Maggio 16, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli scienziati coltivano per la prima volta piante nel terreno dalla luna

Gli scienziati dell’Università della Florida hanno completato per la prima volta un mondo (e lunare). a partire dal . I ricercatori hanno utilizzato i campioni che ha ottenuto E 12 e 17 sono importanti, ma non avevano molto su cui lavorare.

Mentre 842 libbre (382 chilogrammi) di suolo e roccia sono state restituite alla Terra dalla Luna, i ricercatori hanno ricevuto solo 12 grammi di quella che viene chiamata “regolite lunare” dalla NASA. Tuttavia, questo era più dei quattro grammi che chiedevano. Anche gli scienziati Rob Ferl e Anna-Lisa Paul hanno dovuto essere pazienti per mettere le mani sul terreno: sono avanzati tre volte nel corso di 11 anni per i campioni.

Il team ha utilizzato pozzi delle dimensioni di un ditale in piatti di plastica, che vengono generalmente utilizzati per far crescere le cellule, come i vasi. Gli scienziati hanno messo un grammo di terreno in ciascuno di essi, hanno aggiunto una soluzione nutritiva e poi hanno messo un po’ di crescione (Arabidopsis thaliana) semi. Hanno piantato i semi in altri tipi di suolo come parte di un gruppo di controllo, incluso il suolo simulato di Marte, il suolo di ambienti difficili e una sostanza che imita il suolo lunare.

Quasi tutti i semi piantati sono cresciuti nella regolite lunare, ma alla fine le piante hanno mostrato alcune differenze rispetto a quelle coltivate nel gruppo di controllo. Alcune piante lunari di terra crescevano più lentamente o erano più piccole. C’era una variazione maggiore nelle dimensioni rispetto a quella del crescione da giardino anche dal gruppo di controllo.

Scienziati che nella rivista Biologia della comunicazioneÈ stato riscontrato che le differenze nella composizione dei campioni di suolo lunare sembrano aver influenzato la crescita delle piante. Hanno determinato che l’amore per il crescione che ha sofferto di più è cresciuto in quello che è noto come il suolo lunare maturo, che è esposto a venti più cosmici.

READ  Il nuovo telescopio spaziale della NASA "Fringe" dopo la risoluzione dei problemi

In particolare, come Si noti che i campioni dell’Apollo 11 sono considerati i meno efficaci nella coltivazione delle piante. È stato ottenuto dalla superficie più antica del Mare della Tranquillità, che è stata esposta all’ambiente per più di due miliardi di anni. I ricercatori scrivono che “sarà necessaria un’ulteriore caratterizzazione e ottimizzazione prima che la regolite possa essere considerata una risorsa in situ di routine, in particolare nei siti in cui la regolite è molto matura”.

Tuttavia, il successo dell’esperimento apre la strada alla possibilità di coltivare piante sulla Luna per cibo e ossigeno, prima della NASA. Riportare gli esseri umani sulla superficie lunare per la prima volta dal 1972. “Artemis richiederà una migliore comprensione di come vengono coltivate le piante nello spazio”, Ferrell, uno degli autori dell’articolo e illustre professore di scienze dell’orticoltura presso l’UF Institute for Food and Scienze agrarie, disse.

Tutti i prodotti consigliati da Engadget sono selezionati con cura dalla nostra redazione, indipendentemente dalla casa madre. Alcune delle nostre storie includono link di affiliazione. Se acquisti qualcosa tramite uno di questi link, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione.