Febbraio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

È stato scoperto per la prima volta il disco formato da un pianeta attorno a una stella di un’altra galassia

È stato scoperto per la prima volta il disco formato da un pianeta attorno a una stella di un’altra galassia

M. Kornmesser/ESO

Illustrazione artistica raffigurante il sistema HH 1177, situato in una galassia vicina chiamata Grande Nube di Magellano. La giovane stella massiccia al centro estrae materiale da un disco rotante di gas e polvere, ma espelle anche materia in getti.

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di scoperte affascinanti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

Per la prima volta gli astronomi hanno intravisto una giovane stella fuori dalla Via Lattea circondata da un denso disco in cui potrebbero formarsi i pianeti.

La stella massiccia, chiamata HH 1177, e il suo disco rotante sono stati osservati in… Grande Nube di MagellanoÈ una galassia nana vicina a circa 160mila anni luce di distanza. Questa scoperta senza precedenti potrebbe aiutare gli scienziati a comprendere meglio la formazione di stelle e pianeti.

La stella appena nata cresce di dimensioni estraendo materia dall’ambiente circostante. Gas e polvere si accumulano in un disco piatto attorno alla stella, noto come disco di accrescimento, a causa delle forti forze gravitazionali. Il disco rotante trasporta il materiale sulla stella, che… Diventa sempre più grande. Quando la massa di una stella aumenta, il suo campo gravitazionale diventa più forte, attirando così più gas e polvere nel disco.

Gli scienziati affermano che il buco nero nella nostra galassia ruota rapidamente e trascina con sé lo spazio-tempo

Una stella massiccia come HH 1177 vive velocemente e muore giovane, formandosi ancora più velocemente, e la sua età è solo una frazione dell’età di una stella come il nostro Sole. Questa linea temporale ridotta rende difficile osservare le prime fasi di una stella massiccia nella nostra galassia, poiché la stella e il suo disco sono nascosti alla vista dal materiale polveroso da cui si forma.

Ma il materiale che costituisce le stelle è contenuto nella Grande Nube di Magellano Diverso dalla Via Lattea.

HH 1177 si trova all’interno di un vivaio stellare chiamato N180, che ha meno polvere e meno abbondanza di metalli. La stella non è oscurata da un bozzolo di gas e polvere, consentendo una visione distante ma chiara.

“Quando ho visto per la prima volta la prova di una struttura rotante nei dati ALMA, non potevo credere che avessimo scoperto il primo disco di accrescimento extragalattico”, ha detto l’autrice principale dello studio, la dottoressa Anna McLeod, professoressa associata di fisica all’UCL. un momento speciale.” “Sappiamo che i dischi sono essenziali per la formazione di stelle e pianeti nella nostra galassia, e qui, per la prima volta, ne vediamo la prova diretta in un’altra galassia”, ha affermato in una nota l’Università di Durham nel Regno Unito.

Gli astronomi hanno scoperto la stella, la cui massa è stimata essere circa 15 volte la massa del nostro Sole, utilizzando l’Atacama Large Millimeter/submillimeter Array of Telescopes in Cile, noto come ALMA. I risultati sono stati pubblicati mercoledì sulla rivista natura.

READ  Il dipartimento sanitario della contea di Warren ha segnalato un'epidemia di polmonite nei bambini

Le osservazioni di ALMA sono il seguito di una precedente scoperta fatta dal Very Large Telescope dell’Osservatorio Europeo Australe. Lo strumento Multi-Unit Spectroscopic Explorer, o MUSE, montato sul telescopio ha catturato un flusso di materiale proveniente dalla giovane stella. HH 1177 è stato trovato nelle profondità di una nube di gas nella galassia.

“Abbiamo rilevato un getto proveniente da questa giovane stella massiccia e la sua presenza è un segno di un processo di accrescimento del disco in corso”, ha detto McLeod.

ESO/ALMA (ESO/NAOJ/NRAO)/A. McLeod et al.

Numerosi osservatori hanno contribuito alla scoperta del disco extragalattico. La stella e i suoi getti sono stati scoperti per la prima volta utilizzando lo strumento MUSE del Very Large Telescope (a sinistra e al centro). Le osservazioni di ALMA (a destra) hanno rivelato il disco rotante attorno alla stella.

Per scoprire se c’era un disco attorno alla stella, il team aveva bisogno di misurare la velocità con cui il gas denso si muoveva attorno alla stella.

Quando la materia è attratta da una stella giovane e in evoluzione, non cade subito Sull’essere celeste. Invece, il materiale si appiattisce e orbita attorno alla stella, formando una struttura a forma di disco. Il disco ruota più velocemente al suo centro. La differenza di velocità può aiutare gli astronomi a determinare se si è formato un disco attorno alla stella.

“La frequenza della luce cambia a seconda della velocità con cui il gas che emette luce si muove verso o lontano da noi”, ha detto in una dichiarazione il coautore dello studio, il dottor Jonathan Henshaw, ricercatore presso la John Morris University di Liverpool nel Regno Unito. “Questo è esattamente lo stesso fenomeno che si verifica quando la sirena di un’ambulanza cambia tono mentre ti passa e la frequenza del suono passa da più alta a più bassa.

READ  Questi uccelli sfacciati rubano i capelli ai predatori vivi come se non fosse un grosso problema

Le osservazioni di ALMA sono riuscite a effettuare misurazioni dettagliate della rotazione del disco.

Le giovani stelle non sono gli unici fenomeni celesti che contengono dischi in accrescimento. Anche i buchi neri supermassicci ce l’hanno Dischi sottili e caldi del materiale Si aggira intorno a loro e si nutre di loro.

“Siamo in un’era di rapido progresso tecnologico quando si tratta di strutture astronomiche”, ha affermato McLeod. “Essere in grado di studiare come si formano le stelle a queste incredibili distanze e in una galassia diversa è molto emozionante”.