Aprile 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli scienziati hanno una ‘conversazione’ di 20 minuti con la megattera • Earth.com

Gli scienziati hanno una ‘conversazione’ di 20 minuti con la megattera • Earth.com

In un incontro senza precedenti, un gruppo di ricerca è riuscito ad avere una “conversazione” con una megattera di nome Twain.

Il team, noto come Whale-SETI, sta svolgendo ricerche sui sistemi di comunicazione delle megattere, con l’obiettivo di sviluppare filtri di intelligenza per la ricerca di vita extraterrestre.

Scienziati di Istituto cittadino, Università della California Davise il Fondazione balene dell’Alaska Ha realizzato questa straordinaria impresa nel campo dell’intelligenza non umana.

Come avere una conversazione con un Pesci

Usando una chiamata di “contatto” registrata con una megattera riprodotta in mare attraverso un altoparlante subacqueo, gli scienziati sono rimasti stupiti quando Twain si è avvicinato e ha girato intorno alla loro barca, rispondendo in modo colloquiale al “segnale di saluto” della balena.

Durante lo scambio di 20 minuti, Twain ha continuamente abbinato le differenze di intervallo di tempo tra ciascuna chiamata di gioco.

I dettagli di questo incontro straordinario si trovano nell’ultimo numero della rivista Per J MagazineIntitolato “Gioco bioacustico interattivo come strumento per rivelare ed esplorare l’intelligenza non umana: ‘parlare’ con la megattera dell’Alaska”.

L’autrice principale, la dottoressa Brenda McCowan dell’Università della California, Davis, spiega l’importanza di questa conversazione con le balene: “Crediamo che questo sia il primo scambio comunicativo di questo tipo tra gli esseri umani e le megattere nella “lingua” delle megattere”.

Il dottor Fred Sharp dell’Alaska Whale Foundation sottolinea anche l’intelligenza delle megattere, evidenziando la loro capacità di impegnarsi in sistemi sociali complessi, creare strumenti come reti a bolle per catturare i pesci e comunicare ampiamente attraverso canti e richiami sociali.

Balene e intelligenza extraterrestre

Il comportamento osservato nelle megattere supporta un presupposto importante nella ricerca dell’intelligenza extraterrestre. Il dottor Lawrence Doyle del SETI Institute è un altro coautore di questo articolo.

READ  I mammiferi fluorescenti sono più comuni di quanto pensassimo, anche i gatti lo fanno

“A causa delle attuali limitazioni della tecnologia, un presupposto importante per la ricerca dell’intelligenza extraterrestre è che gli alieni sarebbero interessati a stabilire un contatto e quindi a prendere di mira i ricevitori umani”, spiega. “Questo importante presupposto è certamente supportato dal comportamento delle megattere. “

Tracciando paralleli con lo studio dell’Antartide come surrogato di Marte, il team Whale-SETI sta utilizzando le scoperte ottenute studiando sistemi di comunicazione intelligenti, terrestri e non umani per sviluppare filtri che possano essere applicati a qualsiasi potenziale segnale extraterrestre ricevuto.

Implicazioni e ricerche future

Il team utilizzerà la matematica della teoria dell’informazione per determinare la complessità della comunicazione, come la struttura delle regole incorporata nel messaggio ricevuto.

Oltre ai ricercatori principali, sono coautori dell’articolo anche la dottoressa Josie Hubbard, Lisa Walker e Judy Frediani, specializzate rispettivamente in intelligenza animale, analisi del canto delle megattere e fotografia e comportamento delle megattere.

Il team Whale-SETI sta attualmente preparando un secondo articolo sul comportamento comunicativo non vocale delle megattere, con un focus particolare sugli anelli di bolle realizzati in presenza di (e forse per) gli esseri umani.

Gli autori desiderano riconoscere Programma di intelligenze diverse della Templeton Foundation Per il loro generoso sostegno finanziario nel condurre questa ricerca pionieristica.

Maggiori informazioni su Whale-SETI

Come discusso in precedenza, Whale-SETI, abbreviazione di Whale Search for Extraterrestrial Intelligence, rappresenta un passo rivoluzionario nella comprensione dei mammiferi marini, in particolare delle balene.

Questo progetto combina la ricerca dell’intelligenza extraterrestre con la biologia marina, con l’obiettivo di decodificare le comunicazioni delle balene. Funziona partendo dalla premessa che i suoni delle balene contengono messaggi complessi e intelligenti simili ai linguaggi usati dagli esseri umani o forse dagli extraterrestri.

READ  Come la tecnologia sta trasformando la cura e la ricerca sul cancro

Tecnologia e metodologia della conversazione dei Pesci

Al centro di Whale-SETI c’è la tecnologia avanzata. I ricercatori utilizzano idrofoni avanzati e algoritmi di intelligenza artificiale per registrare e analizzare i suoni delle balene.

L’intelligenza artificiale, addestrata su grandi set di dati sui richiami delle balene e sui linguaggi umani, cerca modelli e strutture che potrebbero indicare proprietà simili al linguaggio.

Questo metodo non solo aiuta a decifrare la complessità della comunicazione delle balene, ma migliora anche la nostra comprensione dell’evoluzione del linguaggio nelle specie intelligenti.

Scoperte e approfondimenti

Whale-SETI ha già fatto importanti scoperte. I ricercatori hanno identificato alcuni modelli e variazioni ricorrenti nei canti delle balene che indicano un livello di comunicazione intenzionale.

Questi modelli variano tra le diverse specie di balene, suggerendo “dialetti” o “lingue” distinti.

Questa scoperta mette alla prova la nostra comprensione dell’intelligenza e della comunicazione non umana e apre nuovi orizzonti sia nella biologia marina che nella ricerca dell’intelligenza extraterrestre.

Gli effetti della conversazione dei Pesci sul futuro

Le implicazioni di Whale-SETI sono di ampia portata. Non solo arricchisce la nostra comprensione della vita marina, ma fornisce anche informazioni sull’evoluzione della comunicazione e dell’intelligenza.

Studiando la complessità della comunicazione tra le balene, gli scienziati sperano di sviluppare strategie migliori per la conservazione marina.

Inoltre, il progetto offre una prospettiva unica nella ricerca dell’intelligenza extraterrestre, suggerendo che comprendere la comunicazione non umana sulla Terra potrebbe essere la chiave per riconoscere e interpretare i segnali provenienti da altre forme di vita intelligente nell’universo.

In breve, Whale-SETI è un faro di ricerca interdisciplinare, che integra la biologia marina con la linguistica e l’astrobiologia. Il suo approccio alla comprensione della comunicazione con le balene apre nuovi orizzonti nello studio della vita intelligente, sia sulla Terra che oltre.

READ  Una misteriosa firma termica proveniente da un esopianeta "Hellworld" - 40 anni luce dalla Terra

Questo progetto non solo approfondisce il nostro rapporto con il mondo marino, ma amplia anche gli orizzonti della nostra ricerca dell’intelligenza nell’universo.

—–

Ti piace quello che ho letto? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere articoli accattivanti, contenuti esclusivi e gli ultimi aggiornamenti.

Visitaci su EarthSnap, un’app gratuita offerta da Eric Ralls e Earth.com.

—–