Febbraio 6, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Ceo Intel: decisione nuovo chip plant entro fine anno, Italia un’opzione -Media

MILANO, 20 gennaio (Reuters) – Intel guarda all’Italia come uno dei tanti paesi che potrebbero ospitare un nuovo impianto di chip, con una decisione da prendere entro la fine dell’anno, ha detto il suo CEO Pat Kelsinger al quotidiano italiano Corriere della Sera di venerdì. .

I commenti sono stati una battuta d’arresto per la Roma, che spera in un’approvazione per l’impianto e in una decisione rapida.

“L’Italia è ancora in gioco, ma lo sono anche gli altri paesi candidati. Decideremo entro l’anno”, avrebbe detto Kelsinger al quotidiano.

Ha detto di aver avuto una telefonata con il primo ministro Georgia Maloney martedì.

Nel marzo 2022, Intel ha dichiarato di voler costruire una fabbrica di chip in Italia come parte di un piano più ampio per investire 80 miliardi di euro (87 miliardi di dollari) nel prossimo decennio per aggiungere capacità in tutta Europa.

Il progetto italiano sarà un impianto avanzato di confezionamento e assemblaggio, utilizzando nuove tecnologie per tessere intere tessere insieme da piastrelle.

Il predecessore di Meloni, Mario Draghi, ha dettagliato un accordo dettagliato con Intel per costruire l’impianto all’inizio di settembre, hanno detto le fonti in precedenza.

Tuttavia, l’accordo non è stato finalizzato dalla nuova amministrazione di destra che si è insediata a ottobre.

“Continuiamo a portare avanti le nostre discussioni con l’Italia in merito a un impianto di produzione back-end all’avanguardia”, ha detto venerdì un portavoce di Intel, riferendosi all’impianto di confezionamento.

“Ciò differisce da altri progetti in quanto stiamo prendendo in considerazione anche l’area di produzione di assemblaggio e test, dove non abbiamo ancora finalizzato i luoghi o le tempistiche”.

READ  UniCredit in Italia è la prima a lanciare il nuovo Swift

Meloni ha dichiarato a dicembre che considerava l’investimento di Intel in Italia molto strategico e stava incontrando la società per esplorare i modi per facilitarlo.

Intel ha avviato una valutazione approfondita degli investimenti pianificati in Germania, Francia e Italia, ha detto a Reuters questo mese un funzionario dell’amministrazione Meloni.

Il funzionario ha affermato che Roma era preoccupata che i massicci sussidi dell’amministrazione statunitense per sostenere le industrie chiave potessero scoraggiare Intel dall’investire in Italia.

Il presidente Joe Biden prevede di sostenere la produzione e la ricerca di semiconduttori con una sovvenzione di 52,7 miliardi di dollari mentre gli Stati Uniti si sforzano di tenere il passo con gli sforzi scientifici e tecnologici della Cina.

L’Italia teme che i generosi incentivi fiscali statunitensi per la produzione interna di componenti del settore energetico possano dare a Intel un motivo in più per investire nella sua sede, ha affermato il funzionario.

Il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti ha dichiarato mercoledì che il governo è impegnato a proteggere gli investimenti di Intel.

($ 1 = 0,9220 euro)

Segnalazione di Giuseppe Fonte e Alessia Pe, segnalazione aggiuntiva di Subantha Mukherjee, montaggio di Gavin Jones, Elaine Hardcastle e John Stonestreet

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.