Aprile 17, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Cresce l’eccitazione a Cannes per l’epico DiCaprio di Scorsese

Cresce l’eccitazione a Cannes per l’epico DiCaprio di Scorsese

Le labbra sono sigillate sul film di tre ore e mezza, ma è basato sul libro più venduto del giornalista americano David Gran su un’ondata di omicidi tra i ricchi indiani Osage negli anni ’20 e la nascita dell’FBI. .

Non sono mancati momenti esilaranti a Cannes da quando è iniziato martedì con la controversa apparizione di Johnny Depp nel suo primo film dopo il suo aspro processo con l’ex moglie Amber Heard.

Ha interpretato il re francese Luigi XV in “Jeanne du Barry”, che ha ottenuto recensioni mediocri, e il direttore del festival Thierry Frémaux ha fatto arrabbiare i critici online dicendo “Non mi interessa” dei problemi legali di Depp.

Il festival ha visto anche l’emozionante apparizione di Harrison Ford, che ha ricevuto una Palma d’oro onoraria alla prima mondiale di “Indiana Jones e il quadrante del destino”.

A rischio di trasformare Cannes di quest’anno in un festival per i vecchi di Hollywood, c’è stata anche una Palma d’Oro onoraria di Michael Douglas e un’apparizione di Sean Penn nei panni di un paramedico brizzolato di New York in “Black Flies”.

Nel frattempo, la competizione principale per il primo premio della Palma d’oro si infiamma.

Tra i primi candidati c’era “Area of ​​Interest” del regista britannico Jonathan Glazer, uno sguardo straziante sulla vita privata degli ufficiali nazisti che lavoravano nel campo di concentramento di Auschwitz.

Ha ricevuto elogi anche Four Banat, un intelligente semi-documentario di Kaouther Ben Hania su una madre tunisina che cerca di affrontare la radicalizzazione dei suoi figli.

Un totale di 21 film si contendono i cuori di una giuria guidata dal vincitore dello scorso anno, Robin Ostlund (“Triangle of Sorrow”), prima della cerimonia di premiazione del 27 maggio.

READ  Guarda l'arte italiana attraverso gli occhi dei Fab 5 Freddy - Suffolk Magazine

Icone italoamericane

Ma tutti gli occhi saranno puntati sul tappeto rosso sabato, quando tre icone del cinema italo-americano si dirigeranno verso il Palais des Festivals.

DiCaprio e De Niro sono entrambi collaboratori di lunga data di Scorsese. Ma non è mai stato nello stesso film, ad eccezione di un divertente cortometraggio del 2015 chiamato “The Audition” in cui hanno gareggiato per un ruolo nel suo prossimo film.

Il mondo del cinema è anche dolorosamente consapevole che potrebbe essere uno degli ultimi film per il maestro dietro “Quei bravi ragazzi”, “Toro scatenato” e “Taxi Driver”.

In una toccante intervista all’inizio di questa settimana, Scorsese, 80 anni, ha dichiarato a Deadline: “Sono vecchio… voglio raccontare storie e non c’è tempo”.

Taxi Driver ha vinto la Palma d’oro nel 1976, ma non è tornato a Cannes dal meno noto After Hours del 1985, anche se è stato presidente della giuria nel 1998.

Finanziato da Apple, Killers of the Flower Moon appare fuori concorso.