Settembre 25, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Cosa può insegnare l’Italia al mondo sul sequestro dei beni degli oligarchi

Cosa può insegnare l'Italia al mondo sul sequestro dei beni degli oligarchi

Progettato dall’illustre studio di design italiano Nuvolari Lenard Signora M II Presenta un’incredibile figura Art Déco a forma di giaguaro gigante”, sito web clubyacht.net Si nota in un articolo su un enorme yacht di circa $ 60 milioni di proprietà dell’oligarca russo Alexei Mordashov. O meglio, era di sua proprietà.

Meno di due settimane dopo l’invasione russa dell’Ucraina, la Guardia di Finanza italiana ha sequestrato lo yacht che ospita surfisti, vasca idromassaggio, palestra ed eliporto. Molti oligarchi russi hanno affrontato un destino simile per mano di un’efficace guardia fiscale. Altri Paesi possono imparare dalle forze di polizia straordinarie, che hanno una struttura militare ma operano sotto la supervisione del Ministero dell’Economia e delle Finanze e indagano su ogni tipo di cattiva condotta finanziaria.

Non dispiacerti troppo per Mordashov, miliardario proprietario di maggioranza Il gigante russo dell’acciaio Severstal. Possiede anche uno yacht molto più grande, 464 piedi, sei ponti, $ 500 milioni nord. Fu completato solo dal costruttore navale tedesco Lürssen l’anno scorsoMordashov non fu in grado di godersi la nave molto prima che la Russia invadesse l’Ucraina. Fortunatamente per Mordashov, il suo equipaggio è stato quindi in grado di salpare nord Dalle Seychelles a Vladivostok in Russia, dove Mordashov può gustare le fredde prelibatezze della Baia del Corno d’Oro.

Progettato dall’illustre studio di design italiano Nuvolari Lenard Signora M II Presenta un’incredibile figura Art Déco a forma di giaguaro gigante”, sito web clubyacht.net Si nota in un articolo su un enorme yacht di circa $ 60 milioni di proprietà dell’oligarca russo Alexei Mordashov. O meglio, era di sua proprietà.

Meno di due settimane dopo l’invasione russa dell’Ucraina, la Guardia di Finanza italiana ha sequestrato lo yacht che ospita surfisti, vasca idromassaggio, palestra ed eliporto. Molti oligarchi russi hanno affrontato un destino simile per mano di un’efficace guardia fiscale. Altri Paesi possono imparare dalle forze di polizia straordinarie, che hanno una struttura militare ma operano sotto la supervisione del Ministero dell’Economia e delle Finanze e indagano su ogni tipo di cattiva condotta finanziaria.

Non dispiacerti troppo per Mordashov, miliardario proprietario di maggioranza Il gigante russo dell’acciaio Severstal. Possiede anche uno yacht molto più grande, 464 piedi, sei ponti, $ 500 milioni nord. Fu completato solo dal costruttore navale tedesco Lürssen l’anno scorsoMordashov non fu in grado di godersi la nave molto prima che la Russia invadesse l’Ucraina. Fortunatamente per Mordashov, il suo equipaggio è stato quindi in grado di salpare nord Dalle Seychelles a Vladivostok in Russia, dove Mordashov può gustare le fredde prelibatezze della Baia del Corno d’Oro.

Ma come molti altri yacht di proprietà di oligarchi russi, il Signora M II Attraccò lungo le seducenti coste italiane quando la Russia invase – e con sorpresa di Mordashov, la Guardia di Finanza colpì rapidamente. È passata appena una settimana quando ho preso il comando Signora M II-quello era ancorato A Imperia, in Italia, vicino a Monaco – lo yacht petrolifero e a gas del miliardario russo Gennady Timchenko LinaChe è attraccata a Sanremo, in Italia. autorità tedesche ha preso il sopravvento Il magnate del metallo Alisher Usmanov, il cui costo è di 600 milioni di dollari dalbar Mentre Rosneft Lo yacht del CEO Igor Sechin, Amore FerroÈ stato sequestrato dalla polizia francese. (Presidente russo Il presidente russo Vladimir Putin Ha spostato i suoi tre yacht nelle acque russe prima dell’invasione).

READ  Sei stato in Italia per partecipare a fiere di arte e design? Ecco la tua guida alla Dolce Vita a Milano e in Puglia

Da allora, vari paesi europei hanno confiscato o congelato (un passo più leggero) i beni degli oligarchi russi. Il Regno Unito, sede di una miriade di conti bancari e proprietà russe, è stato congelato miliardi di dollari Nel patrimonio ma fece solo modesti sequestri. Ad aprile, quando la Commissione europea ha raccolto i beni congelati degli Stati membri dell’UE, la Francia era in cima alla lista 24 miliardi di euro (circa $ 24,4 miliardi); Tuttavia, 22 miliardi di euro di tale importo provenivano dai soldi della Banca centrale russa. I beni congelati sono – in teoria – più facili da recuperare, ma le probabilità di ciò non sono grandi per i miliardari russi al momento.

È più facile nascondere le proprietà in primo luogo e l’Italia è emersa come leader nel monitoraggio dei guadagni illeciti. Nel congelare o confiscare i beni delle varie oligarchie, l’Italia è emersa come capofila. Farlo è un’arte difficile poiché la maggior parte degli oligarchi nasconde bene i propri beni, e anche quando un bene è ben noto – una villa, per esempio, o uno yacht – le strutture di proprietà possono essere così complesse che le autorità faticano a dimostrare che l’oggetto è in fatto posseduto dal soggetto per sanzioni.


Guardia di Finanza è nata per questo momento. O meglio, fu fatto per un momento quando il re Vittorio Amedeo III di Sardegna decise nel 1774 che aveva bisogno di una forza militare di frontiera che potesse anche controllare il denaro in entrata e in uscita dalle due parti del regno: la Sardegna e il Piemonte. Dopo la sua unificazione, l’Italia mantenne l’unico potere di confine della Sardegna.

Durante le due guerre mondiali, la forza – con la sua miscela unica di abilità militari e finanziarie guidate da un ufficiale militare – ha combattuto con le tradizionali unità militari italiane. Oggi è conosciuta come Guardia di Finanza e, come i suoi fratelli Carabinieri, opera a livello nazionale ma sotto il Ministero dell’Economia e delle Finanze piuttosto che il Ministero della Difesa o il Ministero dell’Interno, come fanno i Carabinieri.

Avere una forza specializzata in reati finanziari è stato certamente vantaggioso per il governo italiano, per non parlare del contribuente italiano. Una selezione di notizie delle ultime due settimane: A Padova, in Italia, gli ufficiali della Guardia di Finanza ha preso il sopravvento Circa 9.000 magliette contraffatte, e nella provincia italiana di Lecce, gli agenti hanno sequestrato 80.000 merci contraffatte, compresi gli iPod. (L’Italia considera l’imitazione come un reato.) In Sardegna la forza è stata documentata 24 bar illegali. Al largo delle coste italiane, il potere dei subacquei Caccia Pescatori di cozze. A Salerno, ufficiali esposto E sequestrato 1 milione di euro (poco più di un milione di dollari) nascosto mafia. E a Catania, i suoi ufficiali stabilito Che un mafioso stava rubando denaro pubblico ottenendo contratti per una società fallita.

In effetti, nel corso delle generazioni, le astute macchinazioni finanziarie della criminalità organizzata italiana hanno spinto la Guardia di Finanza all’intelligence investigativa che gli investigatori finanziari di altri paesi faranno fatica a eguagliare. “La mafia non ha paura di andare in prigione. È una promozione all’interno delle loro istituzioni”, ha detto il generale di brigata. Lo ha detto a FP il generale Salvatore Rosso, l’ex comandante della squadra per la criminalità organizzata della forza. Quello che temono è perdere la loro ricchezza. Ecco perché la confisca dei beni è sempre l’obiettivo numero uno nelle nostre indagini”.

READ  Lavoro reale, età, Instagram, fatti

Le stesse abilità sono estremamente utili nelle indagini su evasori fiscali, frode e corruzione. Stefano Stefanini, ex ambasciatore italiano presso la NATO, ha osservato che “La Guardia di Finanza fa parte dell’approccio italiano alla criminalità, alla sicurezza interna e al ‘law and order’ in generale, e gli ultimi tre o quattro decenni hanno prodotto risultati importanti a livello internazionale livello”. Consigliere diplomatico del Presidente della Repubblica. Ha una struttura militare che prende di mira obiettivi civili. Ciò garantisce standard professionali militari in materia di addestramento, disciplina, comando e controllo”.

Quando la Russia invase l’Ucraina, molti oligarchi russi amanti del lusso possedevano proprietà glamour in Italia e gli ufficiali iniziarono immediatamente a lavorare. “La nostra attività è iniziata prima Regolamento UE 2022/336 [the EU’s first batch of sanctions imposed on Russian officials and oligarchs] rilasciato a febbraio, e nel giro di due settimane abbiamo identificato tutte le ville e gli yacht”, ha detto Russo. “Poiché il nostro compito quotidiano è inseguire le origini dei criminali, abbiamo utilizzato gli stessi metodi per indagare sulle origini degli oligarchi russi. Ovviamente l’indagine sui soggetti sanzionati è leggermente diversa perché non è un’indagine penale, quindi non possiamo utilizzare errori e strumenti simili che useresti in un’indagine penale. Ma il punto è che sappiamo come seguire i soldi nelle indagini transnazionali”.

Da allora, l’Italia ha congelato una serie vertiginosa di beni degli oligarchi. La sorella di Usmanov, Gulbakhur Ismailova (anche dalbarIl proprietario ufficiale) ha perso l’accesso a immobili per un valore di 50 milioni di euro (o circa 51 milioni di dollari) nella provincia sarda di Sassari. Il miliardario di fertilizzanti Vycheslav Kantor ha perso l’accesso agli immobili per 56 milioni di euro (o 57 milioni di dollari) nel comune sardo di Olbia. La compagnia aerea russa PJSC United Aircraft Corporation ha perso aerei per un valore di 150 milioni di euro (o quasi 153 milioni di dollari). Magnate dei fertilizzanti russo-bielorusso Dmitrij Mazepin Suo figlio, Nikita, un pilota di auto da corsa, ha perso l’accesso a una proprietà da 105 milioni di euro (107 milioni di dollari) a Sassari. Usmanov ha perso immobili in Sardegna per un valore di 17 milioni di euro (17,3 milioni di dollari). Il miliardario di fertilizzanti Andrei Melnichenko ha perso l’accesso al suo yacht di lusso da 530 milioni di euro (540 milioni di dollari). Patto Per Philippe Starck, chiede al designer francese di realizzare uno yacht che “non imita [sic] Tutto quello che è stato fatto prima». L’elenco della Guardia di Finanza continua.

Ai primi di maggio, le truppe della Guardia di Finanza preso possesso Gioiello della corona del mondo dello yachting: Scheherazade, una nave da 670 milioni di euro o 682 milioni di dollari che include due eliporti, una piscina e un cinema. “Non è sempre facile attribuito Lo ha detto poi all’Afp un portavoce della Guardia di Finanza. Questo, oltre all’ostentazione ostentata della ricchezza dello yachting, è il motivo per cui gli oligarchi amano così tanto le navi. Ma la forza è riuscita a proporzionare ScheherazadeProprietà di “membri di spicco del governo russo”.

READ  L'incombente assenza di Giovanni Di Stefano

Anche altri paesi occidentali hanno brillanti investigatori finanziari, ma nessuna organizzazione simile a un esercito di circa 60.000 ufficiali è specializzata nella lotta alla criminalità finanziaria. Potrebbero prendere in considerazione l’idea di imparare dalla forza perché la globalizzazione ha reso molto facile per le persone nascondere e spostare denaro attraverso i confini. I Panama Papers, i Pandora’s Papers e i Paradise Papers hanno fornito un’indicazione di quanti soldi il contribuente avrebbe perso di conseguenza.

Da parte sua, la Guardia di Finanza mantiene in questi giorni 25 annessi in tutto il mondo per rafforzare ulteriormente la cooperazione con le agenzie estere – perché più gli investigatori finanziari saranno bravi, più i criminali cercheranno di nascondere i loro soldi all’estero. “Come i Carabinieri, anche la Guardia di Finanza ha subito l’internazionalizzazione”, ha detto Stefanini. “Ha imparato a lavorare in giro per il mondo e ha sviluppato collaborazioni con i suoi coetanei”. Russo ora lavora presso l’Ambasciata d’Italia a Washington.

La creazione unica di Melnichenko si trova ancora nel porto di Trieste, dove si trovava il suo yacht detenuto. Il Signora M II anche resti Dov’era arrestato. Così come altri yacht catturati dalla Guardia di Finanza. Il governo italiano è ora il custode di tutti loro, compreso ScheherazadeQuale resti Nel porto toscano di Carrara. Ironia della sorte, il successo della forza nel rintracciare i beni significa che il governo italiano ora deve mantenere una serie di case di oligarchi e barche di lusso. Lo stato ha persino un’agenzia designata, l’Agenzia del Demanio, che mantiene tali yacht, palazzi e beni simili.

Ma la normativa italiana, chiaramente dimostrata da molti blocchi patrimoniali, prevede anche che ogni volta che le sanzioni saranno revocate, gli oligarchi potranno reclamare le loro proprietà dall’Agenzia del Demanio – meno le spese sostenute dal governo per mantenere la proprietà. “Se l’oligarchia non riesce a prendere in consegna questi beni entro 180 giorni, l’Agenzia del Demanio organizzerà la loro vendita alle aste pubbliche”, ha osservato Russo.

La prospettiva che gli yacht e le ville degli oligarchi vengano venduti all’asta significa che la guerra della Russia contro l’Ucraina è certamente diversa dalle guerre terrestri delle generazioni precedenti. Mai prima d’ora una guerra è stata combattuta in uno sfondo di globalizzazione quasi perfetta, con i magnati di un paese e le loro famiglie che trascorrono così tanto tempo in altri paesi.

L’Italia ha la fortuna che Vittorio Amedeo III abbia visto la necessità di monitorare da vicino le transazioni finanziarie, comprese quelle che attraversano i confini. È meglio che altri paesi esaminino le transazioni in modo simile.