Maggio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli scienziati affermano che un’estate senza ghiacci nell’Artico è possibile entro il prossimo decennio Polo Nord

Gli scienziati affermano che un’estate senza ghiacci nell’Artico è possibile entro il prossimo decennio  Polo Nord

Secondo uno studio, entro il prossimo decennio l’Artico potrebbe avere giornate estive praticamente prive di ghiaccio marino a causa delle emissioni derivanti dalla combustione di combustibili fossili.

Gli scienziati hanno affermato che questo trasformerebbe l’habitat unico, che ospita orsi polari, foche e trichechi, dal “bianco artico” al “blu artico” durante i mesi estivi. Il calcolo utilizzato per descrivere “senza ghiacci” significa meno di un milione di chilometri quadrati, nel qual caso l’Artico sarebbe costituito principalmente da acqua.

Risultati pubblicati In Nature Recensioni Terra e AmbienteQuesti risultati suggeriscono che il primo giorno senza ghiaccio nell’Artico potrebbe verificarsi più di 10 anni prima di quanto previsto in precedenza.

Si prevede che settembre sarà costantemente libero dai ghiacci dal 2035 al 2067. L’anno esatto all’interno di quel periodo dipende dalla velocità con cui il mondo riduce la quantità di combustibili fossili bruciati.

Entro la fine del secolo, è probabile che esistano condizioni libere dai ghiacci tra maggio e gennaio in uno scenario ad alte emissioni, e da agosto a ottobre in uno scenario a basse emissioni.

“Ciò trasformerebbe l’Artico in un ambiente completamente diverso, da un Artico bianco estivo a un Artico blu”, ha affermato Alexandra Jahn, professoressa associata di scienze atmosferiche e oceaniche presso l’Università del Colorado Boulder e autrice principale della ricerca. Pertanto, anche se le condizioni senza ghiaccio sono inevitabili, dobbiamo comunque mantenere le nostre emissioni il più basse possibile per evitare condizioni senza ghiaccio per lungo tempo.

Ha aggiunto che esiste la possibilità di risolvere questo problema.

“A differenza della calotta glaciale della Groenlandia, che ha impiegato migliaia di anni per formarsi, anche se sciogliessimo tutto il ghiaccio marino nell’Artico, se potessimo capire come assorbire l’anidride carbonica2 “Se il ghiaccio marino ritornerà nell’atmosfera in futuro per invertire la tendenza al riscaldamento, il ghiaccio marino ritornerà entro un decennio”, ha detto Jahn.

READ  La strana nana bianca ha due facce

Non solo la fauna selvatica artica soffrirà a causa dello scioglimento del loro habitat; A soffrirne saranno anche le persone che vivono sulla costa. Il ghiaccio marino riduce gli effetti delle onde oceaniche sulla costa, il che significa che se viene perso le onde saranno più forti e più grandi e causeranno una maggiore erosione.