Luglio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Andrea Iervolino parla del suo crescente impero dell’intrattenimento e dello sport

Andrea Iervolino parla del suo crescente impero dell’intrattenimento e dello sport

Tra circa quattro anni, Andrea Iervolino spera di lanciare in orbita uno stadio e degli studi televisivi e trasmettere il primo incontro di MMA al mondo a gravità zero dallo spazio. Inizialmente pensava che Galactic Combat – la sua idea di un reality show che unisce un torneo sportivo che segue un gruppo di caccia nello spazio – sarebbe stato pronto prima, nel giro di due o tre anni, ma dice che alcuni “problemi tecnici” tra i suoi partner aerospaziali hanno spinto il suo le previsioni sono al contrario. “Ma non è poi così lontano.”

Fino ad allora, il produttore italiano dovrà purtroppo accontentarsi di lavorare su un terreno solido sotto la poco entusiasmante gravità terrestre, lavoro che comprende – tra una vasta gamma di attività nel campo dell’intrattenimento, dello sport e non solo – essere uno dei produttori sul mercato. Il lungo film biografico Waiting for Him, che sarà proiettato a Venezia, vedrà protagoniste star provenienti da tutto il mondo. FerrariSotto lo stendardo ILBE che gestisce con la sua socia in affari, l’ereditiera del rum Monica Bacardi, è stato chiamato a fornire servizi di produzione italiana per la società cinematografica da 90 milioni di dollari, guadagnando ad entrambi crediti di produzione non GA. Sebbene si siano uniti al tanto atteso progetto all’ultimo minuto nel 2022, lo stesso anno in cui le telecamere hanno iniziato a girare, era un’opportunità che non poteva rifiutare.

Ha prodotto numerosi film con Bacardi negli ultimi dieci anni, la maggior parte dei quali erano film a basso budget ma molti dei quali sono stati prodotti da grandi talenti, compresi i film di Johnny Depp. Minamata E Aspettando i barbari (proiettato a Venezia nel 2019), nonché il film Eva Longoria del 2022 Diglielo come una donna (Nominata all’Oscar per la migliore colonna sonora originale), Irvolina ha recentemente deciso di concentrarsi sulla realizzazione di film che raccontassero le “storie sorprendenti” delle leggende imprenditoriali del suo paese.

E così, all’inizio di quest’anno, hanno rilasciato Lamborghini: l’uomo dietro la leggendaA marzo, il regista italiano Rafael Lervolina ha annunciato una collaborazione con la Ferrari per produrre un film biografico sulla Maserati, con Frank Grillo, Mira Sorvino e Gabriel Byrne. Anche se Ferrari li avrebbe visti unirsi al progetto di qualcun altro e assumere un ruolo molto meno coinvolto – (come la maggior parte dei film di Lervolina, Lamborghini e Maserati sono stati sviluppati, finanziati e prodotti interamente all’interno dell’azienda) – non si è mai preoccupato di aggiungere l’auto sportiva più famosa d’Italia al garage del cinema.

Irvolino descrive le sue attività, che includono una società di produzione privata, come “più simili a uno studio indipendente”. Ma è uno studio indipendente con più armi degli altri. Tra le varie società sotto l’impero in crescita con Bacardi, la maggior parte delle quali sono state acquisite, ci sono una società di codifica, una società di post-produzione, due studi di animazione in Serbia, una società di sponsorizzazione di celebrità e una società di marketing sportivo.

READ  Martin Scorsese scherza sulla realizzazione del film sulla mafia di Tumblr "Goncharov"

Lui stesso ha appena annunciato i nuovi Tuscany Film Studios da 55 milioni di dollari, che oltre ai normali studi di registrazione includeranno anche, sostiene, “il più grande studio di realtà virtuale in Italia”, nonché un hotel di lusso per aiutare ad attrarre talenti di Hollywood che non lo fanno. A loro basta un semplice viaggio in Toscana. L’inizio della costruzione è previsto per settembre e i primi progetti dovrebbero essere girati lì nel 2024. Oltre a ciò, è il fondatore e CEO di Space 11, che lancerà in orbita combattenti di arti marziali miste come “la prima stazione spaziale dedicata all’intrattenimento.” Poi c’è TaTaTu, la piattaforma social e di video on demand, che ha lanciato nel 2018. TaTaTu è iniziato come parte della mania della blockchain e ha rapidamente annunciato piani per finanziare vari film, tra cui Aspettando i barbari e il film biografico sulla Lamborghini, tramite il suo gettoni digitali. Dopo alcuni anni, l’azienda ha abbandonato le criptovalute, concentrandosi ora sull’app, che premia gli utenti per la visualizzazione di contenuti e l’interazione sulla piattaforma con monete che possono essere riscattate facendo offerte nelle aste.

Anche se può sembrare strano (almeno per chiunque abbia più di 40 anni), Tatato è quotata su Euronext Growth Paris, e Iervolino afferma che la sua capitalizzazione di mercato è attualmente pari a “5,8 miliardi di dollari per l’esattezza” (5,84 miliardi di dollari secondo Euronext Growth Paris). Ervolino possiede il 97% della Tatato, il che lo rende molto ricco, almeno sulla carta. Tatato l’ha portata in acque più selettive, con l’acquisizione di una partecipazione dell’85% in Mercato, che gestisce il mercato alimentare di Londra.

Non sembra poi così male per un uomo ancora sulla trentina (Iervolino ne ha 35) che ha iniziato i suoi primi passi nel cinema, sostiene, da adolescente, nella sua città natale, Cassino, raccogliendo un crowdfunding per produrre un lungometraggio “tradizionale” modo. . “Andavo letteralmente porta a porta nella mia città natale, dalla pizzeria, dal gelataio chiedendo un piccolo investimento per realizzare il mio primo film”, dice.

Anche se era ancora un bambino, dice di avere una carta vincente, poiché è stato tra i primi a realizzare film in digitale, e man mano che le competenze di Iervolino in quest’area crescevano e l’industria si spostava verso di lui, dice che iniziò a vendere la sua esperienza ad altri produttori che avevano bisogno della conoscenza. “Mi vedevano come un giovane imprenditore digitale e produttore cinematografico.” Uno di questi produttori era Luciano Martino, considerato uno dei registi italiani più importanti degli anni ’60 e ’70, che all’età di 72 anni strinse una società d’affari con l’allora diciassettenne Iervolino. “Ero il cervello digitale dell’azienda”, osserva, sostenendo che all’età di 22 anni girava “otto o nove film all’anno” (uno dei quali era l’adattamento cinematografico del 2004 di Jeremy Irons e Al Pacino dell’opera di Shakespeare). giocare). Il mercante di Venezia).

READ  Il White Rock Players Club serve la cena della domenica - Stile italo-americano - Peace Arch News

Martino morì nel 2013 e Iervolino – che aveva solo 25 anni ma aveva recitato in circa 45 film – trovò un altro partner in Bacardi, la miliardaria vedova della dinastia cubana del rum Luis Adalberto Facundo Gomez del Campo Bacardi.

Secondo Iervolino, Bacardi era “alla ricerca di un partner cinematografico”, ma i due condividevano anche “la stessa visione” di produrre film internazionali piuttosto che titoli destinati solo al mercato italiano. Quindi ci siamo uniti e abbiamo fondato AMBI Pictures. Ben presto iniziarono ad apparire i film, tra i primi dei quali c’era la commedia drammatica di Barry Levinson Umiltàinterpretato anche da Pacino, e successivamente un film biografico su Andrea Bocelli Musica silenziosaCon Antonio Banderas e in profonditàCon Lily Collins.

Lungo la strada, si è formata una relazione con Johnny Depp e nel 2018 la star ha firmato un accordo di sviluppo con TaTaTu per sviluppare contenuti insieme. Aspettando i barbari È già stato annunciato, ma poi arriverà Minamatae la miniserie animata doppiata da Depp Puffiniseguito da Pulcinelle di mare impossibili“Ora stiamo facendo alcune cose nuove, abbiamo un ottimo rapporto”, dice Iervolino. Con una mossa sorprendente, Irvolina e Lady Bacardi Entertainment hanno recentemente prodotto e finanziato il film all’infernoIl primo film dell’attrice Amber Heard dopo la sua battaglia legale con Depp. Anche se sostiene che Depp è “un ottimo amico – lo amo e lo rispetto moltissimo, tecnicamente”, dice di non avere alcun rapporto con la Heard e che il suo lavoro sul film di lei è puramente commerciale. “Sono un professionista. Ero in un film ed ero felice. Il mio lavoro non è quello di fare il giudice.”

Accanto a questo elenco di film in rapida crescita, la collaborazione tra Iervolino e Barcadi stimolerà decolli e acquisizioni commerciali. Iervolino afferma di essersi reso conto ben presto che i ricavi derivanti dai soli film potrebbero non essere una forte fonte di reddito (in effetti, pochi dei suoi titoli possono pretendere di essere grandi successi al botteghino) e che “rimanere rilevanti richiede la creazione di sinergie”. Da qui l’idea di offrire servizi cinematografici, accanto agli studi di animazione (che non lavorano solo su progetti interni), e processi più tecnici, come la codifica dei film.

READ  Il cinema italiano critica il ritardo politico

Ma sostiene di aver inserito nel mix anche gli articoli meno legati al cinema del portfolio. Dopo aver acquisito una quota di maggioranza di SoCal Sports – l’agenzia sportiva che ha nei suoi libri molte vecchie e nuove stelle del calcio italiano – dice di aver “rivoluzionato l’azienda” in modo che abbia iniziato a produrre contenuti video sportivi, ottenendo un successo immediato sul mercato locale. sito di streaming con un documentario sull’AC Milan I famosi.

Sul fronte calcistico, Ervolino ha recentemente acquisito, questa volta da solo, una quota di proprietà del club americano Miami FC, che milita nella seconda divisione della NBA americana. “Ora so come monetizzare qualsiasi team, attraverso contenuti video e diritti di immagine, quindi creando sinergie posso creare ricavi”, dice Iervolino. “Alla fine, tutto è interconnesso”. Anche Iervolino ammette liberamente che l’investimento, annunciato a maggio, è stato fatto nonostante fosse consapevole del grande interesse per il calcio americano e per la città di Miami che sarebbe arrivato dopo il trasferimento di Lionel Messi nell’altro club della città, l’Inter. Club di proprietà di Miami A David Beckham (“Anche se ci chiamiamo Miami FC, penso che abbiamo il marchio migliore”).

Poiché i mercati alimentari di Mercato sono diventati più sinergici, dice, “li ho trasformati in qualcosa di simile a studi di produzione di documentari di notte”. Tra queste creazioni c’è la prossima serie di documentari Anonymous Chefs, che segue quattro rifugiati mentre avviano attività alimentari nel Regno Unito, e che è prodotta da Irvolino e dal produttore musicale britannico David Tickell.

E in un futuro non troppo lontano lo spazio c’è. Al di là delle complessità per arrivarci, Iervolino afferma che il suo concetto è “piuttosto semplice” ed è essenzialmente un reality show che segue le persone mentre si allenano per diventare combattenti e astronauti di arti marziali miste. Anche se ora questo può sembrare inverosimile, è fiducioso che tali concetti diventeranno “la nuova normalità: tutti lo faranno”.

Sicuramente, in quanto ideatore e produttore di Galactic Combat, quando i problemi tecnici saranno risolti e il gioco sarà pronto per il lancio, Iervolino dovrà essere a bordo del razzo per il suo primo viaggio nel suo studio intergalattico.

“Andrò se ci sono abbastanza posti”, dice.

Fino ad allora, accomodatevi al Palazzo del Cinema per la prima mondiale del film Ferrari dovrò farlo.

Una versione precedente di questo articolo affermava che l’ILBE aveva investito 24 milioni di dollari nella Ferrari, ma ciò fu smentito dai rappresentanti di Michael Mann, i quali sostenevano che la società di Andrea Iervolino non aveva diritti di proprietà sul film.