Luglio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

“A Sweet Life” di Ripley è in bianco e nero, ma i piccoli paesi della Costiera Amalfitana sono colorati

“A Sweet Life” di Ripley è in bianco e nero, ma i piccoli paesi della Costiera Amalfitana sono colorati

di AndreaCarlo, Caratteristiche Reporter

Netflix Andrew Scott Ripley NetflixNetflix

Andrew Scott nel ruolo di Tom Ripley raggiunge un bivio(Credito: Netflix)

Nonostante sia un thriller noir, “Ripley” di Netflix dà nuova vita all’idea del romanticismo italiano. Ecco come viverlo nei tranquilli borghi della Costiera Amalfitana.

La dolce vita“Dolce vita” – resa popolare dall’omonimo film di Federico Fellini del 1960 – è l’unica frase che ha reso l’Italia una terra color arcobaleno dove si realizzano i sogni.

È un termine effimero che evoca immediatamente un’estetica inconfondibile: arancione neon Aperol sprayVespa, cappuccini in piazza, distese di mare e cielo del Mediterraneo: immagini che da tempo alimentano l’immaginazione di registi, autori e, più recentemente, influencer dei social media.

Quest’anno ci ha regalato un’altra porzione di “La Dolce Vita” con qualcosa di acido: Ripleyl’ultimo adattamento del romanzo poliziesco di Patricia Highsmith del 1955, Il talento di Mr. Ripley, appena uscito Netflix. Scritto, prodotto esecutivamente, prodotto e diretto dal premio Oscar Steven Zaillian (The Irishman) e interpretato dall’attore irlandese Andrew Scott (Sherlock, Sacco di pulci), aggiornamenti della serie Il film di Hollywood del 1999 costellato di stelle“Ripley” di Zaillian è un film italiano ispirato ai film di Hitchcock; I leggendari paesaggi colorati del paese sono letteralmente dipinti in bianco e nero. Per la prima volta, gli spettatori si godono la dolce vita in Italia, dove tutto sembra meraviglioso, ma accadono cose terribili.

Mentre Ripley stuzzica il nostro appetito per tutto ciò che è italiano, pone anche l’annosa domanda: esiste la leggendaria “Dolce Vita”? Come puoi provarlo oggi?

Visita la Costiera Amalfitana

Nel film di Ripley, Tom, l’omonimo protagonista del romanzo, intraprende una subdola missione per persuadere il figlio di un uomo ricco, Dickie Greenleaf, a tornare a casa dalla sua lunga vacanza in Italia.

Lasciando la sua modesta brownstone a New York per un tour attraverso l’Italia, la prima tappa di Tom è stata il villaggio di Atrani, sulla Costiera Amalfitana.

Fonte immagine: Getty Images Ripley dà un'occhiata ad Atrani in bianco e nero, ma come il resto d'Italia, questa piccola città è piena di colori.Immagini Getty

Ripley ha scelto Atrani per essere in bianco e nero, ma come il resto d’Italia, questa piccola città è piena di colori (Fonte: Getty Images)

La storia si svolge in gran parte in questo piccolo angolo del paese; In effetti, nessun luogo incarna la visione della “bella vita” meglio della bellezza di questa aspra regione, dove limoneti circondano chiese medievali che si trovano su pittoreschi pendii e vecchie auto fiancheggiano vicoli color pastello.

In molti modi, la Costiera Amalfitana sembra una capsula del tempo; Forse è per questo che è sinonimo di “la dolce vita”. Essendo il prodotto del film di Fellini, ambientato a Roma, l’iconografia del concetto di “dolce vita” è essa stessa intrinsecamente intrisa dell’immaginario della metà del XX secolo. Gli anni Cinquanta e Sessanta sono stati a lungo visti come un “periodo d’oro”, in cui l’Italia era sospesa tra due epoche: il suo stato prebellico come terra di tradizione, vita rurale, devozione religiosa e decadenti glorie artistiche, e il suo stato industriale postbellico. città. Il boom che vide le moto Fiat 500 e Vespa 98, le macchine da scrivere Olivetti e le macchine da caffè Moka. Roma alla fine ha abbracciato la modernità mentre la Costiera Amalfitana preferisce le cose com’erano; Il caos di Roma emerge in superficie mentre i problemi della Costiera Amalfitana ribollono sotto la patina da cartolina.

READ  "Non pianificare, vai e basta!": Come essere spontanei - e divertirti inaspettatamente | Salute e amp; Benessere

Il film stesso di Ripley è ambientato nello stesso anno de La Dolce Vita, con ogni dettaglio dello squisito set storico realizzato alla perfezione, dai francobolli alle banconote. I cittadini italiani di una certa età proveranno inevitabilmente fitte di nostalgia vedendo le reliquie di un’epoca passata, come i lussuosi vagoni ferroviari e la colonna sonora piena di musica dell’amata pop star italiana degli anni ’60. Meena.

Al giorno d’oggi, a Positano e Amalfi, i visitatori vengono imboccati con la “dolce vita” preconfezionata: centri storici dominati da ristoranti e hotel che soddisfano le aspettative. Abbondano menu di plastica multilingue e i turisti affollano le strette strade acciottolate, oscurando i panorami più incredibili – con ogni angolo trasformato nel servizio fotografico Instagram di qualcuno. In inverno, queste città si trasformano letteralmente in spazi liminali: le strade sono vuote e le bancarelle di souvenir giacciono inattive come le giostre dei parchi divertimento, pronte a intrattenere folle di visitatori una volta ricominciata l’alta stagione.

È nelle aree più piccole della Costiera Amalfitana, come i villaggi di pescatori meno turistici di Praiano e Atrani, dove esiste ancora una versione più schietta della “dolce vita”.

Tramonto infuocato sulla Costiera Amalfitana, visto dal piccolo paese di Praiano (Andrea Carlo Martinez)

Tramonto infuocato sulla Costiera Amalfitana, visto dal piccolo paese di Praiano (Andrea Carlo Martinez)

A Praiano, in direzione est da Positano, la gente del posto si riunisce Bar del Sole Per un cappuccino prima di mezzogiorno e un Campari prima del tramonto. La musica pop napoletana suona sulle cabine degli ascensori, e i negozi vendono piastrelle di ceramica colorate che la gente del posto espone sulle numerose case sparse lungo la tortuosa Via Massa fino alla piccola spiaggia della città.

Non appena arriva la domenica, suona la campana della cupola bianca e blu, patrimonio dell’UNESCO Chiesa di San Gennaro La città richiama una piccola piazza che si affaccia sulla bellezza incredibilmente aspra della costa. I turisti sono solo una parte del quadro: la vita comunitaria di Praiano è viva e vegeta. Nei ristoranti locali come lo chef Gennaro GalaniPiccolo ristorante di pesce o Trattoria San Gennarola gente del posto gode della stessa affluenza dei visitatori.

READ  Un uomo italiano di 74 anni è morto dopo essere stato schiacciato da migliaia di forme di formaggio in un magazzino

Fai un viaggio in autobus per Amalfi sulla tortuosa strada statale SS163 in cima a una scogliera con cascate mortali a 300 metri, quindi cammina per 800 metri verso est attraverso il parcheggio Luna Rossa per raggiungere Atrani. Atrani, il comune più piccolo d’Italia, ha preservato fermamente le sue tradizioni e ha coperto la sua piccola spiaggia, che rimane libera dalle folle di turisti che scendono sulle spiagge di Positano e Amalfi.

È un luogo magico sotto molti aspetti: da Ripley, Marge, l’amica di Dickie, passa il tempo cercando (senza riuscirci) di catturarne l’essenza in un libro. Nel mondo reale, Atrani ospitava l’artista olandese MC Escherche ha utilizzato incantevoli labirinti di scale come ispirazione per alcune delle sue opere.

Le scale italiane sono un simbolo comune in tutta la serie, simboleggiano le continue lotte sociali ed emotive di Tom e oggi costituiscono gran parte della vita quotidiana della gente del posto e dei visitatori. Per chi ha il cuore forte, bisogna salire 750 gradini per raggiungere il gioiello della corona di Atrani: Rifugio Santa Maria del PandoÈ una chiesa barocca situata in cima ad una scogliera che domina la baia. Tuttavia, avventurarsi al Diki Palace (Villa Torricella) in stile moresco richiederà una gita in barca: in realtà si trova a Capri e può essere prenotato tramite Airbnb.

Napoli: il lato oscuro della “dolce vita”.

Dietro il bene Spesso bugie Amaro – Amaro. L’Italia, purtroppo, non ne è esente. Il paese soffre da tempo di numerosi problemi, dalla disparità economica tra nord e sud alla disoccupazione, alla criminalità e alla disillusione.

Napoli ha una cattiva reputazione per la sua storia criminale, ma questa antica città è come una bambola russa, contenente strati di tesori.Scientifico

Napoli ha una cattiva reputazione per la sua storia criminale, ma questa antica città è come una bambola russa, contenente strati di tesori.

Molti di coloro che lavorano per mantenere vivi i sogni di una “bella vita” dei turisti sono essi stessi giovani laureati, costretti a lavori di servizio a bassa retribuzione a causa della mancanza di opportunità.

Il nuovo Ripley spesso ci pizzica nel bel mezzo di un sogno ad occhi aperti sulla “bella vita”, evidenziando le crepe sulla superficie, proprio come il film di Fellini del 1960. Rispetto all’originale del 1999 più perfetto da cartolina, la nuova incarnazione è molto più oscura. Si riferisce alla burocrazia italiana, alla criminalità e persino alla famigerata mafia locale di Napoli (Camorra). Tom viene ingannato da un tassista senza scrupoli appena mette piede nella stazione ferroviaria di Napoli Centrale e viene avvicinato da un mafioso in una piazza di Atrani. Mentre Tom compie le sue azioni nefande, viene costantemente osservato con diffidenza dalla gente del posto, che fiuta un altro venditore ambulante tra loro. Gran parte del dialogo tra Tom e Dickie ruota attorno all’arte dell’inganno, mentre Tom gioca con la sua preda. Ironicamente, Dickie riesce a sentire l’odore di un membro della mafia a un miglio di distanza, ma tragicamente non riesce a comprendere la portata del genio oscuro di Tom. La serie fa spesso riferimento al pittore Caravaggio e assomiglia molto a uno dei suoi dipinti: barocco e sensuale, fortemente appoggiato sul chiaroscuro (letteralmente “luce oscura”) che mostra i forti contrasti dell’Italia.

READ  Pubblicità per il documentario di Andrea Bocelli - OperaWire OperaWire

Quando romanticizzano l’Italia, le persone spesso scaricano tutti i suoi peccati in un unico luogo: Napoli, che è da tempo nota per i suoi problemi di criminalità e rifiuti. Ma Amalfi è ambientata nello stesso contesto culturale di Napoli, una città sinonimo di molti dei cibi base della Dolce Vita, da… Pizza All’espresso.

È un luogo fiabesco in molti sensi, con palazzi barocchi sullo sfondo Monte Vesuvio. Ma lei stende la sua biancheria sporca come lenzuola appese ai fili nelle sue strade. È una città che ha sofferto devastanti problemi economici e sociali e dove molte delle sue colorate tradizioni – dall’arte di strada al folklore locale – sono nate in risposta a questa oppressione.

Ignorare o trascurare Napoli – un gioiello della città, nonostante i suoi problemi secolari – significa fraintendere fin dall’inizio l’Italia e la sua Dolce Vita.

Andrea Carlo Martinez Il Vesuvio incombe sul Golfo di Napoli con tutti i suoi segreti acquatici.  (Credito: Andrea Carlo Martinez)Andrea Carlo Martinez

Il Vesuvio incombe sul Golfo di Napoli con tutti i suoi misteri acquatici. (Credito: Andrea Carlo Martinez)

“Non sto facendo niente di carino”

Sebbene il sogno della dolce vita possa avere un’estetica chiaramente definita, ha anche un modo distinto di funzionare: dolce lontana notte, O “non fare niente di carino”. In effetti, “non fare nulla” è il motore principale della trama di Ripley, poiché il padre di Dickie è preoccupato per l’immobilità di suo figlio.

A causa del clima mite e dell’antica società agricola, la vita nei villaggi italiani era spesso lenta e ruotava attorno alla tavola del pranzo. L’epoca d’oro Cinchetta– Hollywood ha confezionato questo stile di vita in una scatola con l’etichetta “Dolce Vita”. Ora è stato adottato come stile di vita informale in Italia e un punto di vendita redditizio.

Ma la verità è che non è necessario arrivare fino ad Amalfi per trovare la Dolce Vita: puoi trovarne tracce quasi ovunque nel Paese, anche nelle grandi città. Un espresso veloce al bar, senza meta Vaška (rotolare) in piazza, un pranzo di quattro ore dalle tapas all’amaro.

Dolce Vita è godersi i piccoli piaceri della vita quotidiana nella loro piena spontaneità. Nel film di Ripley, la scelta di Marge di scrivere un intero libro su Atrani è uno scherzo: non succede molto in quella piccola città, né allora né adesso. La gente del posto si rilassa nei cortili, portando i propri acquisti su per le scale; I visitatori vagano in cerca di emozioni, fermandosi poco prima di salire l’ultima rampa di scale e sorseggiando gelato e tartine in piazza mentre osservano il Golfo di Napoli blu come l’inchiostro.

Adottare la mentalità del “dolce var niente” a volte può essere un atto radicale. Impara a lasciare andare e ad accettare il silenzio. O il caos.