Dicembre 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Effetti di COVID-19 sulla cognizione – Notizie di neuroscienza

Riepilogo: I modelli di deterioramento cognitivo sperimentati da quelli con COVID-19 erano simili a quelli dei soggetti sani privati ​​del sonno. Inoltre, gli scarsi sintomi di deterioramento cognitivo nei pazienti con coronavirus erano direttamente associati a infezioni gravi.

fonte: Università dell’Ontario occidentale

Un nuovo studio a lungo termine condotto da neuroscienziati della Western University mostra che i sintomi a breve termine di COVID-19, come difficoltà respiratorie, febbre e tosse secca, potrebbero essere solo la punta dell’iceberg.

I risultati pubblicati da Rapporti sulle cellule medicinalirivelando un deterioramento cognitivo a breve e potenziale a lungo termine tra le persone con COVID-19.

Attraverso un solido set di dati raccolti dai partecipanti utilizzando lo strumento di indagine scientifica online di Cambridge Brain Sciences, i principali investigatori Adrian Owen e Conor Wild hanno scoperto significative menomazioni nel pensiero, nella velocità di pensiero e nelle capacità verbali nei pazienti con casi confermati di COVID-19, ma senza perdite nelle prestazioni della memoria.

“Il modello di deterioramento cognitivo nei pazienti COVID-19 è simile a quello dei partecipanti allo studio sani e privati ​​del sonno”, ha affermato Owen, professore di neuroscienze cognitive e imaging presso la Schulich School of Medicine and Dentistry in Occidente.

Nel 2017, Owen e Wilde hanno condotto il più grande studio al mondo sul sonno, coinvolgendo più di 40.000 persone, utilizzando lo stesso strumento di ricerca scientifica online.

Per lo studio sul cervello su COVID-19, Owen, Wilde e i loro collaboratori presso la Western, Cambridge University, il Sunnybrook Health Sciences Center e l’Università di Ottawa hanno valutato quasi 500 persone circa tre mesi dopo una diagnosi confermata di COVID-19.

Le esperienze dei partecipanti su COVID-19 variavano da “molto mite” a “unità di terapia intensiva ventilata”. I ricercatori hanno scoperto che la gravità dei disturbi cognitivi era direttamente correlata alla gravità della lesione originale.

READ  Il progetto Woolly Mammoth Resurrection riceve 15 milioni di dollari di sostegno

“Più i sintomi di COVID-19 del paziente sono peggiori, peggiori sono anche i disturbi cognitivi”, ha affermato Wilde, ricercatore associato presso lo Schulich College of Medicine and Dentistry, notando una compromissione significativa in quelli con infezioni lievi.

Credito: Università dell’Ontario occidentale

I ricercatori hanno reclutato migliaia di partecipanti allo studio; Tuttavia, poiché i test per COVID-19 erano molto rari nei primi giorni della pandemia (lo studio è stato avviato nel giugno 2020), non sono stati in grado di confermare chi avesse avuto il COVID-19 rispetto a coloro che pensavano di averlo. Di conseguenza, Owen e Wilde hanno scelto di concentrarsi su 478 persone che hanno segnalato un caso confermato dal punto di vista medico di COVID-19.

Lo studio ha anche scoperto che il grado di deterioramento cognitivo non era correlato al tempo trascorso tra l’infezione da COVID-19 e la valutazione, suggerendo che potrebbe essere a lungo termine.

I ricercatori hanno scoperto che la gravità dei disturbi cognitivi era direttamente correlata alla gravità della lesione originale. L’immagine è di pubblico dominio

“Le carenze non erano inferiori per gli individui fino a tre mesi dopo l’infortunio, suggerendo che questi effetti potrebbero non attenuarsi a breve termine”, ha detto Wilde.

impatto sulla salute mentale

I partecipanti allo studio sul cervello COVID-19 hanno presentato livelli significativamente elevati di depressione e ansia, con il 30 percento che soddisfa i criteri clinici per l’uno, l’altro o entrambi.

“Questi effetti sulla salute mentale non erano correlati alla gravità dell’infezione originale o al deterioramento cognitivo, suggerendo che potrebbero essere il risultato della vita sotto la pandemia stessa, piuttosto che il risultato dell’infezione da COVID-19”, ha affermato il dottor Richard . Schwartz dell’Health Sciences Center di Sunnybrook.

I risultati di questo studio sono un primo passo importante in un programma di ricerca molto più ampio emergente presso la Western University, che comprende ricercatori del Western Institute of Neuroscience (WIN), BrainsCAN, la struttura Imaging Pathogen for Knowledge Translation (ImPaKT) e partner di campus che studiano. Compromissione cognitiva, progressione e mitigazione della malattia e disuguaglianza sociale prolungata del coronavirus.

A proposito di questa realizzazione e notizie dalla ricerca COVID-19

autore: Jeff Reno
fonte: Università dell’Ontario occidentale
Contatto: Jeff Reno – Università dell’Ontario occidentale
immagine: L’immagine è di pubblico dominio

Guarda anche

Questo indica fumo

ricerca originale: accesso libero.
Separare le conseguenze della salute cognitiva, fisica e mentale di COVID-19Scritto da Connor J. Wilde et al. Rapporti sulle cellule medicinali


Riepilogo

Separare le conseguenze della salute cognitiva, fisica e mentale di COVID-19

Mette in risalto

  • I sopravvissuti a COVID-19 mostrano differenze cognitive in aree specifiche
  • La velocità di elaborazione, il verbale e l’inferenza sono interessati, ma non la funzione di memoria
  • Le prestazioni nelle aree interessate sono legate alla salute fisica ma non alla salute mentale
  • Questi effetti sono stati osservati in casi lievi e ospedalizzati di COVID-19

Riepilogo

Poiché i casi di COVID-19 superano centinaia di milioni a livello globale, molti sopravvissuti affrontano sfide cognitive e sintomi a lungo termine.

Tuttavia, importanti domande sugli effetti cognitivi di COVID-19 rimangono irrisolte. In questo studio trasversale online, 478 volontari adulti che hanno auto-segnalato un test COVID-19 positivo (mediana = 30 giorni dall’ultimo test) hanno ottenuto risultati significativamente peggiori rispetto ai criteri pre-pandemici sulle misure cognitive di velocità di elaborazione, ragionamento e verbalizzazione. , e le prestazioni generali, ma non la memoria a breve termine, suggerendo un deficit specifico del dominio. Sono state osservate differenze cognitive anche nei partecipanti che non hanno richiesto il ricovero.

Un’analisi fattoriale della salute e dei questionari relativi al COVID rivela due gruppi di sintomi: uno che varia principalmente con i sintomi fisici e la gravità della malattia e l’altro con la salute mentale.

La performance cognitiva è positivamente correlata con la scala globale che include i sintomi fisici, ma non quella che descrive in modo ampio la salute mentale, suggerendo che l’esperienza soggettiva di “COVID prolungato” si riferisce a sintomi fisici e deficit cognitivi, in particolare disfunzioni esecutive.