Settembre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Corona virus più recente: l’OMS chiede una pausa rafforzata per aumentare il tasso di vaccinazione globale

Un nuovo studio mostra che i millennial e gli investitori a Singapore rimangono molto ottimisti sugli investimenti durante la pandemia di coronavirus e sono fiduciosi sulle loro prospettive future.

Il sondaggio inaugurale Next Generation Investor Survey di Franklin Templeton ha rilevato che negli ultimi 18 mesi, l’80% degli intervistati ha continuato a investire durante la crisi COVID-19, mentre l’88% stava considerando di investire nel prossimo anno.

Circa il 37% aveva un reddito personale mensile inferiore a S $ 3.000 ($ 2.219), con il 31% che portava a casa tra S $ 3.000 e S $ 5.999 e il 20% tra S $ 6.000 e $ 9999 singaporiani e l’11% raccoglie più di S $ 10.000 al mese.

Il sondaggio online ha esaminato le motivazioni, le intenzioni e le aspirazioni di investimento dei millennial di Singapore, di età compresa tra i 25 e i 35 anni, e della Generazione Z, di età compresa tra i 18 e i 24 anni, durante la pandemia di Covid-19. Gli intervistati sono stati 502 e il sondaggio è stato condotto dal 19 marzo al 6 aprile.

Una scoperta promettente per il settore è che l’83 percento degli intervistati sono risparmiatori mensili regolari e la metà dedica parte del proprio reddito specificamente agli investimenti, con un investimento medio annuo che arriva a poco più di S$ 18.000. La maggior parte, il 56%, preferisce risparmiare tramite una media del costo in dollari, mentre il 24% è dedicato a una somma forfettaria.

Ma mentre questi giovani investitori sono desiderosi di risparmiare, la maggior parte di loro ha anche grandi aspettative sui rendimenti degli investimenti. Più della metà prevede rendimenti annuali superiori al 10 percento e un terzo prevede rendimenti tra il 5 e il 10 percento. Il 15% si aspetta rendimenti dell’1-5 percento.

READ  L'Università di Firenze propone un master in caffè, novità dal mondo

Il 57% degli intervistati preferisce il modello tradizionale del 60% azionario e il modello di allocazione del reddito fisso del 40%, mentre il 23% fa uso di strategie di allocazione degli attivi e il 20% non ne ha una. Oltre il 33% degli intervistati possiede azioni, con questa classe di attività che rimane la scelta più popolare nei prossimi 12 mesi.