Settembre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Eni e Atlantia uniscono le forze per sviluppare i biocarburanti per l’aviazione

MILANO (Reuters) – Il gruppo energetico Eni (ENI.MI) e l’Aeroporte di Roma (ADR) di Atlantia Airports Unit (ATL.MI) hanno firmato un accordo per lo sviluppo di biocarburanti per l’aviazione per combattere il cambiamento climatico. Martedì.

Gli operatori aeroportuali e aerei sono sotto pressione per contribuire all’obiettivo dell’UE di ridurre le emissioni nette di carbonio a livello di economia del 55% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990.

A luglio, la Commissione europea ha proposto di obbligare i fornitori a miscelare almeno il 2% di carburante per aerei sostenibili (SAF) nel loro cherosene dal 2025, salendo al 5% nel 2030 e al 63% nel 2050. Leggi di più

Eni e ADR hanno dichiarato che lavoreranno insieme a progetti di decarbonizzazione e digitalizzazione per gli aeroporti gestiti da ADR, tra cui Fiumicino e Ciampino a Roma.

In base all’accordo, ADR prevede di introdurre nei prossimi mesi negli aeroporti romani carburanti sostenibili per l’aviazione e l’assistenza a terra.

“Siamo profondamente impegnati a garantire che i vettori abbiano accesso ai biocarburanti nei prossimi mesi, prima delle aspettative”, ha affermato in una nota l’amministratore delegato di ADR Marco Troncone, parlando dei due aeroporti romani gestiti dalla compagnia.

Eni sta convertendo le sue raffinerie in Italia alla produzione di biocarburanti come parte del suo impegno per diventare carbon neutral entro il 2050.

Produce biocarburante per oli vegetali idrotrattati presso le raffinerie di Venezia e Gila Bio utilizzando la propria tecnologia interna e può anche produrre carburante per aviazione sostenibile con la stessa tecnologia da rifiuti e materie prime vegetali.

“Siamo pronti a mettere a disposizione del settore tecnologia e prodotti low carbon”, ha affermato Giuseppe Ricci, chief operating officer di Eni Energy Evolution.

READ  Capri, l'isola blu d'Italia, sta emergendo dalla pandemia del blues

In un comunicato stampa, l’ADR ha affermato che raggiungerà l’obiettivo dell’UE di ridurre le emissioni di carbonio nel 2030, in vista dell’obiettivo del 2050 per gli aeroporti europei.

(Segnalazione di Francesca Landini e Stephen Geox; Montaggio di Jason Neely

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.