Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Aggiornamenti live delle Olimpiadi: i risultati dei Giochi invernali

Immagine
Credito…Doug Mills/The New York Times

La norvegese Therese Johaug ha vinto la prima medaglia d’oro ai Giochi di Pechino sabato, dominando i 15 chilometri di skiathlon dopo aver aperto un vantaggio imponente a metà gara che determina la migliore sciatrice a tutto tondo del mondo.

Il 33enne Johaug, 14 volte campione del mondo e tre volte medaglia olimpica, ha lasciato il campo alle spalle dopo la prima metà della gara, che viene sciata per metà nel “classico” stile di saliscendi e metà nello stile “pattinaggio” meno reggimentato.

La leader della Coppa del Mondo, la russa Natalya Nepryaeva, ha tenuto a bada l’austriaca Teresa Stadlober in una battaglia serrata per l’argento e il bronzo. Nepryaeva ha superato Stadlober di un secondo, ma entrambi hanno chiuso a più di 30 secondi da Johaug, il cui tempo di vittoria è stato di 44 minuti e 13,7 secondi.

La gara si è svolta nelle condizioni gelide e ventose del Centro nazionale di sci di fondo di Zhangjiakou, in una giornata così fredda che decine di sciatori hanno gareggiato indossando cappelli e mascherine, una rarità in uno sport che comporta così tanto sforzo.

L’americana Jessie Diggins, un’eroina dei Giochi del 2018 dopo la sua drammatica tappa di chiusura ha consegnato l’oro nello sprint a squadre femminile — “Gli hanno dato tutto sul bakken di Klaebo!” — è arrivato sesto, quasi un minuto dietro Johaug.

L’oro è il secondo di Johaug in una gara olimpica, unendosi a una collezione che include un oro a staffetta dei Giochi di Vancouver del 2010 e un argento e un bronzo di Sochi nel 2014.

READ  L'ultimo lunedì, Federer, Djokovic e Kerber continuano | sport di bufalo

Ha saltato i Giochi di Pyeongchang del 2018, tuttavia, mentre scontava una sospensione per doping per essere risultata positiva a uno steroide vietato nel 2016. Johaug e lo sci norvegese hanno accusato il risultato di un errore del medico della squadra, sostenendo di averle dato accidentalmente la sostanza, che era contenuta in un balsamo per le labbra.

Ma la federazione internazionale di sci ha insistito per un divieto più lungo, e la Corte Arbitrale dello Sport concordato, estendendo la sua sospensione a 18 mesi.

Diggins, la star americana, aveva voluto dare il via alle Olimpiadi in grande stile, ma non poteva eguagliare la potenza di Johaug e un gruppo di altri sciatori europei durante la classica prima metà della gara. Quattro anni fa, Diggins e il suo ex compagno di squadra Kikkan Randall sono diventati i primi americani a vincere l’oro nel cross country e i primi americani a vincere una medaglia nel cross country dal 1976.

Da quella vittoria, Diggins è diventata una delle sciatrici più temute al mondo, una candela rigida con riserve di energia apparentemente illimitate che costringono i suoi concorrenti alla sottomissione e la spingono al traguardo quando una gara è in programma.

Lo skiathlon è un test unico, tuttavia, poiché richiede agli sciatori di eccellere sia nello sci di stile classico, in cui gli sci rimangono in linea retta, sia nello stile libero, o skate ski, un movimento simile al pattinaggio sul ghiaccio.

È un evento che si è sempre dimostrato difficile per gli sciatori americani, la maggior parte dei quali cresce sciando freestyle e poi impara a sciare classica quando invecchia e inizia a gareggiare. È molto più probabile che gli sciatori europei siano stati introdotti allo sci in stile classico in giovane età.

Diggins ha trascorso innumerevoli ore negli ultimi quattro anni cercando di migliorare la sua performance in musica classica. Gli sforzi l’hanno portata a diventare la prima donna americana a vincere il prestigioso Tour de Ski nel 2021, una gara multidisciplinare in otto tappe che si svolge in tre sedi in più paesi nell’arco di 10 giorni.

Ma è stata la sua vittoria olimpica del 2018 che, oltre ad alterare la visione del mondo di decine di sciatrici americane, ha spinto Diggins a ricoprire un ruolo raro per un’atleta donna: quella di capitano di fatto di una squadra composta da uomini e donne, e di leader del suo sport negli Stati Uniti.

È la sciatrice che organizza le attività di team building durante i campi di addestramento, come guardare “The Great British Bake Off” o un video di Bob Ross durante la serata di pittura della squadra, o coreografare ancora un altro ballo di squadra. È lei che risponde alle domande dei compagni di squadra sull’allenamento e sulla vita nel circuito di Coppa del Mondo, e quella il cui successo sperano di emulare i concorrenti più giovani, uomini e donne.

“Voglio guardare indietro alla mia carriera e non fare in modo che sia solo, ‘Non sono stato fantastico?'”, ha detto Diggins. “Voglio poter dire che ho usato il mio tempo saggiamente.”

Avrà molte altre possibilità di medaglia a Pechino.