Giugno 12, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Francesco Azerbai: il “Leone” vincitore del Cancro come pilastro della difesa dell’Italia | Italia

Questo articolo fa parte del Guardian’s Network of Euro 2020 Experts, una collaborazione tra alcune delle migliori organizzazioni di media in 24 paesi che si qualificano. Theguardian.com esegue anteprime da entrambi i paesi ogni giorno all’inizio della competizione, che inizia l’11 giugno.

Francesco ha smesso di giocare per l’Azerbaijan Sasulov e ha iniziato la chemio all’inizio del 2014 per combattere il cancro ai testicoli. Aveva una strana abitudine. Chemo (il suo progetto preferito è House, serie con Hugh Laurie) mentre guarda la TV la mattina, un po ‘di riposo nel pomeriggio, sveglia di notte, a volte fino alle 7 del mattino. Certamente non l’approccio in stile Cristiano Ronaldo.

La pizza con tonno e cipolle era una parte normale perché la chemio lasciava l’azzurro perché non c’era appetito per i sapori delicati. “A volte non mangio né dormo”, ha detto.

Un giorno, a un anno dalla diagnosi di cancro, Francesco è stato catturato dai terroristi. “All’improvviso, ho iniziato a pensare a tutte le preoccupazioni, le opportunità sprecate e le notti che avevo dato ai miei genitori. Quella mattina avevo paura della mia stessa ombra. Ho iniziato a vedere un terapista e lui mi ha aiutato molto”.

Sette anni dopo, Acerby è pronto per giocare il suo primo campionato europeo. Ora 33enne, è uno dei migliori difensori centrali della Serie A, e il tecnico italiano Roberto Mancini lo considera un pilastro della sua linea difensiva. Mancino e tecnicamente dotato Acerpi, insieme a Leonardo Bonucci, Giorgio Cielini e Alessandro Pastoni, è in grado di difendere il portiere azzurro Gianluigi Donorumma. Vive la vita che ha immaginato, ma il suo viaggio è sulle montagne russe.

Acerby è cresciuto vicino al Milan amando il calcio. “Facevo parte del Milan Ultra Group, Fosa de Leoni”, ha detto una volta. All’età di 14 anni ha lasciato una piccola squadra chiamata Atletico Civcio per giocare a calcio amatoriale con i suoi amici. Ma in qualche modo è saltato dietro. A 20 anni ha trovato un affare al quarto piano d’Italia. All’età di 22 anni, era in Serie B, e all’età di 23 anni ha giocato la sua prima partita di Serie A per Xiao. “L’ho fatto per mio padre, non per me”, ha ricordato nel 2016. “Avevamo un rapporto di amore e odio. Mi sfidava costantemente. Nel 2011, dopo aver firmato per il Genoa, gli ho scosso il contratto firmato davanti alla sua faccia”.

Francesco Acerbi ha smesso di allenarsi a casa e di andare in discoteca per le serate tranquille. Foto: Marco Rosie / S.S. Lazio / Getty Images

Il padre di Francesco, Roberto, aveva un cuore debole. Sopravvisse a sette colpi, ma morì nel 2012, quattro mesi prima di firmare il figlio al Milan. “Ho perso le sue sfide”, ha detto Acerby molti anni dopo. “Ho indossato il numero 13 di Alessandro Nesta, ma ho fatto più feste che allenamenti. Mi sono abituato a bere qualsiasi cosa e ho preso seriamente in considerazione l’idea di smettere di calcio. Il cancro mi ha salvato la vita. Ringrazio Dio per questo. “

Nel luglio 2013, durante il trattamento prenatale con Sassuolo, ad Acerby è stato diagnosticato un cancro ai testicoli. Il tumore fu rimosso, ma presto ricomparve, costringendo Acerby a sottoporsi a chemioterapia per tre mesi. “Allora non avevo paura. Mi chiedevo perché il cancro non mi avesse cambiato. Poi, durante un pisolino della domenica pomeriggio, ho fatto uno strano sogno. Era come se mio Padre e Dio fossero una persona sola, spingendomi a migliorare. Ho pianto e ho capito che il cancro era una possibilità. Avevo qualcosa contro cui combattere. “

È iniziata una nuova vita. Tutte quelle notti hanno portato a uno stile di vita regolare a casa, allenamento e serate tranquille. Niente alcool, solo acqua, verdura, frutta, riso e presola. I progressi continuano. Acerby, che ha giocato 149 partite consecutive da ottobre 2015 a gennaio 2019, è vicino al record di 162 di Javier Janetti. Nessun riposo, nessuna sospensione, nemmeno un infortunio per più di tre anni.

Leicester ha chiamato, ma non ha detto “asso”. Non c’è urgenza di lasciare il Sassuolo, organizzazione familiare che gli sta sempre accanto. Acerby ha iniziato a trascorrere ore con bambini con disabilità e cancro. Quasi ogni giovedì mattina, puoi vederlo in un fumatore al lavoro, mentre monta i galleggianti da pesca e modella l’argilla con i lavoratori disabili. “Mi sento a casa qui”, ha detto. “Queste persone si abbracciano, dicono sempre ‘grazie’ e non giudicano gli altri. Mi aiutano a vedere la vita dalla giusta prospettiva”.

Acerby si è trasferito alla Lazio nel 2018 e da alcuni mesi gioca in Champions League. Tuttavia, le sue priorità non sono cambiate. Si prende cura costantemente dei bambini malati e prega suo padre. Ammiratore di Carol Vojdila, Papa Giovanni Paolo II conduce una vita ispirata ai valori cattolici di Acerby. La sua foto del profilo WhatsApp è intatta, una foto di un ragazzo e di Elijah che non sono sfuggiti al cancro. “È il mio leone, ha combattuto ed è morto”, ha scritto Acerby dopo aver perso il suo giovane amico. Il leone è diventato il suo simbolo. Ha tatuato l’animale sul petto e sul braccio destro, adottando il soprannome di “Lione”, “Leone” in italiano.

Febbre: iscriviti e ricevi la nostra email quotidiana sul calcio.

La vita non ha smesso di sfidarlo. Acerby aveva due desideri nel 2016. In primo luogo, giocare nell’euro in Francia. Secondo, sposare la sua ragazza Serena. Antonio Conte non lo ha scelto per la squadra italiana e il suo rapporto con Serena si è concluso. Cinque anni dopo, nessuno dubitava che Mancini lo avrebbe aggiunto alla sua squadra. E dal 2020 la sua compagna Claudia è ora incinta. “Ace” diventerà presto il padre di una ragazza, e un giorno un ragazzo farà parte della famiglia. Quanto al nome della figlia, è una gara tra Celeste, Aurora e Vittoria. Quanto al futuro figlio, perché non Elia?

Scrive Luca Pyongyang Cassette Dello gioco.

Seguitelo su Twitter ுக Lucabians7.

Clicca qui per una guida tattica sull’Italia.

READ  In Italia la danza aiuta durante la chiusura