Aprile 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Come creare un prato in giardino con piante autoctone amiche degli impollinatori

La salvia dei boschi (Salvia nemorosa ‘May Night’) fiorisce nel prato di 10.000 piedi quadrati di Bruce Lockhart nella sua proprietà a Petersham, nel Massachusetts. (Sarah Crosby)

C’è qualcosa di innegabilmente attraente in un prato. I proprietari di case immaginano di fare offerte per la cura del giardino che l’addio potrebbe vedere Una distesa di piante fiorite e pali da prato come alternativa ecologica e a bassa manutenzione.

Sembra abbastanza semplice: scava nel cortile, aggiungi alcuni semi e sarai immediatamente ricompensato con un lussureggiante arazzo di fiori che ti renderà l’eroe del quartiere, giusto? Se lo fai bene, sì, il prato può essere tutte queste cose. Ma i prati non sono facili da avviare e richiedono poca manutenzione, anche dopo che sono stati stabiliti. Tuttavia, sono più facili da gestire rispetto ai giardini tradizionali e i sostenitori affermano che i vantaggi della coltivazione di piante autoctone che attirano gli impollinatori e forniscono rifugio alla fauna selvatica autoctona ne fanno valere la pena.

Quando nel 2010 Bruce Lockhart stava cercando una soluzione per un campo di marciume roccioso nella sua proprietà di 87 acri nel Massachusetts centrale, ha subito pensato a un prato. L’area di 100 piedi per 100 piedi era principalmente “rocce, sabbia e ambrosia” prima che il prato fosse installato, dice, quindi Lockhart pensava che non avrebbe perso molto provandoci. Il designer di giardini del Vermont Gordon Hayward, che ha sviluppato un elenco di piante armoniose, si è consultato con alcuni artisti ripetuti (come la salvia) che si intrecciano dappertutto.

Dopo aver trascorso sei mesi a diserbare il sito, Lockhart ha piantato 1.600 contenitori da un gallone di piante perenni e biennali. Il fazzoletto conteneva il 10% di erbe, come i semi della prateria (Sporobolus heterolepis)E erba di palude viola (Molina Kerola) e cambia erba (Panico varietà) per creare una miscela che funzioni durante tutto l’anno. Il prato risultante è stato mozzafiato di felicità per due anni. Poi ha conquistato l’erba strega.

READ  I filamenti di idrogeno sono lunghi 3900 anni luce

Lockhart rimane devoto al suo prato, ma il progetto si è rivelato più laborioso del previsto. Invece del trucco senza manutenzione che aveva immaginato, ora disegna in tempo per eliminare il suo programma settimanale. Pochi anni dopo l’installazione, Elders of the Prairie (Salvia spp), millefoglie (Achillea spp) e il saggio turco (Plumis roseliana) è scomparso dalla scena. Nel frattempo, i sopravvissuti sono come l’erba di ferro (Vernonia noveboracensis), Astro del New England (Symphyotrichum novae-angliae), stella blu filiforme (Amsonia hubrichtii), radice di Culver (Veronicastrum virginicum) e conifere (Echinacea purpurea) auto-impiantati nelle aree calve, che ne aumenta la presenza. Le erbe ornamentali hanno avuto un tale successo che le ha aumentate dal 15 al 20 percento della formula. Non è la visione originale, ma è soddisfatto del risultato. “Non ho l’energia per renderlo il prato dei miei sogni”, dice. “Guardo solo come si sviluppa e mi diverto.”

Altri proprietari di prati sono venuti in un posto simile. Sheila Perrin, della contea di Westchester, New York, ha creato quasi quattro acri di prati nella sua proprietà di 14 acri 19 anni fa. Lo spazio comprende sia aree paesaggistiche che classiche piantagioni formali come parte di un piano completo orchestrato dal paesaggista ambientalista Larry Weiner. Sono andati con una miscela di semi personalizzata e fodere sigillanti specificamente mirate per il successo nelle loro condizioni del suolo. I prati risultanti si sono sviluppati così tanto, “Ogni anno è un po’ diverso, ma questa è la cosa divertente dei prati. C’era un piano, ma la natura voleva che fosse a modo suo”, dice Perrin.

READ  La Russia rimpatria l'equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale su un razzo di riserva dopo che una capsula è fuoriuscita

Ma non è stato facile. “Chiunque pensi che un prato non sia un business purtroppo si sbaglia”, dice. La sua battaglia principale è con le erbacce, in particolare l’erba giapponese. Nonostante le difficoltà, il suo sostegno a Marj è incrollabile. Sta infatti ampliando la sua impronta per eliminare un’area di prato lungo il vialetto, e riempiendola di graminacee ornamentali a crescita bassa. Uno dei bonus è stato il rendimento del manto erboso durante le stagioni secche. Perrin non innaffiava mai il prato, ma reclutava.

L’architetto paesaggista dell’Upper New York Jamie Purinton ha scoperto che alcune delle sue trasformazioni di maggior successo in prati erano un tempo campi agricoli dove le erbacce erano state precedentemente sradicate; aree a prato dove è possibile rimuovere la zolla; O terreni appena disturbati nei cantieri domestici.

L’ascesa e la bellezza della pianta nativa

Ho seminato un’aiuola con un mix commerciale di fiori di campo/erba. E per un “risultato strutturato”, inserisce piccole fodere di tappi di piante autoctone. I suoi preferiti includono Pepalm (Monarda spp), conifere (Echinacea purpurea)E falena (Asclepia tuberosa), barba digitale (Penstemon digitale)E Susan dagli occhi neri (Rudbeckia spp) e mi piace l’erba (Spettro Eragrostis). I prati non sono esenti da manutenzione, dice, “ma richiedono una manutenzione inferiore rispetto a un’aiuola tradizionale”.

Weiner è d’accordo. “In un tipico orto, ogni pianta ha il suo spazio. In un prato, le piante si sovrappongono spazialmente”. Questa struttura a maglia stretta aiuta a creare un effetto texture e può ridurre (ma non eliminare) erbe aromatiche.

Oltre al diserbo, il tuo prato richiederà una falciatura periodica. Ma ancora una volta, è molto meno preoccupante di quello che richiederebbe un prato. La maggior parte dei prati maturi viene falciata almeno una volta all’anno per evitare che arbusti e alberi di prima successione prendano il sopravvento e alla fine trasformino il paesaggio in bosco e poi in bosco. Il programma di falciatura dipende dal terreno. La mia proprietà di sette acri nel Connecticut comprende un acro di prato che è stato creato prima che acquistassi il terreno 27 anni fa. Idealmente, falciavo in primavera, ma il sito diventa molto fangoso a causa del disgelo stagionale. Invece, taglio all’inizio dell’inverno, prima della prima neve. Il pattugliamento delle piante invasive è diventato più un compito ultimamente a causa dell’abbondanza di semi di piante infestanti galleggianti.

READ  Una strana stella di metallo screziato vortica fuori dalla Via Lattea a 2 milioni di miglia all'ora

Tuttavia, il prato è ancora uno dei “giardini” meno curati della mia proprietà e non lo scambierei per niente. Come la maggior parte dei padroni di casa, sono stupito dai primi alessandri d’oro in primavera agli ultimi verghe d’oro e joe bay grass in autunno. Ho un posto in prima fila per tutta l’azione in corso: un falco che piomba sulla preda, un cardellino che cerca semi tra i capolini più alti, il vento che manda ondate di inchini e danze, lucciole che si appollaiano sopra nelle calde notti estive. e per una mattina alla settimana, quando sto sarchiando, sono più di uno spettatore; Sono diventato parte della tela.

Tovah Martin è una giardiniera e scrittrice freelance del Connecticut. Lo trovi online su www.tovahmartin.com.