Luglio 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Xi chiede alle potenze mondiali di aiutare Russia e Ucraina a “riprendere il dialogo diretto”

Xi chiede alle potenze mondiali di aiutare Russia e Ucraina a “riprendere il dialogo diretto”

PECHINO – L’8 luglio il presidente cinese Xi Jinping ha detto al primo ministro ungherese Viktor Orban che le potenze mondiali dovrebbero aiutare la Russia e l’Ucraina a riprendere i negoziati diretti durante una visita a Pechino che il leader europeo ha descritto come una “missione di pace”.

La visita di Orban in Cina avviene un giorno prima del vertice programmato dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) per celebrare il 75° anniversario della sua fondazione, dove si prevede che le battute d’arresto in Ucraina domineranno le discussioni, e arriva dopo le visite a sorpresa degli ungheresi Primo Ministro in Russia e Ucraina la settimana scorsa.

La sua visita a Mosca ha suscitato critiche da parte dell’Unione Europea, che ha affermato di minacciare di minare la posizione del blocco sul conflitto, mentre il Ministero degli Esteri di Kiev ha affermato che la visita ha avuto luogo “senza alcun accordo o coordinamento con l’Ucraina”.

La Cina ha rifiutato di condannare l’invasione russa del suo vicino e nel 2023 ha pubblicato un documento in cui chiedeva una “soluzione politica” al conflitto, che secondo i paesi occidentali potrebbe consentire alla Russia di mantenere la maggior parte del territorio che ha conquistato in Ucraina.

“La comunità internazionale dovrebbe creare le condizioni e fornire assistenza alle due parti per riprendere il dialogo e i negoziati diretti”, ha affermato Xi, citato dalla Chinese Broadcasting Corporation.

“Solo quando tutte le grandi potenze eserciteranno energia positiva anziché negativa, l’alba di un cessate il fuoco in questo conflitto potrà apparire il prima possibile”, ha detto Xi a Orban, secondo la China Central Television.

La China Central Television ha dichiarato in un comunicato: “Xi Jinping ha sottolineato che è nell’interesse di tutte le parti cessare il fuoco e cercare una soluzione politica il prima possibile”.

READ  Fordham critica il Primo Ministro per "aver trascorso troppo tempo fuori dal Paese"

Ha aggiunto: “L’obiettivo attuale è aderire ai tre principi di non riversare il conflitto sul campo di battaglia, non intensificare la guerra e non infiammare il conflitto da tutte le parti”, per calmare la situazione il più rapidamente possibile.

Dopo i colloqui, Orban ha scritto sulla piattaforma social X che la Cina è stata una “forza importante nel creare condizioni di pace” nella guerra tra Russia e Ucraina.

“Ecco perché sono venuto a incontrare il presidente Xi a Pechino, appena due mesi dopo la sua visita ufficiale a Budapest”, ha aggiunto.

Orban – che ha definito la sua visita senza preavviso a Pechino una “missione di pace 3.0” – ha scritto sulla sua pagina Instagram che si sarebbe recato a Washington dopo Pechino.

Lukashenko è il leader più amichevole dell’Unione europea nei confronti di Mosca, poiché il 5 luglio ha avuto colloqui con il presidente Vladimir Putin, il quale ha affermato che l’Ucraina deve ritirare le sue forze dalle regioni annesse alla Russia se vuole la pace.

L’Ungheria ha assunto la presidenza di turno dell’Unione Europea all’inizio di luglio, e il capo della politica estera dell’UE Josep Borrell ha affermato che il viaggio di Orban in Russia è stato un affare puramente bilaterale e che egli “non ha ricevuto alcun mandato dal Consiglio dell’Unione Europea per visitare Mosca.”

Nonostante la sua vicinanza a Xi e al Cremlino, Orban ha rifiutato di inviare armi a Kiev, a differenza dei suoi colleghi leader dell’Unione Europea.

La partnership strategica tra Cina e Russia si è rafforzata dopo l’invasione dell’Ucraina.

Pechino si presenta come una parte neutrale nella guerra e afferma di non inviare aiuti letali a nessuna delle due parti, a differenza degli Stati Uniti e di altri paesi occidentali.

READ  Uno sguardo alla guerra russo-ucraina: cosa sappiamo del giorno 556 dell'invasione | Ucraina

Ma allo stesso tempo ha fornito un’ancora di salvezza vitale all’economia isolata della Russia, con un commercio fiorente dall’inizio del conflitto.

Il signor Xi ha visitato l’Ungheria lo scorso maggio, nell’ultima tappa del suo tour europeo durante il quale ha visitato anche Francia e Serbia.

Dopo l’incontro con Orban, Xi ha affermato che Pechino attribuisce “grande importanza” alle sue relazioni con l’Unione europea.

Nonostante le sue piccole dimensioni, il Paese dell’Europa centrale di 9,6 milioni di abitanti ha attirato negli ultimi anni una marea di grandi progetti cinesi, la maggior parte dei quali legati alla produzione di batterie e ai veicoli elettrici.

Il governo ungherese si è vantato della presenza di progetti in corso dal paese asiatico per un valore di circa 15 miliardi di euro.

Orban ha sostenuto una politica estera di “apertura orientale” da quando è tornato al potere nel 2010, cercando legami economici più stretti con Russia, Cina e altri paesi asiatici.

Lo scorso ottobre, il primo ministro ungherese è stato l’unico leader dell’UE a partecipare al vertice di punta della Belt and Road Initiative a Pechino.