Marzo 2, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Fatti: le attività italiane di ArcelorMittal si trovano ad affrontare problemi legali e finanziari

Fatti: le attività italiane di ArcelorMittal si trovano ad affrontare problemi legali e finanziari

(Reuters) – Il governo italiano potrebbe porre l'ex produttore di acciaio Ilva sotto gestione speciale dopo che il suo principale azionista ArcelorMittal ha respinto un piano sostenuto dallo Stato per mantenere a galla il gruppo, ha detto giovedì a Reuters il ministro dell'Industria Adolfo Orso.

Lo stallo su Acciaierie d'Italia (ADI), come è ora conosciuta la società, è un grosso grattacapo per il Primo Ministro Giorgia Meloni, poiché migliaia di posti di lavoro nel sud sottosviluppato dell'Italia sono a rischio.

Ecco una spiegazione di cosa è andato storto e cosa potrebbe succedere dopo.

Cos'è ELVA/ADI?

Elva è stata fondata nel 1905. Il suo stabilimento più grande è stato fondato nella città meridionale di Taranto negli anni '60. Al suo apice produceva più di 10 milioni di tonnellate di acciaio all’anno, ma dopo gli scandali legati ai suoi spaventosi risultati ambientali, nel 2015 il gruppo è stato posto sotto la gestione controllata dallo Stato.

ArcelorMittal, il secondo produttore di acciaio al mondo, ha acquisito Ilva nel 2018 e attualmente possiede il 62% di ADI, mentre l'agenzia di investimento statale Invitalia possiede il restante 38%.

Circa 8.200 persone lavorano direttamente nelle acciaierie tarantine, mentre altre 3.500 lavorano nell'indotto.

Che cosa è andato storto?

L’azienda non si è mai ripresa dalla significativa recessione vissuta negli ultimi dieci anni. Giovedì il ministro dell’Industria Adolfo Urso ha dichiarato al Parlamento che ADI ha mancato gli obiettivi di produzione, producendo meno di tre milioni di tonnellate di acciaio nel 2023 contro un obiettivo di quattro milioni.

L’azienda si è impegnata a decarbonizzare le proprie attività, ma ciò costerà miliardi di euro.

READ  Il servizio di streaming australiano che ha scioccato il mondo del calcio si è sciolto

Lo scorso settembre, il governo aveva dichiarato che avrebbe finanziato iniziative ambientali per un valore di 2,27 miliardi di euro (2,5 miliardi di dollari), utilizzando fondi dell’Unione Europea, in cambio di maggiori investimenti da parte di ArcelorMittal, ma il memorandum d’intesa è attualmente congelato.

ArcelorMittal si è lamentata del fatto che Roma non avesse onorato gli impegni di investimento assunti nel 2020, quando Invitalia accettò di rilevare la sua partecipazione.

Il governo ha proposto questa settimana che Invitalia conferisca 320 milioni di euro ad ADI e poi aumenti la sua partecipazione al 66%, come parte di un piano più ampio di rafforzamento del capitale della società.

Tuttavia, ArcelorMittal ha rifiutato di garantire che avrebbe fornito ulteriori investimenti anche come azionista di minoranza, affondando la proposta.

Una fonte vicina ad ArcelorMittal ha detto che il gruppo è pronto a sostenere il piano del governo a condizione che continui ad avere poteri di governance simili a Invitalia.

Ma Orso ritiene che tale opzione sia inaccettabile anche per il governo alla luce delle restrizioni sugli aiuti di Stato europei.

Cosa poi?

Urso ha affermato che per rilanciare l'Adi sono necessarie “misure radicali”, aggiungendo che il governo intende delineare un piano nazionale per l'acciaio.

Il caso rischia di finire in tribunale, con il governo e ArcelorMittal che si accusano a vicenda di non aver onorato i reciproci obblighi.

Le possibili soluzioni a breve termine prese in considerazione dal governo includono il collocamento delle operazioni sotto gestione speciale e la nomina di uno o più commissari per evitare la chiusura dell'ADI.

Questa opzione sarebbe simile al fallimento previsto dal Capitolo 11 negli Stati Uniti, che consente a una società o a un individuo di riorganizzare i propri debiti e obblighi. Potrebbe anche aiutare il governo a guadagnare tempo nella ricerca di un nuovo partner industriale per ADI.

READ  Barclays, Santander, Sausgen e Stifel si uniscono al Consorzio MBS per le chiamate in contanti

I sindacati stanno esortando la Meloni a rinazionalizzare il gruppo, una mossa che è in conflitto con l'obiettivo dichiarato della Roma di ridurre le sue partecipazioni nelle società statali. Inoltre, non è chiaro se l’Unione Europea approverebbe tale mossa o se ArcelorMittal ricorrerebbe ai tribunali per cercare di bloccarla. ($1 = 0,9121 euro)

(Segnalazione di Giuseppe Fonte e Angelo Amanti; Montaggio di Crispian Palmer e Keith Weir)