Dicembre 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

62% in meno di pesticidi: quali potrebbero essere le conseguenze se l’Italia seguisse il mandato dell’Europa di dimezzare l’uso di agrofarmaci?

Incoraggiato dall’atteggiamento batticuore della politica, dell’industria e dell’associazionismo, il La Commissione Europea lo è chiedere all’Italia di ridurre del 62 per cento i pesticidi, una follia che mette a rischio la sicurezza alimentare. Questo nonostante i rischi per la salute e l’ambiente indotti da questi prodotti siano già oggi risibili e il loro utilizzo si sia quasi dimezzato in trent’anni.

Segui le ultime notizie e i dibattiti politici sulla biotecnologia agricola e la biomedicina? Iscriviti alla nostra Newsletter.

Nessuna logica, anzi una logica perversa, alla base degli incarichi che purtroppo penalizzano l’Italia. Il furore anti-pesticida della Commissione ha infatti basato i suoi criteri guida per l’attribuzione delle riduzioni soprattutto sul rapporto chilogrammi per ettaro. Il sistema premia i paesi che vedono la loro agricoltura gravitare fortemente sulla prevalenza di pascoli e cereali. Punisce invece chi è caratterizzato da produzioni specializzate, frutteti, vigneti e ortaggi.

Su un ettaro di vigneto, ad esempio, l’uso di agrofarmaci è sì 25 volte superiore a quello previsto per il frumento e quindi, stando ai numeri, potrebbe esserci una riduzione. Esattamente come possono suggerire i 24 chili per ettaro di polisolfuro di calcio utilizzati in un’unica applicazione sui meli in pre-fioritura.

[Editor’s note: This article has been translated from Italian and edited for clarity]

Questo è un estratto. Leggi il post originale qui

READ  Roberto Mancini: Italia e Spagna affrontano una situazione "ingiusta" del pubblico a Wembley | Euro 2020