Luglio 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Djokovic è alla sua nona finale di Wimbledon mentre Alcaraz cerca di sfondare

Djokovic è alla sua nona finale di Wimbledon mentre Alcaraz cerca di sfondare

‘Trentasei è il nuovo 26’: Novak Djokovic festeggia la vittoria su Yannick Siner (Sebastien Bozon)

Novak Djokovic ha raggiunto la sua nona finale di Wimbledon venerdì e ha segnato il suo 35esimo Grande Slam in carriera, dando vita a una potenziale resa dei conti del torneo con Carlos Alcaraz.

Djokovic, che sta inseguendo un record per l’ottavo titolo All-England Club e il 24esimo campionato della sua carriera, ha sconfitto il flipper italiano Yannick Siner 6-3, 6-4, 7-6 (7/4) sul campo centrale, come il La stella serba era imbattuta. . t perso in 10 anni.

La vittoria è arrivata venata di polemiche quando Djokovic è stato penalizzato per il suo handicap e ammonito per gioco lento nella stessa partita durante il secondo set.

Il numero uno al mondo Alcaraz affronterà Daniil Medvedev dei The Mercury più tardi venerdì mentre il ventenne vincitore attende con impazienza gli US Open per qualificarsi per la sua prima finale di Wimbledon.

Djokovic, che giocava la sua dodicesima semifinale di Wimbledon, ha lottato contro tre palle break nel primo set, mentre ne ha avuto bisogno solo nel secondo per assicurarsi il vantaggio.

Il 36enne serbo aveva annunciato di essere un candidato per vincere il titolo alla vigilia della partita di semifinale e ha rafforzato quella fiducia rompendo un altro italiano per avanzare 2-1 nel secondo set.

Il sette volte campione Djokovic si è portato in vantaggio per 3-1 in una bizzarra quarta partita.

In primo luogo, è stato attratto da un punto di handicap dopo un forte grugnito accompagnato da un colpo di rovescio sulla linea.

READ  Qualificazioni del GP di Singapore F1 - Ora di inizio, come guardare e altro

L’arbitro Richard Haigh gli ha poi consegnato una violazione del codice perché ha impiegato troppo tempo tra i punti.

“Le maniglie all’inizio della partita avrebbero potuto cambiare il corso della partita. Ero nervoso dopo quella chiamata, ma sono riuscito a riorganizzarmi”, ha detto Djokovic, il primo giocatore, uomo o donna, a raggiungere 35 finali nella partita. sbattere.

“Probabilmente era la prima volta che mi capitava, di solito non ho grugniti prolungati. Probabilmente era un’eco nel soffitto. Era un invito che dovevo rispettare.”

Nonostante quel doppio colpo, Djokovic ha comunque difeso il suo settimo set asso della competizione contro un giocatore che lo aveva portato in vantaggio di due set nei quarti di finale dello scorso anno prima di schiacciare il campione a cinque punti.

Djokovic ha sprecato tre palle break nel terzo game del terzo set, poi ne ha parate due nel decimo game.

Djokovic ha acceso i suoi aguzzini tra la folla, che sostenevano vocalmente Sinner, fingendo lacrime finte dopo aver infranto le loro speranze di una svolta per l’italiano.

Ha poi dominato il tie-break per suggellare la vittoria e avvicinarsi al traguardo di 24 titoli del Grande Slam di Margaret Court.

Djokovic era praticamente un anziano in semifinale: nove anni più di Medvedev, 15 anni più di Sinner e 16 anni titolare all’Alcaraz.

– Nuovo Trentasei 26 Minuti –

“Sento che 36 è il nuovo 26, mi sento bene. Mi sento molto motivato”, ha detto Djokovic, che ha salvato tutte e sei le palle break affrontate in semifinale.

Quando Djokovic vinse il suo primo dei suoi 23 major agli Australian Open 2008, ad Alcaraz mancavano ancora tre mesi al suo quinto compleanno.

READ  Rachel Barbieri firma con Live Racing

Alcaraz ha gestito solo sette partite in una sconfitta di set consecutivi contro Medvedev quando si sono incontrati nel secondo turno di Wimbledon nel 2021.

Entrambi gli uomini hanno raggiunto le semifinali a Wimbledon per la prima volta e ciascuno ha conquistato cinque titoli nella stagione 2023.

Il 27enne Medvedev deve ancora affrontare un avversario testa di serie a Wimbledon quest’anno, un gradito sollievo per un uomo che non ha mai superato gli ottavi.

Non ha avuto la possibilità di migliorarlo nel 2022 poiché tutti i giocatori russi sono stati banditi da Wimbledon in risposta alla guerra in Ucraina.

“Ho sempre detto che voglio essere qui, voglio giocare. Wimbledon è un grande torneo”, ha detto l’ex campione degli US Open Medvedev.

“Volevo fare bene perché è stato il mio peggior major slam. Non potrei mai entrare nel flusso qui per farlo scattare.

“Quindi sono rimasto deluso l’anno scorso perché non ho avuto la possibilità di dimostrare a me stesso che potevo andare lontano a Wimbledon”.

dj/smg