Dicembre 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Bitcoin scambia vicino al record dopo aver superato $ 60.000 per la prima volta in 6 mesi

RIYADH: le esportazioni saudite non petrolifere sono aumentate del 37% a un record di 125,3 miliardi di riyal sauditi (33,4 miliardi di dollari) nella prima metà del 2021, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa saudita.

Le esportazioni non petrolifere sono state pari a 91,7 miliardi di riyal nella prima metà del 2020.

La quantità è aumentata dell’8 per cento, pari a 34,7 milioni di tonnellate, indicando una ripresa dei prezzi con il ritorno dei volumi alla normalità.

Il commercio globale è crollato l’anno scorso quando la pandemia di COVID-19 ha costretto gran parte del mondo al blocco. Tuttavia, il commercio ha registrato un forte rimbalzo quest’anno e l’Organizzazione mondiale del commercio la scorsa settimana ha aumentato le sue previsioni per la crescita del volume del commercio globale di merci al 10,8 percento nel 2021 e al 4,7 percento nel 2022.

E l’Arabia Saudita ha esportato in 170 paesi nel primo semestre, guidata da 17,0 miliardi di riyal di merci negli Emirati Arabi Uniti, seguita da 16,8 miliardi di riyal in Cina e 7,1 miliardi di riyal in India.

Il settore petrolchimico è stato la principale fonte di esportazioni, con un valore di 73,6 miliardi di riyal nel periodo, in aumento rispetto ai 51,2 miliardi di riyal dello stesso periodo dello scorso anno, con un tasso di crescita del 44 per cento.

Il rapporto del primo semestre arriva dopo che i dati dell’Autorità generale per le statistiche hanno mostrato un aumento delle esportazioni non petrolifere per il mese di luglio del 17,9% su base annua a 20,8 miliardi di riyal sauditi.

READ  Mango Himsagar dal Bangladesh è in viaggio verso Italia, Francia e Regno Unito

Il valore totale delle esportazioni ha raggiunto i 91,8 miliardi di riyal a luglio 2021, rispetto ai 51,1 miliardi di riyal di luglio 2020, trainato da un aumento del 112,1 per cento delle esportazioni di petrolio.

Tuttavia, le esportazioni di petrolio hanno continuato a dominare il commercio saudita poiché la quota di greggio è aumentata dal 65,5% di luglio 2020 al 77,4% di luglio 2021.

L’Arabia Saudita cerca di aumentare le esportazioni non petrolifere mentre cerca di ridurre la dipendenza della sua economia dalle vendite di petrolio con l’obiettivo di aumentare la proporzione delle esportazioni non petrolifere al 50 percento entro il 2030 e gli investimenti diretti esteri dal 3,8 percento a una media internazionale. 5,7 per cento.

Il regno è in trattative con 11 paesi su un potenziale accordo di libero scambio, tra cui Cina, India, Pakistan, Australia, Nuova Zelanda, Gran Bretagna, Indonesia, Filippine, Bangladesh, Sri Lanka e Stati Uniti.

Il Regno mira a esportare servizi tra cui trasporto, distribuzione, servizi professionali e finanziari, servizi di comunicazione, servizi postali e corriere espresso, media, hotel, edilizia, appalti, istruzione e formazione, viaggi, turismo, ambiente e intrattenimento.

Ad agosto, la Saudi Export Development Authority ha dichiarato che più di 900 aziende saudite con oltre 2.000 prodotti locali si erano registrate per il programma “Made in Saudi”, un’iniziativa per migliorare la competitività dei prodotti sauditi in patria e all’estero.

Il programma dà la massima priorità a 16 diversi settori economici tra cui prodotti chimici, polimeri, materiali da costruzione, elettronica e imballaggi.

Inoltre, l’Autorità saudita per lo sviluppo delle esportazioni ha dichiarato ad agosto che identificherà più di 120 opportunità di offerta internazionale in una serie di paesi target, coprendo principalmente forniture edili e industriali e progetti infrastrutturali.

READ  Corona virus più recente: l'OMS chiede una pausa rafforzata per aumentare il tasso di vaccinazione globale

Nello stesso mese, la Saudi Export-Import Bank ha firmato un memorandum d’intesa con la Federation of Saudi Chambers per fornire prestiti a importatori ed esportatori e altri servizi finanziari.