Febbraio 1, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Algeria, Italia espandono i legami oltre il potere nazionale

Commento

ALGERI, Algeria – L’Italia e l’Algeria si sono mosse per espandere i legami attraverso una serie di memorandum firmati lunedì durante una visita di due giorni, con entrambi i paesi ottimisti sul fatto che stanno lavorando per costruire “un ponte straordinario”. L’Italia è la potenza dell’Europa.

L’Algeria è il partner “più stabile, strategico ea lungo termine” dell’Italia nella regione, ha detto in una conferenza stampa congiunta dopo la sua visita di lavoro ad Algeri.

Il presidente algerino Abdelmadjid Tebboune ha affermato che la solida partnership strategica che stava cercando è stata un’opportunità per il suo paese nordafricano ricco di gas per “andare oltre il settore energetico” e porre fine alla sua dipendenza dagli idrocarburi.

Debon ha riservato a Meloney, da meno di tre mesi in carica, un ricevimento dignitoso che ha preceduto il loro incontro privato, una visita senza molto clamore.

L’Algeria è già diventata il principale fornitore di gas naturale dell’Italia poiché l’Italia cerca alternative al gas russo da quando ha invaso la Russia lo scorso febbraio.

Le operazioni delineano l’ambizione dell’Italia di diventare un hub energetico per l’Europa basato sulle importazioni dall’Africa, con un focus sul Nord Africa e l’Algeria in particolare. Questo obiettivo si chiama “Progetto Mattei”, dal nome del defunto ex amministratore delegato del gigante energetico italiano ENI Enrico Mattei.

L’arrivo di Meloni segue gli altri due del suo predecessore Mario Draghi lo scorso anno, che si era impegnato a ridurre le importazioni di gas algerino in Italia da 14 miliardi di metri cubi (494 miliardi di piedi cubi) a 20 miliardi di metri cubi (706 miliardi di piedi cubi) entro il 2021. 2022.

READ  I partiti al governo italiani si dividono sul salario minimo - EURACTIV.com

“È un modello per lavorare insieme su un piano di parità per trasformare le numerose crisi che affrontiamo in opportunità”, ha detto Maloney in una conferenza stampa congiunta. “È un modello di sviluppo che consente ai paesi africani di crescere in base a ciò che hanno, grazie all’approccio non predatorio dei paesi stranieri”.

L’amministratore delegato della società energetica italiana ENI, Claudio Descalzi, ha firmato due contratti con la società energetica algerina Sonatrach per sviluppare progetti volti a ridurre le emissioni di gas serra, aumentare le esportazioni di gas verso l’Italia e costruire un gasdotto per trasportare l’idrogeno in Italia.

Uno di questi accordi mira ad aumentare le esportazioni di energia dall’Algeria all’Italia, ha detto Meloni, “quindi dall’Algeria all’Europa” attraverso un nuovo gasdotto. Un gasdotto del genere porterebbe “un mix energetico che entrambi consideriamo la soluzione alla crisi energetica”. I dettagli sul nuovo piano non erano immediatamente disponibili.

“In questa epoca storica, dobbiamo affrontare una situazione difficile (nel mondo) e dobbiamo farlo costruendo ponti”, ha detto Meloni, aggiungendo che quanto stanno facendo Italia e Algeria “è utile per garantire un ponte straordinario”. . In tutta Europa, “soprattutto in termini di approvvigionamento energetico”.

Debon ha detto che i colloqui si sono concentrati sul gas “vogliamo che l’Italia diventi una piattaforma per la distribuzione dei prodotti energetici algerini in Europa”. Ma, ha aggiunto, “vogliamo espandere la nostra cooperazione oltre l’energia”.

La lobby industriale italiana di Confindustria ha accettato di perseguire una maggiore cooperazione con le imprese algerine e l’agenzia spaziale italiana ha firmato un accordo con la sua controparte algerina per condividere le conoscenze e sviluppare progetti comuni.

READ  Più di 800 incendi sono stati segnalati in Italia, spingendo i turisti da Pescara verso l'Italia

In un accordo finalizzato lo scorso anno, la città portuale di Orano produrrà il marchio Fiat della casa automobilistica italiana Stellandis, con le auto che dovrebbero uscire dalle linee di assemblaggio entro la fine dell’anno. Le moto saranno prodotte a Guadalajara.

Il modello economico italiano, basato su grandi e piccole imprese, “ci aiuta a far uscire l’Algeria dalla dipendenza dagli idrocarburi”.

La visita segna il 20° anniversario della dichiarazione di amicizia e cooperazione tra Italia e Algeria. Debon ha affermato che gli scambi commerciali dovrebbero raddoppiare a 8 miliardi di dollari entro il 2022.

Colin Barry a Milano, Italia e Andrea Rosa a Roma hanno contribuito a questo rapporto.