Gennaio 20, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Fossile di mostro trovato in Australia

(StudyFinds.org) – I draghi tendono ad essere più un mito che una vera creatura che troviamo nei musei, ma un nuovo studio rivela che i terrificanti rettili che sono scesi dal cielo per attaccare le prede preistoriche potrebbero essere la cosa più vicina a questi mitici bestie. I ricercatori in Australia affermano che lo pterosauro gigante è il più grande rettile volante mai scoperto nel continente, risalente all’età dei dinosauri.

“È la cosa più vicina che abbiamo a un vero drago”, afferma un dottorato di ricerca dell’Università del Queensland. Candidato Tim Richards in Comunicato stampa.

“Il nuovo pterosauro, che abbiamo chiamato Thapunngaka shawi, sarebbe stato una bestia temibile, con una bocca simile a una lancia e un’apertura alare di circa sette metri. In pratica era solo un teschio con un lungo collo, montato su un paio di lunghe ali .”

“Questa cosa avrebbe potuto essere piuttosto selvaggia”, aggiunge il ricercatore del Dinosaur Laboratory presso la School of Biological Sciences dell’Università del Queensland. “Avrebbe potuto gettare un’ombra su un piccolo tremore. dinosauro Cosa che non avresti sentito finché non fosse stato troppo tardi.”

Gli autori dello studio hanno scoperto e analizzato un fossile della mascella di Thapunngaka shawi dopo che è stato trovato nel paese di Wanamara nel nord-ovest del Queensland.

Orrore per terra e per mare

Tim Richards con un teschio di pterosauro di Anguirre. (credito
Tim Richards)

Richards riferisce che il cranio del rettile volante è lungo più di 1 metro e contiene circa 40 denti. I ricercatori ritengono che questo abbia reso le mascelle degli pterosauri ideali per volare giù per catturare i pesci nell’antico mare di Iromanga del Queensland.

READ  La contea di Napa riporta la prima morte per COVID-19 in una persona completamente vaccinata

Richards continua: “Si è tentati di pensare che potrebbe essere piombato come una gazza durante la stagione degli amori, facendo sembrare così insignificante la picchiata della tua gazza domestica: nessuna quantità di fascette avrebbe potuto salvarti”. “Anche se, per essere chiari, non era come un uccello, e nemmeno un pipistrello – gli pterosauri erano un gruppo diversificato di rettili di successo – sono stati i primi animali con le ossa posteriori a colpire in volo a motore”.

Gli scienziati aggiungono che il nuovo fossile appartiene a un gruppo di pterosauri chiamati anhagueriani. Il team afferma che queste creature sono state trovate in tutti i continenti durante gli ultimi giorni di L’età dei dinosauri. Gli pterosauri generalmente avevano ossa cave che erano idealmente sviluppate per il volo. Sfortunatamente, questo fa una scoperta I loro fossili sono incredibilmente rari.

“È assolutamente incredibile avere i fossili di questi animali”, spiega Richards. “Per gli standard mondiali, il record per gli pterosauri australiani è scarso, ma la scoperta di Thapunngaca contribuisce in modo significativo alla nostra comprensione della diversità degli pterosauri australiani”.

Il team aggiunge che il nuovo fossile è solo il terzo tipi di pterosauri anhanguerian Scoperto in Australia. I tre scienziati scoperti nel West Queensland.

La mascella del dinosauro lo ha aiutato a volare meglio?

Dr. Steve Salisbury, coautore dello studio e PhD di Richard. Moderatore, afferma che la mascella dello pterosauro potrebbe aver svolto un ruolo importante nei rettili capacità di volare. I ricercatori hanno scoperto un’enorme cresta ossea nella mascella inferiore e credono che ce ne fosse anche una nella mascella superiore.

READ  L'Organizzazione Mondiale della Sanità onora la defunta Henrietta Lacks per i suoi contributi alla ricerca scientifica

“Questi segni potrebbero aver giocato un ruolo nelle dinamiche di volo di queste creature e speriamo che la ricerca futura fornisca risposte più definitive”, spiega il dott. Salisbury.

Il nuovo nome della specie onora i popoli delle Prime Nazioni della regione australiana di Richmond. I ricercatori hanno originariamente scoperto il fossile qui nel 2011. Il nome include anche parole della lingua ormai estinta della nazione Wanamara.

Il nome del genere, Thapunngaka, include thapun [ta-boon] e il dottore [nga-ga]Le parole Wanamara significano rispettivamente “lancia” e “bocca””, conclude il dottor Salisbury. “Il nome della specie Shui onora lo scopritore di fossili Lin Shuo, quindi il nome significa bocca della lancia di Shu”.

Lo studio appare in Journal of Vertebrate Paleontology.