Aprile 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Cinquant’anni dopo, il cinema della Rice resta attuale

Cinquant’anni dopo, il cinema della Rice resta attuale

Jennifer Liu/trebbiatrice

Di Armaan Saxena 23/12/9 23:09

Anche se un tempo il Rice Cinema era popolare, ora sembra che esista solo nei sussurri degli appassionati di cinema nel campus. È scritto in grassetto sopra l’aula PSYC 101 nella Sewall Hall, nel Rice Cinema data Risale alla costruzione dell’ormai demolito Rice Media Center. Il Rice Cinema non ha visto solo artisti del calibro di studenti introduttivi di psicologia, ma anche alcuni dei più grandi nomi della storia del cinema come Spike Lee, Andy Warhol e Roberto Rossellini.

Il Rice Media Center è stato fondato nel 1970 da John e Dominique de Menil. Famoso Per l’omonima collezione Menil. Entrambi erano i principali sostenitori dell’enfatizzazione dell’importanza dell’arte a Houston, in particolare del valore del cinema nel mondo dell’arte.

Con il finanziamento dei Mennell e sotto la direzione del ricercatore Gerald O’Grady, del regista James Blow e del fotografo Jeff Winningham, è stato aperto il Rice Media Center. Ha offerto i primi corsi di fotografia e cinematografia alla Rice, oltre a proiezioni di film, mostre fotografiche e conferenze a disposizione del pubblico. Roberto Rossellini, uno dei registi più importanti del movimento neorealista italiano, ha tenuto conferenze alla Rice in più occasioni durante questi primi anni.



Charles Dove, professore alla Rice University nel Dipartimento d’Arte, è direttore del Rice Cinema dal 2002. Ha detto che gli anni ’70 sono stati un’epoca d’oro per l’istituzione.

“Il media center ha prosperato nel corso degli anni ’70 perché aveva il budget dei Mennell”, ha detto Dove. “all’inizio, [there were] Molti film perché non c’era altro modo di guardarli, giusto? Non c’era la TV via cavo… né lo streaming. COSÌ [there were] Quasi ogni sera veniva proiettato 16mm ed era gratuito.

READ  La moglie di Ram Charan, Upasana, rivela che Varun Tej e Lavanya si sposeranno in Italia

Brian Hoberman, un professore di cinema, ha detto che i Mennell hanno cercato di mostrare al pubblico film che pensavano sarebbero stati educativi, informativi e socialmente consapevoli.

“Per la famiglia Manil… il messaggio era il mezzo. “Hanno visto che il film era un canale importante per le informazioni importanti di cui una società democratica aveva bisogno”, ha detto Hoberman. “Non solo tenevamo lezioni, ma avevamo un fottuto programma.”

E mentre il Rice Media Center ha chiuso nel 2021 dopo 51 anni, il Rice Cinema è ancora vivo. Il Rice Cinema proietta film utilizzando apparecchiature di proiezione all’avanguardia, riproduce un’ampia gamma di film e spesso include relatori nelle sue proiezioni.

Rice Cinema collabora anche con il Museum of Fine Arts Houston, lo Houston Film Arts Festival, il Rice Film Club e persino i consolati statali. Nel marzo 2023, il Consolato Generale dell’Ucraina a Houston ha contribuito alla proiezione del documentario candidato all’Oscar “A House Made of Splinters”.

A settembre, la Rice Cinema ha proiettato diversi film tra cui “My Duty Not to Remain Silent”, “Lettera da una donna sconosciuta”, “Gimme Shelter”, “Stowaways” e “Mandibles”.

“Il mio dovere di non restare in silenzio” è un film del regista russo e difensore dei diritti umani Vladimir Kara-Murza. Ce l’ha È sopravvissuto a diversi tentativi di avvelenamento Attualmente sta scontando una pena detentiva di 25 anni in Russia per le sue lunghe proteste contro il presidente russo Vladimir Putin. Sua moglie, Evgenia Kara-Murza, anch’essa difensore dei diritti umani, era presente allo spettacolo il 7 settembre per una discussione e domande e risposte sull’attuale situazione dei diritti umani in Russia.

READ  La frittata ottiene un sapore esaltato da pomodori e patate dolci

Per quanto riguarda il futuro del Cinema Rice, Dove ha affermato che l’organizzazione si stabilirà nella sua nuova sede in futuro Sala Sarofim. Lì, il Rice Cinema avrà attrezzature migliorate, posti a sedere migliorati e molto più spazio rispetto alla sala attuale a Sewall.

“Sarà vicino al Moody, dove si trovava il vecchio media center, quindi occuperà tutto quello spazio”, ha detto Dove. “[Sarofim Hall will] Sarà un intero dipartimento artistico, quindi avrà camere oscure, un laboratorio di scultura e un laboratorio di incisione. Il Rice Cinema sarà il fulcro dell’edificio [will] Sii presente mentre entri.”

Sia il Rice Cinema che l’ormai scomparso Rice Media Center erano una parte vitale della cultura non solo per gli studenti della Rice ma per la comunità di Houston, rendendo il suo futuro trasferimento alla Sarofim Hall ancora più importante, ha detto Dove.

“Dopo [Rice Media Center’s 50th anniversary screening in 2020]”Stavo parlando con questa donna che stava piangendo”, ha detto Dove. “Questo posto significa molto per me, ed è molto triste che tu lo stia demolendo”, ha detto. Ho detto: quando sei andato a Rice? “Oh, non sono mai stata a Rice, ci sono entrata solo un giorno… è lì da 30 anni”, ha detto.