Dicembre 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Farsa della safety car F1 al Gran Premio d’Italia: regole, Abu Dhabi, Lewis Hamilton

La F1 rischia di diventare una freccia di risate globali per la seconda volta in 10 mesi dopo che le sitcom del Gran Premio d’Italia hanno visto la gara finire sotto una safety car. Ecco come risolverlo.

La Formula 1 ha molto lavoro da fare.

A rischio di diventare lo zimbello del mondo per la seconda volta in 10 mesi, la FIA ha urgente bisogno di affrontare le sue regole di governo per le corse dopo una fine farsesca del Gran Premio d’Italia. Il Gran Premio ha riportato alla memoria l’epica conquista del titolo ad Abu Dhabi l’anno scorso.

Max Verstappen ha ottenuto la sua undicesima vittoria della stagione 2022 in Italia, ma la gara si è conclusa sotto la safety car dopo che il motore di Daniel Ricciardo non è riuscito a fermarlo fuori pista.

Mentre venivano subito sventolate le bandiere gialle, il tempo tra lo stop di Ricciardo e lo schieramento di una grossa safety car ha indicato l’esitazione dei due responsabili.

Quando la safety car è stata finalmente schierata, mancavano meno di tre giri e le vetture erano fuori posizione, il che significava che Charles Leclerc non aveva la possibilità di lottare contro il suo rivale della Red Bull.

Sebbene la decisione seguisse tecnicamente le regole, ha messo in luce incongruenze nello sport e la necessità di una revisione quando l’incidente influisce sulle fasi finali della competizione.

I fischi di Tifosi si sono sentiti alla fine della gara così come di Verstappen quando è salito sul podio.

La corsa alla safety car schierata in Italia è stata una ripetizione degli eventi di Abu Dhabi dello scorso anno quando l’allora direttore di gara Michael Massi ha improvvisato le regole per consentire un round finale di gare che probabilmente ha visto Verstappen strappare il titolo mondiale a Lewis Hamilton .

READ  Voci di trasferimento: Sancho, Lewandowski, Tony, Young, Lingard, Bill, Haaland, Doykhi

Hamilton non si è fatta sfuggire l’ironia di quanto accaduto negli ultimi giri a Monza.

“Riporta sempre alla mente i ricordi”, ha detto. “Questa è la regola da rispettare, vero?

“C’è solo una volta nella storia di questo sport in cui oggi non hanno applicato tali regole ed è lì che ho cambiato il risultato del torneo. Ma è così”.

Il suo capo squadra Toto Wolff ha fatto eco ai sentimenti di Hamilton.

“Questa volta, segui le regole”, ha detto. “Ci sono regole e che tu sia ad Abu Dhabi scioccato o meno, quelle regole sono state seguite fino al punto oggi.

“Se uno non è soddisfatto dei regolamenti e voglio avere un grande spettacolo e due stati di corsa e caos, sono totalmente favorevole”, ha detto. “Ma poi dobbiamo cambiare i regolamenti”.

I fan e le squadre sono rimasti sbalorditi dal tempo impiegato per evacuare il team McLaren e si sono chiesti perché la bandiera rossa non fosse stata alzata per la gara per consentire il riavvio.

Sia la Red Bull che la Ferrari hanno detto in seguito che avrebbero preferito una ripartenza.

“Oggi abbiamo tutte le condizioni per riprendere a correre”, ha detto il team principal della Ferrari Mattia Binotto.

Non so perché hanno aspettato così a lungo. La FIA è stata colta nel sonno, potrebbero non essere ancora pronta per affrontare queste situazioni”.

Anche il capo del team Verstappen Red Bull, Christian Horner, è stato fondamentale. “Non vogliamo vincere una gara con una safety car”, ha detto. “È qualcosa di cui parliamo da molti anni e che dovrebbero finire la gara. C’è stato abbastanza tempo per iniziare questa gara”.

READ  Ecco i primi 10 collezionisti di auto più ricchi

“Avevamo la macchina più veloce e volevamo vincere la gara in pista, non dietro la safety car. Condividiamo la delusione di tutti i tifosi, perché ha sprecato la fine di una pista”.

Va contro i principi di quanto abbiamo discusso in precedenza. I più grandi sconfitti sono stati i fan. Dobbiamo guardare rapidamente per affrontarlo”.

Alla luce di quanto accaduto ad Abu Dhabi, gli ultimi giri della gara di Monza dimostrano la necessità di modificare le regole vigenti.

Mentre i direttori di gara erano “a regola d’arte” in Italia, la F1 deve affrontare gli incidenti negli ultimi giri e considerare qualsiasi cosa negli ultimi cinque round come impostare una bandiera rossa automatica che costringe a un riavvio permanente.

Farebbe molto per eliminare le diverse interpretazioni delle regole e prevenire finiture anti-clima.

Originariamente inviato come La farsa della safety car di F1 al Gran Premio d’Italia rivela la necessità di modifiche alle regole