Luglio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Giusto in tempo per Halloween! La sonda Juno della NASA rileva una terrificante “faccia” su Giove

Giusto in tempo per Halloween!  La sonda Juno della NASA rileva una terrificante “faccia” su Giove
  • La foto terrificante è stata scattata durante il sorvolo di Giove della 54a sonda Juno
  • La NASA ha detto che avrebbe rilasciato il dipinto in occasione del 142esimo compleanno di Picasso

Con Halloween alle porte, la NASA si è unita agli spettrali imbrogli rilasciando una nuova immagine di una “faccia” dall’aspetto strano su Giove.

L’immagine è stata scattata dalla sonda Juno della NASA durante il suo 54esimo sorvolo del gigante gassoso il mese scorso.

Cattura le nuvole increspate di Giove formando uno schema piuttosto insolito che crea l’aspetto contorto degli occhi, del naso e della bocca.

Metà dell’immagine è nell’oscurità del lato notturno del pianeta, cosa che, secondo la NASA, la rende ancora più terrificante perché fa sembrare che il volto sbircia da dietro una porta.

“Giusto in tempo per Halloween, la missione Juno della NASA ha individuato uno strano volto su Giove”, ha aggiunto l’agenzia spaziale.

Spettrale: con Halloween che si avvicina rapidamente, la NASA si è unita agli spettrali imbrogli rilasciando una nuova immagine di una “faccia” dall’aspetto di ghoul su Giove
Cattura le nuvole increspate di Giove formando uno schema piuttosto insolito che crea l’aspetto contorto degli occhi, del naso e della bocca.

Giove: le basi

Giove è il quinto pianeta a partire dal Sole e il più grande del nostro sistema solare.

È un’enorme palla di gas composta principalmente da idrogeno ed elio, con alcuni elementi pesanti.

“Le strisce e i vortici familiari di Giove sono in realtà nuvole fredde e tempestose di ammoniaca e acqua, che galleggiano in un’atmosfera di idrogeno ed elio”, ha detto la NASA.

“La famosa Grande Macchia Rossa di Giove è una gigantesca tempesta più grande della Terra e infuria da centinaia di anni.”

Il pianeta è due volte più grande di tutti gli altri pianeti messi insieme e la sola Grande Macchia Rossa è abbastanza grande da contenere l’intera Terra al suo interno.

READ  Visit Comet 46P / Wirtanen ha una gradazione alcolica anormalmente alta

Una navicella spaziale, la navicella spaziale Juno della NASA, sta attualmente esplorando questo mondo gigante.

Fatti e cifre

Distanza dal sole: 750 milioni di km

Orbitale: 12 anni

Superficie: 61,42 miliardi di chilometri quadrati

raggio: 69.911 km

Massa: 1.898×10^27 kg (317,8 m⊕)

Durata della giornata: 0m 9h 56m

Lune: 53 con designazioni ufficiali; Innumerevoli lune aggiuntive

Questa non è la prima volta che Giunone produce un’immagine del genere.

Le vedute che si ottengono delle nubi di Giove in orbita in alto sopra il pianeta più grande del nostro sistema solare spesso danno luogo a quello che viene chiamato il fenomeno della pareidolia.

È qui che la mente umana vuole comprendere ciò che vedono gli occhi, creando un significato irreale.

Un esempio è la percezione dei volti secondo schemi in gran parte casuali.

Questi disperati “tratti del viso” sono stati individuati dallo scienziato cittadino Vladimir Tarasov, che ha notato forme insolite nelle nuvole temporalesche di Giove.

Gli occhi rettangolari scuri sono circondati da nuvole che formano quello che sembra un sopracciglio e il naso è compresso, con le narici e un sorriso triste.

La NASA ha detto che assomiglia ad un ritratto cubista con “molteplici prospettive facciali”.

L’agenzia spaziale ha rilasciato l’immagine il 25 ottobre, in concomitanza con quello che avrebbe potuto essere 142esimo compleanno di Picasso

Tarasov ha creato l’immagine utilizzando i dati grezzi dello strumento JunoCam della navicella spaziale.

Cattura le nuvole turbolente e le tempeste del gigante gassoso lungo il suo capolinea, la linea che divide i lati diurno e notturno del pianeta.

Al momento in cui è stata scattata l’immagine iniziale, la sonda Juno si trovava a circa 4.800 miglia (circa 7.700 chilometri) sopra le cime delle nuvole di Giove.

READ  Le luci LED a raggi UV lontani uccidono efficacemente batteri e virus senza danneggiare le persone

L’obiettivo della sua missione è studiare la composizione di Giove, valutandone la magnetosfera polare, il campo gravitazionale e il campo magnetico.

Inoltre, Giunone ha osservato l’atmosfera turbolenta del gigante gassoso, il suo clima e i lati delle lune del pianeta.

Orbiter: Questa non è la prima volta che la navicella spaziale Juno della NASA (raffigurata con un’impressione artistica) produce un’immagine del genere. Le vedute che si ottengono delle nuvole di Giove in orbita in alto sopra il pianeta più grande del nostro sistema solare spesso danno luogo a quello che viene chiamato il fenomeno della pareidolia

La sua missione era originariamente prevista per terminare nel luglio 2021, per essere prolungata fino a settembre 2025, o fino alla fine della vita della navicella, se ciò si verifica prima.

Giunone è arrivata su Giove il 4 luglio 2016, dopo un viaggio di cinque anni entro 2,8 miliardi di chilometri dalla Terra.

Dopo una manovra di frenata riuscita, entrò in una lunga orbita polare e volò fino a 5.000 km dalle vorticose cime delle nuvole del pianeta.

Nessun veicolo spaziale precedente ha orbitato così vicino a Giove, ma altri due sono stati mandati a immergersi nella sua atmosfera, distruggendoli.

Al termine della missione Juno, la sonda verrà diretta nell’atmosfera del gigante gassoso fino alla sua disintegrazione.

Ma fino ad allora, speriamo che possa continuare a produrre foto strane e meravigliose come queste.

Come la sonda Juno della NASA diretta su Giove rivelerà i segreti del pianeta più grande del sistema solare

La sonda Juno è arrivata su Giove nel 2016 dopo un viaggio di cinque anni e una distanza di 1,8 miliardi di miglia dalla Terra.

La sonda Juno è arrivata su Giove il 4 luglio 2016, dopo un viaggio di cinque anni a 2,8 miliardi di chilometri dalla Terra.

Dopo una manovra di frenata riuscita, entrò in una lunga orbita polare e volò fino a 5.000 km dalle vorticose cime delle nuvole del pianeta.

La sonda volava solo entro 2.600 miglia (4.200 chilometri) dalle nuvole del pianeta una volta ogni due settimane, troppo vicino per fornire una copertura globale in una singola immagine.

READ  Possiamo riportare il mammut lanoso?

Nessun veicolo spaziale precedente ha orbitato così vicino a Giove, anche se altri due sono stati lanciati nella sua atmosfera, distruggendoli.

Per completare la sua pericolosa missione, Giunone resistette a una tempesta di radiazioni estremamente potente causata dal forte campo magnetico di Giove.

Il vortice di particelle ad alta energia che si muovono quasi alla velocità della luce è l’ambiente più ostile alle radiazioni del sistema solare.

Per superare queste condizioni, la navicella spaziale è stata protetta da speciali cavi indurenti alle radiazioni e da uno schermo per sensori.

Il suo importantissimo “cervello”, il computer di volo della navicella, era ospitato in una volta corazzata in titanio e pesava circa 400 libbre (172 kg).

Si prevede che il veicolo studierà la composizione dell’atmosfera del pianeta fino al 2025.