Luglio 28, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

COVID-19 ha colpito il settore della ristorazione italiano cautamente ottimistaائل

COVID-19 ha colpito il settore della ristorazione italiano cautamente ottimistaائل

Poiché le restrizioni sanitarie legate al Covid-19 sono state notevolmente allentate negli ultimi mesi e anche i turisti hanno iniziato a tornare nel Paese, l’enorme settore della ristorazione colpito dalla pandemia in Italia sta lentamente tornando alla normalità.

Le strade che erano per lo più vuote durante il periodo peggiore della pandemia sono di nuovo affollate. Ma i commensali dicono che non sono ancora pronti a smettere di preoccuparsi, riferisce Xinhua.

“Sì, le cose sembrano migliori di prima, ma trovo ancora difficile dormire la notte”, ha detto a Xinhua Simon Dordi, co-proprietario dell’Osteria La Ginsola nel quartiere bohémien di Trastevere a Roma. “

Se c’è una cosa che l’ultimo anno e mezzo ci ha insegnato, è che tutto può andare storto senza preavviso”.

Dordey ha ricordato i primi giorni dell’epidemia. Ha detto che La Gensola ha chiuso nelle prime due settimane dell’anno scorso per lavori di ristrutturazione, ma che nonostante la riapertura solo a metà gennaio, le vendite del mese erano ancora migliori dell’intero mese di gennaio dell’anno precedente.

Entro la terza settimana di febbraio le vendite hanno superato quelle dell’intero mese di febbraio 2019.

Poi, all’inizio di marzo, è scoppiata la pandemia e il ristorante ha chiuso i battenti per tre mesi in regime di quarantena. Il resto dell’anno è stato caratterizzato da una serie di riaperture parziali seguite da nuove restrizioni. Dordey ha detto che per l’intero anno La Ginsola ha guadagnato l’80% in meno del solito.

Finora, gli indicatori del coronavirus mostrano un trend positivo negli ultimi mesi.

Secondo il ministero della salute del paese, il numero giornaliero nazionale di infezioni è ora regolarmente inferiore a 1.000, rispetto ai numeri giornalieri di oltre 10.000 di aprile e di 20.000 di marzo. A partire da sabato, il numero di casi attivi nel paese ha raggiunto il livello più basso da ottobre 2020.

READ  Paul Gascoigne è quasi caduto da un elicottero a bordo di una Anna A Celeb italiana

Secondo la FIPE, gruppo industriale che rappresenta i settori della ristorazione e dello spettacolo, circa un’attività su cinque a Roma, compresi ristoranti e bar, non ha ancora aperto completamente, nonostante gli indicatori in miglioramento.

Secondo Coldiretti, la principale entità agricola e alimentare italiana, l’impatto economico della pandemia sul vasto settore della ristorazione lo scorso anno è stato di 41 miliardi di euro (49 miliardi di dollari), con perdite significative che continueranno nel 2021.

Le sfide del settore della ristorazione hanno avuto un impatto anche sui commensali.

I dati della società di sondaggi Opinioni mostrano che l’italiano medio mangia un pasto fuori casa 1,2 volte a settimana, rispetto alle 2,9 volte prima della pandemia.

Le ragioni principali alla base dei numeri più bassi sono i livelli di reddito e i problemi di salute legati all’epidemia, ha detto a Xinhua Maria Rossi, condirettore dell’azienda.