Maggio 8, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Fonti dicono che l’Italia non ha visto una scadenza per il piano di ripresa a causa delle preoccupazioni dell’UE

Scritto da Giuseppe Font e Gavin Jones

ROMA (Reuters) – L’Italia non ha visto la scadenza del 30 aprile per presentare alla Commissione europea una versione finale del suo piano di risanamento perché Bruxelles non è soddisfatta di molti aspetti della bozza presentata finora, affermano fonti vicine alla questione.

Un portavoce del premier Mario Draghi ha fermamente smentito il mancato rispetto della scadenza. Il piano sarà consegnato il 30 aprile, ha detto. Un portavoce del ministero dell’Economia ha dichiarato: “Il nostro obiettivo è di realizzare il 30 aprile”.

Un ritardo sarebbe un duro colpo per Tracy, entrata in carica due mesi fa su un piano preparato dal precedente governo.

Tutti i 27 paesi dell’UE stanno lavorando ai loro piani nazionali, il che spiega come ogni governo intende spendere la propria quota del programma di prestito di recupero di 50.750 miliardi ($ 900 miliardi) dell’UE.

L’Italia ha diritto a più di 200 miliardi di euro in sussidi e prestiti a buon mercato dal più grande fondo frammentato di qualsiasi paese dell’UE. Il pagamento verrà effettuato gradualmente nell’arco di sei anni.

Una delle fonti ha detto: “La commissione è insoddisfatta quanto lo è il piano di risanamento” e ha chiesto di non essere nominata a causa della delicatezza della questione.

La fonte ha detto che Drake presenterà il piano a metà maggio, ma potrebbe volerci molto tempo per affrontare le obiezioni della commissione.

Le principali preoccupazioni di Bruxelles includono la mancanza di dettagli su come verrà gestito il piano una volta che l’UE lo approverà e il significato di alcune delle riforme delineate, compresa la magistratura.

READ  L'ex eurodeputata Marion Slodia, condannata a 8 anni di carcere, si arrende in Italia

Un’altra fonte ha detto che Bruxelles voleva modifiche al piano e che ci sarebbe voluto tempo, e che metà maggio ora sembrava un momento “realistico” per la sua presentazione.

L’Italia non aveva precedentemente suggerito che potesse essere ritardato, ma l’8 aprile ha detto ai giornalisti che “consegneremo il nostro piano il 30 aprile”.

Un portavoce della Commissione non ha commentato in modo specifico il piano italiano, ma la Commissione ha capito che la formulazione di piani di ripresa sarebbe un compito impegnativo per tutti gli Stati membri, mentre si concentra sull’affrontare l’epidemia di COVID-19.

Ha detto che i piani dovrebbero essere presentati di regola entro il 30 aprile, aggiungendo che alcuni paesi “potrebbero aver bisogno di qualche settimana in più” e “la qualità dovrebbe essere la prima priorità”. Ha aggiunto che la Commissione è attualmente in “serio dialogo” con tutti i paesi per preparare i loro piani.

Schemi per la spesa

Il vicepresidente della Commissione Valdis Dombrovsky ha dichiarato venerdì che alcuni paesi dell’UE mancheranno l’obiettivo del 30 aprile.

Insieme alla campagna del vaccino COVID-19, l’obiettivo principale di Tracy è presentare un piano di ripresa concreto per garantire il flusso di fondi dell’UE, che alla fine scatenerà la crescita per l’economia pigra.

COVID-19 è una mappa nazionale dei sussidi e dei prestiti disponibili per ogni paese dell’UE attraverso il prestito congiunto senza precedenti della Commissione per ricostruire le economie più verdi e più digitali dopo l’epidemia.

Nei suoi commenti di venerdì, Dombrovsky ha affermato che i ritardi nella presentazione di alcuni progetti non spingerebbero il progetto nel suo insieme, i cui dettagli richiedono ancora l’approvazione dei parlamenti di alcuni paesi.

READ  Prima della diga nella FED Cup con l'Italia, la decisione presa da Simona Halep. Il capitano rumeno ha svelato il piano dell'atleta

Eventuali ritardi nell’emissione dei progetti non sono troppo lunghi, con l’approvazione approvata da tutti gli Stati membri entro giugno, e la commissione potrebbe offrire i primi sconti a luglio, ha detto Domprovsky.

($ 1 = 0,8345 euro)

(Rapporto aggiuntivo di John Stroopzewski a Bruxelles; Montaggio di Francis Kerry)