Novembre 28, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Breve Storia dell’Aviazione Italiana

Dopo il primo volo di ITA Airways, questa settimana l’Italia ha visto l’inizio di un nuovo capitolo della storia. L’evento è l’ultimo di una serie di colpi di scena nel mercato dell’aviazione del paese nel secolo scorso. Con quest’ultima mossa, diamo un breve sguardo alla storia dell’aviazione italiana.

L’MD-11 ha contribuito in modo determinante allo sviluppo dell’aviazione italiana, aprendo nuove strade per artisti del calibro di Hong Kong. Foto: Getty Images

Avvio lento

A differenza di molti paesi europei, l’Italia è in ritardo per la festa dell’aria commerciale. Aveva le mani su progetti militari, ma non fece il salto in campo civile fino all’inizio degli anni ’20.

La prima operazione aeronautica all’avanguardia istituita dal governo fu l’Aero Expresso Italiana (AEI), creata il 12 dicembre 1923. Tuttavia, la compagnia ha impiegato tre anni per consegnare i voli. La compagnia aerea è stata seguita dalla Società Area Avio Line Italian (ALI), dalla Sociேl Italiana Service Lake (SISA), dalla Societo Area Navigagion Area (SANA) e dalla Societ Area Mediterranean (SAM) come membri della comunità aeronautica italiana.

Celebrazione del centenario americano dell’Autorità per l’aviazione ALI condivide che è l’unica compagnia aerea italiana che non ha il sostegno statale. È supportato da Fiat Automotive Power Center. Dominerà il mercato di SISA, SANA e SAM, trasportando circa 10.000 passeggeri ogni anno dai primi anni ’30.

Fiat_G212cb, _I-ELCE_der_Avio_Linee_Italiana_am_Boden_in_Zürich-Kloten
L’ALI ha pilotato velivoli come il Trimotore Fiat G212CB. Foto: Palophone 140 tramite Wikimedia Commons

Cambio di velocità

Questa è una cifra interessante poiché l’attività era bassa a metà degli anni ’20. Questa rapida ascesa ha aiutato l’Italia a diventare la terza industria aeronautica più trafficata dopo Germania e Francia. Le compagnie aeree hanno contribuito a connettersi con i vicini paesi europei e nordafricani.

Negli anni ’30, l’Italia seguì una tendenza in tutta Europa e consolidò la sua industria. Di conseguenza, SAM, SANA e SISA formarono congiuntamente Ala Litoria nell’estate del 1934. La nuova organizzazione statale ha dato al governo di Benito Mussolini l’opportunità di mettere in mostra le risorse del Paese. Significativamente, le autorità hanno voluto utilizzare queste misure per impadronirsi di terre nel Mediterraneo e in tutta l’Africa. Ala Litoria, infatti, contribuì a collegare la terraferma italiana con altri territori.

READ  L'Italia si unisce alla Francia nella richiesta di servizi del vaccino COVID-19 - National

Gli aerei in uso durante questo periodo includevano il Tornier Wall e il Super-Wall, lo Junkers G-24 e l’F13 e il Fokker F7B. Avvistati anche gli idrovolanti Cabroni e Savoy-Marsetti. Con l’ascesa del nazionalismo negli anni ’40, gli aerei made in Italy divennero più di moda. Così, il monoplano Savoy-Marsetti S.73 ha aumentato la loro presenza.

Dopo aver superato le sfide con l’espansione a lunga distanza, Ala Litoria ha lanciato servizi passeggeri come Roma e Mogadiscio, in Somalia, aprendo nuove opportunità per i viaggi aerei italiani. Tuttavia, il servizio aereo fu sospeso a causa della seconda guerra mondiale. Solo l’ALI indipendente era in grado di mantenere il tipo di servizio che esisteva tra l’Italia e la sua confinante potenza della stampa, la Germania.

Dopo la caduta della seconda guerra mondiale, l’Europa ha visto una ripresa dell’economia aeronautica. Segmenti passeggeri entusiasmanti sono sorti nel settore del nuovo look. Potenze internazionali come Trans World Airlines (TWA) e British European Airways (BEA) hanno contribuito a reintegrare il mercato italiano con finanziamenti vitali. Da questa sponsorizzazione sono nate Aerolini Italian Interzonal (Alitalia) e Lini Lake Italian (LAI). Le compagnie aeree hanno contribuito a sviluppare un’esposizione aerea commerciale stabile in Italia, che si è sviluppata negli anni ’50.

Lai Italia Airlines.  1950
LAI fu un importante vettore negli anni del dopoguerra. Foto: Getty Images

La funzione principale

Nel settembre 1957 i due vettori si fusero. C’era il nome Alitalia, che è stato importante nel suo paese per decenni.

Alitalia si fonde con LAI e diventa Alitalia – Linee Aeree Italiane con una flotta di 3.000 dipendenti e 37 aeromobili. Nella classifica delle compagnie aeree internazionali, Alitalia sale dal 20° al 12° posto. Alitalia è stato il vettore ufficiale delle Olimpiadi di Roma e per la prima volta ha trasportato più di 1 milione di passeggeri all’anno. Entrano in servizio i primi jet, apre a Fiamicino il nuovo Aeroporto Leonardo da Vinci e qui Alitalia trasferisce la sua base operativa”. ha detto Alitalia.

READ  La Regione Piemonte sospende il vaccino Astrogeneca dopo la morte di un professore infettato da siero anti-Govt

“(Tra il 1969 e il 1970) Alitalia cambiò logo e rappresentazione aerea: “Freccia con le ali” sostituita dalla “A” tricolore. Gli aggiornamenti navali proseguirono con l’aggiunta del nuovo MD Super 80 per l’Airbus A300, bimotore jet a motore e velivoli di medio raggio, mentre il B747 è entrato a far parte della nave Camby, consentendo una maggiore flessibilità nel trasporto passeggeri e merci”.

Alitalia
Viaggiatori Alitalia a Roma Siampino nel 1964. Foto: Getty Images

Entra nel nuovo secolo

L’introduzione del Trijet MD-11 nei primi anni ’90 ha permesso ai passeggeri italiani di percorrere direttamente oltre 12.000 km (6.480 NM). Durante questo periodo, Giorgio Armani disegnò nuove divise per Alitalia e assistette anche alla progettazione della cabina all’inizio del progetto Milmiglia del vettore.

Al volgere del millennio Alitalia inizia la sua spirale discendente. Le restrizioni europee hanno creato una forte concorrenza in tutto il continente, oltre a vedere l’ascesa di nuovi soldati e il declino dei veterani negli Stati Uniti.

Le autorità hanno cercato di privatizzare il vettore nazionale, durante il quale il servizio passeggeri ha iniziato a diminuire e le tensioni sindacali sono aumentate. Il governo italiano ha pagato per anni Alitalia per sostenerla a seguito di difficoltà lavorative.

Preoccupante, solo nel 1998 Alitalia dichiarò un profitto. Inoltre, ha registrato una perdita netta di oltre 3,7 miliardi di euro tra il 1999 e il 2008 e l’operatore ha dichiarato bancarotta nel 2017 a causa dei suoi gravi problemi finanziari e della mancanza di investimenti.

Ascolta da movimenti d’aria e scuote. Prenota il tuo biglietto gratuito Forum di volo del futuro!

Vai un altro

Negli ultimi anni sono state intraprese numerose iniziative per rilanciare l’industria aeronautica italiana. C’erano grandi speranze per la ridenominazione di Air Italy nel 2018, che ha trovato le sue radici nel 2005 sotto la proprietà di Meridiana, una compagnia privata costituita 58 anni fa. Tuttavia, Air Italy ha cessato le operazioni all’inizio del 2020, dandogli una durata di vita inferiore a due anni.

READ  L'aumento dei casi ha accelerato la terza rata Atene 9,84
Airbus A330, Monecross Desert Festival, Fuselage Stage
C’è stato un notevole fermento intorno ad Air Italy, con investimenti significativi da organizzazioni come Qatar Airways. Foto: Getty Images

Tuttavia, sembra che siano tornati sulla buona strada con la costituzione della nuova compagnia di bandiera italiana ITA, che ha iniziato ad operare questa settimana dopo la chiusura di Alitalia. Tra l’espressione di un nuovo blu sono le chiare intenzioni di un nuovo inizio con questo decoro. La nuova compagnia aerea prevede di avere più di 100 velivoli entro la metà del decennio poiché segue una rotta più mirata.

Qual è la tua opinione sulla storia dell’aviazione italiana? Quali sono i cambiamenti che hai apportato al mercato del Paese nel corso degli anni? Fateci sapere nella sezione commenti cosa ne pensate del viaggio.