Aprile 14, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Bhutto sulla sua inversione di marcia: dietro il piano del PPP per sostenere il nuovo governo pakistano | Notizie di politica

Bhutto sulla sua inversione di marcia: dietro il piano del PPP per sostenere il nuovo governo pakistano |  Notizie di politica

Islamabad, Pakistan: Il 19 gennaio, tre settimane prima delle elezioni generali in Pakistan, Bilawal Bhutto Zardari, ex ministro degli Esteri e capo del Partito popolare pakistano, è apparso per un'intervista su un canale di notizie privato.

Criticando la leadership della Lega musulmana pakistana-Nawaz (PMLN) – che comprende il tre volte primo ministro Nawaz Sharif e suo fratello minore Shehbaz Sharif – il capo del PPP ha affermato che le politiche del PMLN hanno danneggiato l'economia del paese.

Quando il conduttore Bhutto ha chiesto a Zardari se fosse aperto all'idea di formare una coalizione con il PML-N dopo le elezioni dell'8 febbraio, nel caso in cui uno dei due partiti non fosse riuscito a ottenere la maggioranza da solo, il 35enne Zardari, un rampollo della famiglia Bhutto del Pakistan, ha risposto. È stato categorico nella sua risposta.

“Chi vi ha detto che il PPP avrebbe formato un governo di coalizione con loro? [PMLN]? L'ho già detto prima: “Ingannami una volta, vergognati. Ingannami due volte, vergognati”.

Meno di quattro settimane dopo, il padre di Bhutto Zardari, l'ex presidente Asif Ali Zardari, ha tenuto una conferenza stampa insieme ai leader di vari partiti, incluso il PML-N, e ha annunciato la formazione di un governo di coalizione il 13 febbraio.

“Se Dio vuole, tireremo fuori il Pakistan dalle difficoltà”, ha detto Zardari cinque giorni dopo il voto dell’8 febbraio. Ha minimizzato l’importanza delle competizioni precedenti, dicendo: “L’opposizione si verifica nelle elezioni. “È stata un’opposizione elettorale, non un’opposizione ideologica”.

Le elezioni dell'8 febbraio si sono concluse con la vittoria di 93 seggi da parte dei candidati indipendenti sostenuti dal partito Pakistan Tehreek-e-Insaf dell'ex primo ministro Imran Khan, anche se il partito ha dovuto affrontare una dura repressione da parte delle agenzie governative e delle forze di sicurezza nelle settimane precedenti le elezioni. A gennaio, al partito è stato vietato di utilizzare il suo simbolo elettorale, la mazza da cricket.

Tuttavia, nonostante sia emerso come il partito più popolare del Paese alle elezioni, il PTI insiste che avrebbe ricevuto un mandato maggiore se le elezioni non fossero state “rubate” a causa di “massicce frodi”.

READ  Il secondo spiaggiamento di massa significa che 500 globicefali potrebbero morire sulle isole remote della Nuova Zelanda | balene

Il PML-N è riuscito a ottenere 75 seggi mentre il PPP è arrivato al terzo posto con 54 seggi, un miglioramento di 11 seggi rispetto al precedente risultato del 2018. Complessivamente, un totale di 13 partiti diversi sono riusciti a vincere seggi, di cui sei hanno preso solo un posto.

Con 134 seggi necessari per ottenere la maggioranza semplice su 266 direttamente contestati, i risultati significano che nessun partito sarà in grado di formare un governo da solo.

Sebbene il PPP non avesse numeri sufficienti per guidare un governo di coalizione, era abbastanza potente da essere un kingmaker, decidendo e influenzando chi avrebbe governato il prossimo Pakistan.

Taj Haider, leader senior del Partito popolare pakistano e membro del Senato, camera alta del parlamento pakistano, ha affermato che il partito è aperto a collaborare con qualsiasi altro gruppo disposto a contribuire a stabilizzare il paese dopo le elezioni.

“Con il Pakistan in una crisi politica ed economica così grave, abbiamo capito l’urgente necessità di fare qualcosa per uscire da questo caos”, ha detto ad Al Jazeera Haider, che è anche a capo della cellula elettorale centrale del Partito popolare pakistano. Il Partito popolare pakistano ha affermato che sosterremo qualsiasi partito nella formazione del governo. Il PMLN è venuto da noi, ma il PTI non lo ha mai fatto. Infatti, ha detto categoricamente e in modo offensivo: “Non ti parleremo”.

La coalizione di sei partiti, formata questa settimana e guidata dal PML-N e dal Partito popolare pakistano, sembra destinata a formare il prossimo governo del Pakistan, che ha più di 150 seggi.

Il leader del PML-N Shehbaz Sharif è stato scelto come candidato primo ministro della coalizione, in quella che molti osservatori definiscono una reincarnazione del governo PDM.

La coalizione PDM, guidata dal presidente Shehbaz Sharif, ha governato per 16 mesi tra aprile 2022 e agosto 2023, dopo essere riuscita a spodestare il governo PTI di Imran Khan attraverso un voto di sfiducia parlamentare.

READ  Immobiliare internazionale: una casa viene trovata svogliata e vuota con alberi che crescono al suo interno
Il PML-N e il PPP hanno fatto parte della coalizione di governo tra aprile 2022 e agosto 2023 [Waqar Hussein/EPA]

Il governo del PDM, con Bhutto Zardari come ministro degli Esteri insieme ad altri ministri del PPP nel governo, ha assistito a un allarmante deterioramento della salute economica del Pakistan, mentre il paese vacillava sull'orlo del default. Le massicce inondazioni, nelle quali il Paese ha subito perdite superiori a 30 miliardi di dollari e milioni di sfollati, hanno esacerbato le sfide che il Pakistan deve affrontare.

Questa volta, Bhutto Zardari ha detto che il PPP non entrerà nel governo.

Spiegando la logica, Sherry Rehman, vicepresidente del Partito popolare pakistano, ha affermato che la politica non è un “gioco a somma zero”.

“Sappiamo che chi fa il governo non può funzionare senza di noi. Ha detto ad Al Jazeera che il Partito popolare pakistano vuole dare speranza alla gente nel processo democratico in parlamento e nel paese.

“Le nostre azioni per rinunciare ad alcuni benefici e utilizzare tempo e spazio per lavorare a livello di base dovrebbero aiutare le persone a vedere la politica meno incentrata sul clientelismo e più sulla realizzazione del cambiamento tanto necessario per le persone che vivono sotto pressioni economiche e climatiche estreme”, ha aggiunto Rahman.

Tuttavia, analisti indipendenti hanno messo in dubbio le reali motivazioni che spingono il PPP ad aderire all'alleanza.

“Questa non è una situazione ideale per nessun partito, specialmente per il PPP. Nessuno dei due partiti ha una maggioranza chiara. Un'alleanza era l'unica soluzione. Il PPP vuole rimanere nel sistema”, ha detto ad Al Jazeera l'analista di Lahore Mehmal Sarfraz.

Majid Nizami, un altro analista politico, ha affermato che la strategia del PPP sembra mirare a ottenere posizioni di potere senza dover rendere conto agli elettori.

Ha aggiunto: “Cercano posizioni costituzionali come presidente, presidente del parlamento, presidente del Senato e altre posizioni potenti. Ciò consente loro di mantenere la loro influenza senza responsabilità”.

Nizami ha affermato che il PPP avrà influenza anche nel processo decisionale politico poiché la PML-N avrà sempre bisogno del sostegno del PPP per approvare le leggi in Parlamento.

“Ci sono buone probabilità che il PPP suggerisca al PML-N di cercare un approccio più conciliante nei confronti del movimento PTI, ma non penso nemmeno che li abbandonerà e cambierà la sua lealtà”, ha aggiunto.

READ  La notizia della chiusura della capitale nordcoreana, Pyongyang, per una “malattia respiratoria”

Tuttavia, Haider del PPP ha ammesso che un'altra ragione della riluttanza del partito a prendere una posizione ministeriale è stata la nuvola di riserve sulla legittimità dei risultati, agli occhi di molti pakistani.

Tuttavia, Nizami ritiene che, nonostante la cautela nel processo decisionale, il nuovo PPP-PPP, con partiti più piccoli, non potrà evitare di essere visto come un altro avatar del PDM.

“Il PTI e il suo leader incarcerato Imran Khan hanno sempre sostenuto che questi partiti si uniscono per aiutarsi a vicenda, e questa narrazione verrà ulteriormente rafforzata”, ha aggiunto.

Sia il PML-N che il PPP hanno una lunga impronta sulla politica pakistana, con i due partiti che hanno governato alternativamente il paese dal 1988 al 2018, tranne un periodo di nove anni – dal 1999 al 2008 – quando Pervez Musharraf ha governato il paese dopo un colpo di stato militare.

Khan, il leader del partito Tehreek-e-Insaf, salito al potere nel 2018 con il sostegno dell’establishment militare pakistano, ha ripetutamente affermato che non avrebbe mai avviato alcuna partnership con il Partito popolare pakistano e la Lega musulmana pakistana, due partiti i cui leader affrontano da decenni accuse di corruzione.

Attualmente dietro le sbarre a causa di diverse condanne per accuse presumibilmente motivate politicamente, Khan è rimasto in quella posizione sulla scia del mandato frammentato che gli è stato consegnato nelle elezioni dell'8 febbraio.

Haider del Partito popolare pakistano ha affermato che questo approccio non è utile.

“Il PTI potrebbe chiudere la porta quanto vuole, ma non lo faremo. Adotteremo misure per riunire tutti i partiti su un'unica piattaforma per superare la crisi che il nostro Paese sta affrontando. La stabilità politica è la necessità del momento. Se dobbiamo prendere una decisione fare un passo indietro per unirci, lo faremo”.