Maggio 21, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Fatti: Paesi e aziende stanno evitando il greggio russo a causa dell’invasione dell’Ucraina

(Reuters) – I flussi di gas russo verso l’Europa restano stabili, ma le sanzioni occidentali sull’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca e le azioni volontarie degli acquirenti iniziano a incidere sulle vendite di greggio e prodotti petroliferi. Per saperne di più

Mentre solo pochi paesi, inclusi Stati Uniti, Canada e Australia, hanno un divieto assoluto, alcuni acquirenti in Europa stanno evitando il petrolio russo per evitare danni alla reputazione o potenziali problemi legali. Per saperne di più

L’Agenzia internazionale per l’energia stima che 2,5 milioni di barili al giorno di petrolio e prodotti russi potrebbero non essere immessi sul mercato a partire da aprile, poiché le autosanzioni diventano più evidenti. Per saperne di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

I dati preliminari hanno mostrato che le spedizioni di petrolio nei porti occidentali della Russia dovrebbero diminuire all’inizio di aprile.

Ecco le misure annunciate dai Paesi e dalle maggiori compagnie energetiche europee:

Chi sta ancora comprando petrolio russo?

Bulgaria

Un funzionario del governo ha affermato che la raffineria Neftochim Burgas, di proprietà della russa Lukoil, lavora già il 40% del greggio non russo e potrebbe aumentare questa percentuale al 100% se necessario, sebbene al momento non ci siano piani per ridurre il consumo russo. .

Cina

La Cina è il secondo importatore di petrolio russo dopo l’Unione europea e l’Agenzia internazionale per l’energia afferma che le spedizioni marittime potrebbero aumentare. Petro Logistics, che monitora la produzione di petrolio, vede più greggio russo dirigersi verso la Cina.

Unione Europea

Il blocco di 27 nazioni, che dipende dalla Russia per il 40% del suo gas e il 27% delle sue importazioni di greggio, è diviso sulla limitazione dell’ingresso della Russia, ma entro la fine del mese è previsto un piano per eliminare gradualmente i combustibili fossili russi a lungo termine Maggio. . Per saperne di più

Francia

Il petrolio greggio russo rappresentava il 9,5% delle importazioni totali nel 2021, ma l’Associazione francese dell’industria petrolifera (Ufip) ha affermato che la Francia aveva i mezzi per trovare forniture alternative. Ha aggiunto che si stava già allontanando dal diesel russo, che rappresentava circa un quarto delle importazioni nel 2020.

READ  UniCredit sta valutando l'eliminazione di 3.000 posti di lavoro volontari nell'ambito di un nuovo piano - fonti

Germania

Il greggio russo rappresentava circa il 14% dell’assunzione della più grande raffineria tedesca, Miro, che operava normalmente il 17 marzo. Per saperne di più.

La raffineria tedesca PCK Schwedt, posseduta al 54% da Rosneft (ROSN.MM), è alimentata con greggio russo attraverso l’oleodotto Druzhba, così come la raffineria Leuna senza sbocco sul mare, di proprietà della maggioranza di TotalEnergies (TTEF.PA).

Petrolio ellenico (HEPr.AT)

La più grande raffineria di petrolio della Grecia ha affermato che il greggio russo costituiva circa il 15% della sua alimentazione nella seconda metà del 2021 e potrebbe essere sostituito da qualità simili, principalmente dal Medio Oriente. Ha già ricevuto forniture aggiuntive dall’Arabia Saudita. Per saperne di più

Olio dell’Hindustan (HPCL.NS),

La raffineria statale indiana ha acquistato 2 milioni di barili di greggio degli Urali russi da caricare a maggio, secondo fonti commerciali. Per saperne di più

Petrolio indiano (IOC.NS)

Secondo fonti commerciali, la più grande raffineria indiana ha acquistato tre milioni di barili di Urali per la consegna a maggio. Per saperne di più

ISAB

La più grande raffineria d’Italia, di proprietà del gruppo svizzero di commercio e fornitura Litasco e controllata da Lukoil, era operativa come di consueto dal 4 marzo.

Lavora diversi tipi di materie prime.

MOL (MOLB.BU)

Il 15 marzo il gruppo petrolifero ungherese ha dichiarato che l’oleodotto russo Druzhba stava continuando a fornire greggio. Il primo ministro Viktor Orban si è ripetutamente opposto alle sanzioni contro il petrolio e il gas russi.

Olanda

Né il governo olandese né il porto di Rotterdam hanno vietato il petrolio russo. Circa il 30% del petrolio che passa per Rotterdam è russo. Circa 20 milioni di tonnellate di prodotti petroliferi russi passano ogni anno attraverso il porto.

PKN Orlen (PKN.WA)

La più grande raffineria polacca ha affermato che stava continuando ad acquistare greggio russo per le sue raffinerie in Polonia, Lituania e Repubblica Ceca, ma era pronta per “qualsiasi scenario”, inclusa una sospensione completa delle forniture russe. Per saperne di più

READ  La piena occupazione non è necessariamente il Santo Graal in un'economia di mercato flessibile

tacchino

La Turchia acquista greggio russo e prodotti correlati e non ha intenzione di fermarsi. Si oppone all’imposizione di sanzioni a Mosca. Tupras (TUPRS.IS) è la più grande società di raffinazione in Turchia.

Chi ha smesso di comprare petrolio russo?

AMPOL (ALD.AX)

La raffineria australiana afferma di non aver acquistato petrolio greggio o prodotti russi dall’inizio del conflitto. Per saperne di più

BP

Il colosso petrolifero britannico, che sta cedendo la sua partecipazione in Rosneft, non stipulerà nuovi accordi con entità russe per l’imbarco nei porti russi, a meno che “non sia necessario per garantire la sicurezza degli approvvigionamenti”. Per saperne di più

Gran Bretagna

La Gran Bretagna ha affermato che avrebbe gradualmente eliminato le importazioni di petrolio russo entro la fine del 2022. Il petrolio e i prodotti petroliferi russi rappresentavano l’8% della domanda del Regno Unito. Per saperne di più

Canada

Il Canada ha affermato che vieterà le importazioni di greggio russo e sta anche valutando la possibilità di vietare i prodotti raffinati. Non importa petrolio greggio russo dal 2019, ma nel 2021 ha acquistato nafta, diesel e benzina. Per saperne di più

CEPSA

La società spagnola, di proprietà del fondo statale di Abu Dhabi Mubadala e della società di private equity Carlyle, ha smesso di acquistare greggio russo, gas naturale e prodotti petroliferi e non prevede che la sua posizione cambierà nel prossimo futuro.

Dove sei

Il gruppo energetico, detenuto al 30,3% dal governo italiano, sospende gli acquisti di petrolio russo. Per saperne di più

EQUINOR (EQNR.OL)

La compagnia energetica statale norvegese, che gode di un’ampia maggioranza, ha interrotto il commercio di petrolio russo quando ha terminato le sue operazioni nel paese. Per saperne di più, tuttavia, ha obblighi contrattuali in base ai quali avrebbe ricevuto quattro spedizioni di petrolio a marzo. Per saperne di più

GALP (GALP.LS)

La compagnia petrolifera e del gas portoghese ha interrotto tutti i nuovi acquisti di prodotti petroliferi dalla Russia o da società russe.

READ  Il gruppo italiano del lusso Zegna prevede un fatturato di oltre 2 miliardi di euro a medio termine

Maersk

Il gruppo armatoriale danese ha smesso di acquistare petrolio russo per le sue navi. Per saperne di più

NESTE (NESTE.HE)

La raffineria finlandese ha contratti petroliferi russi che dureranno fino alla fine dell’anno, ma la compagnia non conclude nuovi accordi di fornitura di petrolio dalla Russia. Per saperne di più

OMV (OMVV.VI)

La compagnia petrolifera e del gas austriaca ha affermato che non raffinerà alcun tipo di greggio russo nelle sue raffinerie europee e non ha intenzione di farlo nel “prossimo futuro”.

prima

La più grande raffineria svedese, di proprietà del miliardario saudita Mohammed Hussein Al-Amoudi, ha interrotto i nuovi ordini di greggio russo, che rappresentava circa il 7% dei suoi acquisti, e ha sostituito i barili del Mare del Nord.

Repsol (REP.MC)

La società spagnola ha smesso di acquistare greggio russo sul mercato spot.

RWE (RWEG.DE)

L’utility tedesca ha dichiarato che interromperà i nuovi accordi di fornitura di gas o petrolio russo.

Conchiglia (SHEL.L)

Il più grande commerciante di petrolio al mondo smetterà di acquistare greggio russo e smetterà gradualmente di partecipare a tutti gli idrocarburi russi. Per saperne di più

totali

La compagnia francese ha smesso di acquistare petrolio dalla Russia, sebbene una delle sue raffinerie senza sbocco sul mare in Germania continui a ricevere greggio russo attraverso l’oleodotto. Per saperne di più

VIVA ENERGIA (VEA.AX)

La raffineria, che opera in Australia con il marchio Shell, ha smesso di acquistare greggio russo. Per saperne di più

Stati Uniti d’America

L’8 marzo gli Stati Uniti, il più grande consumatore mondiale di petrolio, hanno imposto un ampio divieto alle importazioni di petrolio e gas russi. Per saperne di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reporting da parte degli uffici Reuters. Compilato da Nerigos Adomites e Shadia Nasrallah. Montaggio di Jean Harvey, Kirsten Donovan e Paul Simao

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.