vaccini, poiché il sindacato è stato criticato per un inizio sbagliato con il lancio del vaccino.

Il Soufan Center, un ente di ricerca indipendente sulle sfide alla sicurezza globale, ha descritto l’escalation della situazione come una “nuova corsa agli armamenti”.

“L’introduzione di questi vaccini nelle braccia di miliardi di persone è ora la sfida più urgente per la comunità internazionale”, ha affermato in un comunicato.

– Con Agence France-Presse