Luglio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Yamal e Williams rappresentano una nuova era per la Spagna e rendono l’Italia antiquata.

Yamal e Williams rappresentano una nuova era per la Spagna e rendono l’Italia antiquata.

Cominciamo con tre domande.

Innanzitutto, riesci a pensare a qualche giocatore spagnolo che abbia avuto un grande successo nel calcio italiano in questo secolo?

In secondo luogo, si può pensare al contrario: gli italiani che all’epoca prosperavano nella Liga?

In terzo luogo, riesci a pensare a qualche ala italiana di alto livello nello stesso periodo?

Tutte queste domande si riferiscono in modi diversi alla vittoria per 1-0 della Spagna sull’Italia a Gelsenkirchen. È stata la parodia di un risultato incredibilmente impressionante per la Spagna, che avrebbe potuto facilmente vincere 5-0 senza che nessuno pensasse che fosse stata dura nei confronti dell’Italia.

Anche se sottolinea alcuni errori spagnoli familiari nel non convertire il dominio in gol, è assurdo che l’unico gol sia stato un autogol. Forse li colpirà nella fase a eliminazione diretta. Ma questo sarà per una data successiva.


L’autogol di Calafiori ha deciso la partita, ma a Gelsenkirchen il punteggio avrebbe potuto essere più alto (Ina Fassbender/AFP tramite Getty Images)

Per ora, ammiriamo la prestazione più costante di Euro 2024 finora, tenendo conto della qualità degli avversari.

Dopotutto, negli ultimi due decenni, Spagna e Italia sono state il principale campo di battaglia nel Campionato Europeo. Si sono affrontati nel 2008, 2012, 2016, 2020 e ora nel 2024. Solo due paesi hanno vinto sia la Coppa del Mondo che il Campionato Europeo negli ultimi 20 anni. E, giustamente, sono sempre state nazioni calcistiche molto diverse.

Pochi paesi europei si fondono perfettamente in termini di calcio, ma Spagna e Italia sono come l’olio e l’acqua. Tornando alle prime due domande, c’è la sensazione che negli ultimi decenni il calcio spagnolo abbia un po’ disprezzato il calcio italiano in termini di difesa, tattica e antichità del calcio. Quindi i giocatori spagnoli non vanno in Italia, i club spagnoli non ingaggiano italiani.

READ  Murphy era di nuovo in forma mentre McCloskey ha deriso la "derisione" dell'Italia

Quando il dominio della Spagna nel calcio europeo divenne evidente circa 15 anni fa, la Spagna divenne in qualche modo un modello per l’Italia. È sempre un argomento un po’ controverso: alcuni italiani sono tradizionalisti e preferiscono competere come le tipiche squadre italiane. Ma hanno vinto l’ultimo Campionato Europeo sotto Roberto Mancini con un simpatico marchio di calcio, e i regni di Cesar Brandelli dal 2010 al 2014 e Luciano Spalletti, che l’anno scorso ha introdotto allenatori più positivi.

L’influenza spagnola è evidente attraverso l’uso di diversi registi di centrocampo. Brandelli ha utilizzato spesso insieme Andrea Pirlo, Thiago Motta, Daniele De Rossi e Claudio Marchisio. Mancini può contare sia su Marco Verratti che su Jorginho. Questo è il modo spagnolo.

“Dobbiamo prendere l’iniziativa”, ha detto ieri Spalletti nella conferenza stampa. “Dobbiamo avere il coraggio di giocare la palla”, ha ammesso il terzino sinistro Federico DiMarco. Con Jorginho e Nico Parella in sala macchine forse l’Italia può competere.

Ma la Spagna si è allontanata dall’approccio di includere quanti più registi possibile nella rosa. Dopo aver utilizzato David Silva e Andres Iniesta sulle fasce – essenzialmente numeri 10 bonus – ora impiegano ali elettriche.

per andare più in profondità

Luis Enrique è stato esonerato 18 mesi fa dopo la Coppa del Mondo perché la sua ossessione per il possesso palla era prevedibile. Il periodo in panchina di Luis de la Fuente è stato caratterizzato dall’impressione che la Spagna fosse ora più diretta. Nella partita d’apertura contro la Croazia, per la prima volta dagli Europei del 2008, hanno registrato meno del 50% di possesso palla in una partita ufficiale. Si tratta di “modernizzazione” e “verticalizzazione”.

READ  L'Italia fa appello al veto sull'accordo del produttore di semi Syngenta di proprietà della Cina - fonti

Quella verticalità era evidente qui, attraverso le loro ali. A sinistra, Nico Williams ha realizzato finora la migliore prestazione individuale del torneo. Meno di due minuti dopo, ha ingannato Giovanni di Lorenzo e ha sferrato una testata che Petri avrebbe dovuto interrare.

Ogni volta che Williams raccoglieva la palla, De Lorenzo andava nel panico: Williams lo colpì in aria a un certo punto, prima di un selvaggio hack di De Lorenzo per abbatterlo.

Lo stesso ha fatto poco dopo, quasi per simpatia, il suo collega difensore Alessandro Bastoni. De Lorenzo non è un terzino lampo; È al suo fianco per rimanere forte. Quando il tuo solido terzino viene battuto così spesso, sai che sei nei guai.

D’altro canto, DeMarco non se l’è cavata bene contro il giocatore più giovane del torneo, Lamine Yamal. Yamal è intervenuto per creare una buona occasione per Alvaro Morata. Poi, taglia dentro e sfiora il secondo palo con uno sforzo arricciato che sembra spingere Williams a fare lo stesso, tagliando da sinistro a destro e schiantando la palla contro il legno.

Sembrava davvero una nuova Spagna, con un 4-3-3 vecchio stile olandese in cui le ali preferivano trattenere il proprio uomo, entrare o uscire, intercettare o dribblare.

Un buon lavoro di Williams avrebbe potuto creare una serie di gol, soprattutto quando ha dribblato su Di Lorenzo, che si è tirato indietro per paura di impegnarsi, permettendo a Williams di spingere la palla per la corsa e il taglio di Mark Gugurella. In qualche modo, Petri Sidefoot è ampio.

Il gol alla fine è arrivato da un minaccioso dribbling di Williams, e il suo cross è stato deviato sulla traiettoria dello sfortunato Riccardo Calafiori, che ha trasformato la palla nella propria rete per un altro autogol di Euro 2024.

READ  I dirigenti della produzione italiana dell'Indiana parlano della loro adesione al Gruppo Volta - Variety

L’Italia ora produce centrocampisti in stile spagnolo, ma deve ancora produrre ali. Federico Ceesa, una delle rivelazioni dell’ultimo Europeo, è forse una rara eccezione, anche se anche lui si sente più un tiratore che un dribblatore dall’esterno, come suo padre Enrico, grande seconda punta di inizio secolo.

I giocatori italiani sono grandi lavoratori; I giocatori tatticamente disciplinati fanno molte corse e permettono ai centrocampisti di brillare. Non allungano il gioco né picchiano l’uomo. Persino Spalletti, un allenatore avventuroso, ha preso in considerazione l’idea di introdurre Andrea Cambiaso – un esterno versatile e tuttofare – per raddoppiare contro la brillante Williams e chiuderlo, cosa che sembrava routine. Questo è il tuo giocatore italiano. Abbastanza sicuro, è riuscito a respingere la Williams.

Per la prima volta sembra davvero che la Spagna sia nella nuova era, un mondo post-tiki-taka, con Yamal e Williams come star.

A centrocampo Rodri è un altro Sergio Busquets, Petri è cresciuto ammirando Iniesta e Fabian Ruiz è un mancino solido e determinato. La Spagna è più di quel tipo. Ma ora c’è velocità, ampiezza e assunzione di rischi E Eccitazione.

Stasera erano su un pianeta diverso dall’Italia. Come sempre, queste due nazioni calcistiche si sentono sempre separate.

(Foto: Getty Images)