Maggio 8, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli incendi della “Black Summer” in Australia hanno avuto un effetto terrificante sull’atmosfera terrestre

La rovente devastazione degli incendi della Black Summer in Australia tra il 2019 e il 2020 ha fornito un inquietante scorcio di quanto il fuoco si sia diffuso nel nostro mondo più caldo e secco, e l’impatto senza precedenti dell’inferno è ancora in fase di misurazione.

Alcune settimane fa, gli scienziati hanno notato che la quantità di fumo emessa dal fuoco nell’atmosfera era paragonabile alla quantità di fumo prodotta da una grande eruzione vulcanica. Ora, i ricercatori dicono che la gigantesca nuvola di fumo era così massiccia, che aveva riscaldato in modo significativo la stratosfera per mesi e mesi.

a Nuovo studio Guidati dal primo autore e modellatore climatico Pengfei Yu della Jinan University of China, gli scienziati hanno simulato l’aspetto e l’evoluzione della colonna, dimostrando che i peggiori incendi documentati nella storia australiana hanno lasciato un impatto duraturo sullo skyline.

“Gravi incendi boschivi possono pompare fumo nella troposfera superiore e persino nella stratosfera in condizioni meteorologiche favorevoli”, hanno detto i ricercatori. Scrivi nel loro giornale. “Più fumo viene iniettato, più è persistente e più ampia è la sua portata.”

Nel caso degli incendi estivi neri, le fiamme hanno inviato quasi un trilione di grammi (circa 0,9 teragrammi) di particelle di fumo nella stratosfera, che i ricercatori hanno spiegato essere la più grande quantità mai documentata nell’era del satellite.

Questo blocco di fumo è costituito da diversi tipi di particelle di fumo, incluso il carbonio organico (OC, che include il carbonio marrone, noto anche come BrC), e Carbonio nero (AVANTI CRISTO).

Ognuno di questi effetti ha impatti diversi del riscaldamento globale nell’atmosfera, con BC è il più intrappolante di calore, a causa del modo in cui l’aria circostante si riscalda dopo aver assorbito la luce solare.

READ  La Russia prevede di lanciare la propria stazione spaziale dopo il ritiro dalla Stazione spaziale internazionale

Secondo i calcoli dei ricercatori, la colonna Black Summer è composta da circa il 2,5% di carbonio nero, che ha contribuito a fornire un effetto di riscaldamento nella stratosfera che è durato il resto dell’anno.

Le simulazioni indicano che il fumo è rimasto nella stratosfera per tutto il 2020 e che la temperatura della stratosfera era di 1-2 Kelvin. [Kelvin, equivalent here to 1-2 degrees Celsius] Per più di sei mesi, Il team spiega.

“Il nostro studio evidenzia che il fumo da record di incendi violenti può avere effetti continui sulle dinamiche e sulla chimica della stratosfera”.

Oltre a un riscaldamento della stratosfera, i ricercatori affermano che l’incidente del fumo da record potrebbe anche aver avuto un effetto decrescente su Ozono Livelli nella stratosfera, che distruggono le molecole di ozono alle medie e alte latitudini dell’emisfero australe e potenzialmente aumentano temporaneamente il buco dell’ozono.

Mentre i ricercatori riconoscono che le osservazioni degli aerosol producono un riscaldamento stratosferico È stato fatto primaÈ la prima volta che gli scienziati misurano questo fenomeno a tal punto, data la produzione record di incendi estivi neri.

I risultati sono riportati in Lettere di ricerca geofisica.