Febbraio 5, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Dominique Hoff • Delegato Generale della Jean Film Foundation

Dominique Hoff • Delegato Generale della Jean Film Foundation

– Decifrare un approccio a lungo termine con il Delegato Generale della Fondazione francese per sponsorizzare opere prime e seconde uniche in Francia

(© Pauline Millet)

madre e figlio [+see also:
film review
trailer
interview: Léonor Serraille
film profile
]
E il L’amore secondo Dalva [+see also:
film review
trailer
interview: Emmanuelle Nicot
interview: Emmanuelle Nicot, Julie Esp…
film profile
]
E il Titano [+see also:
film review
trailer
interview: Julia Ducournau, Vincent Li…
film profile
]
E il fuggire [+see also:
film review
trailer
interview: Jonas Poher Rasmussen
film profile
]
E il donna in guerra [+see also:
film review
trailer
interview: Benedikt Erlingsson
interview: Benedikt Erlingsson
film profile
]
E il Giuseppe [+see also:
film review
trailer
interview: Aurel
film profile
]
E il Sheherazade [+see also:
film review
trailer
film profile
]
E il vivaio [+see also:
film review
trailer
interview: Lorcan Finnegan
film profile
]
E il Zero scopate date [+see also:
film review
trailer
interview: Emmanuel Marre and Julie Le…
film profile
]
E il L’apice degli dei [+see also:
film review
trailer
film profile
]
E il Brividi [+see also:
film review
trailer
interview: Jayro Bustamante
film profile
]
E il latte sanguinante [+see also:
film review
trailer
interview: Hubert Charuel
film profile
]
E il dopo l’amore [+see also:
film review
trailer
interview: Aleem Khan
film profile
]
, eccetera. Questi pochi esempi recenti, tra molti altri, testimoniano la qualità – convalidata dai maggiori festival internazionali – delle scelte da lui compiute. Jan Film Foundation, uno dei principali partner privati ​​del cinema francese. Da 35 anni la Fondazione si dedica ai creatori e sostiene anche la distribuzione di molte opere, e ha già sostenuto più di 220 registi. ci siamo incontrati Domenico Hoffsuo rappresentante generale, per saperne di più.

(L’articolo continua sotto – info commerciale)

Cineuropa: La sua scelta del 2022 (leggi la news) rappresenta la linea editoriale della Jan Film Foundation?
Domenico Huff:
È in linea con la nostra filosofia, che è quella di mantenere sempre attività diversificate fin dall’inizio. Infatti, quest’anno i nostri Creative Grant riguardano cinque progetti di opere prime, mentre dal 2014 siamo aperti anche a opere seconde. Ciò che amiamo e ciò che facciamo da 35 anni è sostenere l’emergere di nuovi talenti. Indipendentemente dalla lingua o dalla nazionalità del regista, la cosa più importante per noi è aprirsi al mondo. Quest’anno abbiamo due registi francesi e uno giapponese (Koya Camera E il Momoko Seto), un indiano (Payal Kapadia) e due francesi (Jonathan Millett E il Betty d’argento). E se espandiamo l’ambito per includere i nostri due premi di distribuzione alla Settimana della Critica di Cannes e all’Annecy Animation Festival, i vincitori del premio 2022 includono anche un regista finlandese. Miko Millilahti (per La storia del taglialegna [+see also:
film review
trailer
interview: Mykko Myllylahti
film profile
]
) e il regista francese Alan Augito (per Non sono ammessi cani o italiani [+see also:
film review
trailer
interview: Alain Ughetto
film profile
]
). Questa diversità culturale può tradursi totalmente nelle location delle riprese poiché quest’anno due dei progetti selezionati saranno girati in Corea e in India, ma la produzione dei progetti deve ancora essere prevalentemente francese. Ci assicuriamo anche di mescolare le specie, ma quest’anno emerge un filo conduttore: il tema dei viaggi personali (cultura duale, domande intime, libertà di scegliere chi amare, ricostruzione attraverso la ricerca del carnefice, rapporto ecologico con il mondo vivente , eccetera.). Ciò che caratterizza anche tutti i progetti selezionati è un approccio molto sensoriale.

READ  I migliori film e serie TV del 2021

Che tipo di progetti stai cercando?
Quest’anno abbiamo ricevuto 106 progetti, di cui il 70% opere prime e il 30% opere seconde. Sono al meglio della loro sceneggiatura, dato che la nostra assistenza è così selettiva, consigliamo ai produttori di farsi avanti quando sentono di essere quasi pronti per girare. In generale, i progetti hanno già un piccolo finanziamento, qualche sostegno regionale, magari qualche prevendita televisiva o un anticipo sugli incassi da CNC, ma questi non sono criteri decisivi per la nostra selezione. Ciò che è importante per noi è credere nel progetto. Ma stiamo ancora esaminando la loro fattibilità: stiamo esaminando la società di produzione negli ordini e se c’è davvero un distributore coinvolto. E mentre incontriamo i cineasti e i produttori, insieme alla nostra giuria, possiamo vedere come funzionano questi duetti.

Per un anno o due, abbiamo sentito un po’ di formattazione per i progetti che ci venivano inviati, comprese le opere prime, una mancanza di originalità e forse anche qualche censura spontanea. Come impresa privata, non ci aspettiamo di ottenere alcun ritorno, non siamo legati all’economia cinematografica, quindi se non corriamo un rischio, chi lo farà? Quindi continuiamo a essere coinvolti in progetti audaci, il che non significa che alcuni di loro non possano riunire il pubblico e registrare il numero massimo di successi nelle sale. Altri si rivolgono ai grandi festival, ma questi sono approcci così sottili e innovativi che rimaniamo fedeli ai nostri principi: aiutarli, si spera, a realizzare un secondo lungometraggio, poi un terzo, in modo che costruiscano il loro business. Perché ciò che è importante è il supporto a lungo termine attraverso la comunicazione sui progetti. Non si tratta solo di offrire una dotazione finanziaria (€ 50.000 per il produttore e € 3.000 per il regista come assistenza alla creazione, € 20.000 per il distributore francese per l’assistenza alla distribuzione), ma creare legami forti e farli vivere.

READ  Dalla Svezia all'Italia al Michigan, il calcio è una lingua globale a Escanaba

Il coinvolgimento della Fondazione Jean-Cinema è del tutto originale rispetto al mecenatismo francese. perché?
Ci sono alcune altre iniziative nel cinema, ma altre sono in fase di sviluppo. Ciò che ci distingue è che abbiamo una chiara serie di 35 anni e rimaniamo fedeli ad essa: PRIME CARATTERISTICHE. A parte forse Cartier con l’arte contemporanea, altre istituzioni passano spesso da un campo di intervento all’altro, dalla cultura allo sport, dalla musica alle mostre. C’è anche una ferma volontà nella compagnia di Gan, anche se sono cambiati i registi, perché il cinema è una forza unificante che è umana e parla a tutti. Questo aiuta il marchio in termini di visione e orientamento verso le prime caratteristiche, verso l’assunzione di rischi, nel DNA dell’azienda. Perché il segreto del successo nel mecenatismo è la sincerità e il supporto per essere significativi in ​​relazione al proprio core business.

(L’articolo continua sotto – info commerciale)

(tradotto dal francese)