Aprile 14, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Due australiani sono tra i nove passeggeri rimasti bloccati su un'isola al largo dell'Africa dopo essere arrivati ​​in ritardo sulla loro nave da crociera Norwegian Dawn.

Due australiani sono tra i nove passeggeri rimasti bloccati su un'isola al largo dell'Africa dopo essere arrivati ​​in ritardo sulla loro nave da crociera Norwegian Dawn.

Di Makayla Muscat per Daily Mail Australia

12:23 1 aprile 2024, aggiornato 12:26 1 aprile 2024

Due australiani sono rimasti bloccati su un'isola remota al largo dell'Africa occidentale dopo che la loro nave da crociera li ha abbandonati.

I passeggeri facevano parte di un gruppo di nove persone rimaste a Sao Tomé e Principe, a circa 500 chilometri al largo del Gabon.

Resta inteso che al gruppo è stato negato l'ingresso sulla nave Norwegian Dawn dopo essere tornati da un tour in ritardo.

Jill e Jay Campbell, della Carolina del Sud negli Stati Uniti, Egli ha detto Il tour operator chiamò il capitano per informarlo che i passeggeri avrebbero ritardato e che erano in viaggio.

Mentre la nave era ancora ancorata nel porto, il capitano ha rifiutato di permettere loro di salire a bordo e ha chiesto alla Guardia Costiera di riportarli sull'isola.

Due australiani sono rimasti bloccati su una remota isola al largo dell'Africa occidentale dopo essere stati abbandonati da una nave da crociera norvegese

“Il capitano avrebbe potuto prendere la decisione facile di restituire una delle imbarcazioni, venirci a prendere, caricarci in sicurezza e poi proseguire”, ha detto. ABC15.

Dopo numerosi tentativi di contattare la compagnia di crociera, il gruppo cerca disperatamente di trovare un modo per tornare a bordo.

Il gruppo è composto da sette americani e due australiani, di cui quattro anziani, uno cardiopatico e uno paraplegico. C'è un'altra coppia del Delaware e la moglie è incinta.

Un'altra donna di 80 anni è rimasta indietro dopo essere stata ricoverata in ospedale sull'isola con una commozione cerebrale dopo un colpo.

Si ritiene che sia rimasta senza soldi o effetti personali e che nessuno degli altri passeggeri avesse con sé farmaci o carte di credito.

I Campbell hanno speso più di 5.000 dollari in cibo, articoli da toeletta e hotel per il gruppo perché sono gli unici con una carta Visa.

READ  Boris Johnson esclude nuove restrizioni prima di Capodanno

Con l'aiuto dell'ambasciata americana in Angola, il gruppo si recherà domenica in Gambia, ma potrà riprendere il viaggio solo se il norvegese approverà la loro richiesta.

Finora il gruppo non ha ricevuto alcuna risposta.

Un portavoce di Norwegian Cruise Line ha detto che gli ospiti hanno perso l'ultima offerta per tornare alla nave e non hanno rispettato l'orario di “tutti a bordo” delle 15:00 ora locale.

I passeggeri facevano parte di un gruppo di nove persone rimaste a Sao Tomé e Principe, a circa 500 chilometri al largo del Gabon.

“Anche se questa è una situazione molto spiacevole, gli ospiti sono responsabili di garantire il loro ritorno sulla nave all'orario annunciato, che è ampiamente comunicato tramite l'interfono della nave, nelle comunicazioni quotidiane e pubblicato appena prima di scendere dalla nave”, si legge nella dichiarazione. .

Ha continuato spiegando che gli ospiti sono responsabili di tutte le spese di viaggio necessarie per raggiungere la nave nel successivo porto di scalo disponibile.

“Quando gli ospiti non tornavano alla nave per tutta la durata del loro tempo a bordo, i loro passaporti venivano consegnati agli agenti portuali locali per il recupero al loro ritorno in porto”, ha detto.

“Il nostro team sta lavorando a stretto contatto con le autorità locali per comprendere i requisiti e i visti necessari se gli ospiti vogliono ricongiungersi alla nave al prossimo porto di scalo disponibile”.

Lo staff di Norwegian Cruise Line contatterà gli ospiti con ulteriori informazioni non appena saranno disponibili.

Il Daily Mail Australia ha contattato la compagnia di crociere per ulteriori commenti, insieme al Dipartimento degli Affari Esteri e del Commercio.