Maggio 9, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli scienziati dicono che la tecnologia sta davvero cambiando i ritmi circadiani umani

Non abbiamo fatto affidamento sulla luce naturale del sole dall’invenzione della lampadina nel 1879.

Oggigiorno, molte persone trascorrono la maggior parte della giornata non solo in stanze illuminate artificialmente, ma anche a guardare gli schermi: telefoni, computer e televisori. Ultimamente, ci sono state preoccupazioni che guardare schermi luminosi la sera possa confondere il tuo ritmo circadiano, l’orologio interno che regola il nostro ciclo sonno-veglia.

Potremmo presumere che questo significhi che l’uso di uno schermo prima di andare a letto potrebbe rendere più difficile addormentarsi. In effetti, ci sono diversi prodotti che puoi acquistare per filtrare la luce blu dai tuoi schermi, che promettono di migliorare la qualità del tuo sonno.

Questi prodotti funzionano davvero? La luce dello schermo altera i nostri ritmi circadiani e questo ti rende difficile addormentarti? La storia è molto complicata.

Come funziona il ritmo circadiano?

Il Ritmo circadiano È un “orologio biologico” innato che si trova in molte forme di vita, comprese piante, funghi e animali. Negli esseri umani, l’orologio biologico si trova nell’ipotalamo.

L’ipotalamo rilascia un ormone chiamato melatonina. La melatonina è spesso indicata come Ormone del sonno I suoi livelli sono alti di notte ma scendono prima che ci svegliamo al mattino. L’orologio ha un ritmo intrinseco, ma può anche essere modificato in risposta alla luce.

Il professor John Axelson è un esperto nella ricerca sul sonno del Karolinska Institute Lui spiega “Il master clock … ha un ritmo intrinseco prossimo alle 24 ore ed è molto sensibile alla luce intorno al tramonto e all’alba, in modo da impostare il regime giornaliero, consentendo al sistema di essere dinamico e adattarsi ai cambiamenti stagionali della durata della giornata e notte. “

READ  NASA, SpaceX Delay Return to Earth for Astronauts Crew 1

La tecnologia sta cambiando il nostro ritmo circadiano?

Molti aspetti della tecnologia moderna, dalla lampadina di base all’ultimo telefono touch screen, emettono luce. Professor Jimmy Zetser della Stanford University Dice, “La luce fondamentalmente fa due cose su un orologio. Regola l’ora dell’orologio e cambia la capacità o la forza dell’orologio.”

Poiché il ritmo circadiano altera i livelli di melatonina, possiamo usare i livelli di questo ormone del sonno per vedere cosa influenza il nostro orologio biologico. Numerosi studi Ha dimostrato che la luce artificiale intensa inibisce la produzione di melatonina negli esseri umani.

È interessante notare che la luce artificiale molto brillante viene effettivamente utilizzata come terapia (chiamata Terapia della luce) Per aiutare le persone con ritmi circadiani molto tardivi a svegliarsi e ad addormentarsi prima.

L’intensità della luce utilizzata nella fototerapia è molto più alta di quella emessa da qualsiasi schermo o lampadina che utilizziamo. un Lo studio del 2014 Ho esaminato uno scenario più realistico: confrontare i livelli di melatonina e la qualità del sonno di persone che leggono un libro normale o un e-book prima di andare a letto. Hanno scoperto che i partecipanti che hanno letto l’e-book avevano ridotto i livelli di melatonina.

Dr. Seeley Richardson dell’Università dell’Australia occidentale Dice “Ci sono prove che 1,5 ore (o più) di utilizzo dello schermo luminoso riducono il naturale aumento notturno della melatonina e questo effetto può accumularsi in diverse notti”.

La cosa più importante è che lo è Inserisci “Tuttavia, questo non sembra tradursi nel richiedere più tempo per addormentarsi”.

Cosa significa questo per i nostri schemi di sonno?

Sebbene sappiamo che la melatonina ha molti effetti sul corpo ed è collegata al ciclo sonno-veglia, non sappiamo esattamente quanto piccole quantità di melatonina influiscano sulla nostra qualità del sonno.

READ  La creatività dell'elicottero Marte della NASA ha completato un secondo volo "più rumoroso e audace".

Esistono diversi studi sull’uso della tecnologia e sulla qualità del sonno o sul tempo trascorso ad addormentarsi. Sebbene molti di questi trovino una relazione tra il tempo trascorso davanti allo schermo e il sonno, le correlazioni sono spesso deboli e non mostrano che l’aumento del tempo trascorso davanti allo schermo causi problemi di sonno.

Ad esempio, un file Lo studio del 2014 È emerso che, in media, i partecipanti che leggevano libri stampati si addormentavano dieci minuti prima di leggere gli e-book. Altri studi hanno confrontato le persone che hanno utilizzato prodotti che riducono la luce blu dagli schermi agli utenti regolari dello schermo. Questi studi hanno trovato solo il prof 3-4 minuti di squadre Il tempo impiegato per addormentarsi.

Poiché il sonno è influenzato da così tante cose, spesso può essere difficile essere sicuri che si stia misurando solo l’effetto del tempo sullo schermo.

Un’altra complicazione Evidenziato Dal Dr. Richardson: “Esiste probabilmente una relazione bidirezionale tra l’uso della tecnologia e il sonno. Cioè, l’uso della tecnologia può influenzare il sonno nel tempo, ma le persone con problemi di sonno possono aumentare il loro uso della tecnologia in seguito”.

Pasti pronti

La tecnologia, in particolare la luce artificiale, sta cambiando il nostro ritmo circadiano. Lo sappiamo perché possiamo vedere differenze nei livelli di melatonina dopo aver usato uno schermo.

Non è ancora chiaro quale effetto avrà sul nostro sonno, e soprattutto sul tempo necessario per addormentarsi.

L’articolo si basa su 4 risposte di esperti a questa domanda: La tecnologia sta cambiando il nostro ritmo circadiano?

Questa risposta degli esperti è stata pubblicata in collaborazione con una piattaforma di accertamento dei fatti indipendente Metafact.io. Iscriviti alla nostra newsletter settimanale Qui.

READ  Gli astronauti SpaceX Crew Dragon arrivano alle loro case con un raro tuffo prima dell'alba nel Golfo del Messico