Agosto 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Wrigley Field ospita la cerimonia di giuramento per 656 nuovi cittadini

Quando Sergio Doloskan ha pensato agli Stati Uniti da bambino in Moldova, cresciuto dietro la cortina di ferro, ha immaginato le immagini del suo film preferito: “Terminator”.

Alla fine, l’idea del viaggio nel tempo del cyborg killer è stata sostituita da altri due concetti: libertà e democrazia.

“Queste erano cose che non avevamo”, ha detto Doloskan, 37 anni, giovedì al Wrigley Field, dove è diventato cittadino statunitense con altre 655 persone provenienti da più di 90 altri paesi.

È stata la più grande cerimonia di naturalizzazione tenuta dal tribunale distrettuale federale nell’Illinois settentrionale.

“Mi sento molto, molto bene oggi”, ha detto Doloskan, un camionista arrivato negli Stati Uniti sei anni fa. Ora vive a Huntley con sua moglie e due figli.

Jesus Esconreas, 51 anni, di Durango, in Messico, è arrivato negli Stati Uniti 35 anni fa.

Jesus Esconterias è diventato un giovedì nazionale statunitense al Wrigley Field.

“Sono venuto qui per una vita migliore. Tutto è migliore”, ha detto Escontrias, che vive a Woodstock e lavora in una fonderia. “Questa è la conclusione”.

Eduardo Martinez aveva 25 anni quando arrivò negli Stati Uniti dal Guatemala con un visto e trovò lavoro nella preparazione di insalate in un ristorante italiano a Evanston.

“All’epoca, gli Stati Uniti erano per me l’idea che potevi fare soldi o trovare soldi ovunque, il che non è vero. Devi lavorare per questo”, ha detto Martinez, 46 anni, ora executive chef di un ristorante a Palos Altezza.

Nonostante viva negli Stati Uniti da più di due decenni, Martinez ha affermato che la cittadinanza porta un “timbro ufficiale” sul suo sogno americano.

“Per festeggiare, andrò a mangiare fuori con la mia famiglia e mi registrerò per votare”, ha detto.

La festa di giovedì è stata la seconda a tenersi a Wrigley. Il primo si è tenuto lo scorso anno e ha portato a 172 nuovi cittadini.

Gli affari emotivi, solitamente riservati all’aula del tribunale al 25° piano del Dirksen Federal Building del centro, si sono svolti in una varietà di spazi alternativi durante la pandemia. Altre sedi includevano il Chicago Botanical Garden and Auditorium.

“Combiniamo due cose che non potrebbero essere più americane: il baseball e l’accoglienza di nuovi cittadini nel nostro paese”, ha detto a New Citizens Mike Lovrano, chief community affairs officer di Cubs, durante la festa di 45 minuti.

Ogni candidato ha ripetuto il giuramento letto dal giudice distrettuale federale Virginia M. Kendall, giurando di rinunciare alla fedeltà a qualsiasi “principe, sovrano, stato o sovrano” straniero.

I lavoratori con i rulli di vernice si sono fermati a guardare la festa occasionale mentre applicavano una nuova mano di vernice verde agli stand.

Linda Ekendall è cresciuta in Svezia leggendo “Sweet Valley High”, una serie di romanzi per ragazzi sugli adolescenti americani, ed è rimasta affascinata dall’idea di diventare una cheerleader.

Quando si è trasferita negli Stati Uniti al liceo con la sua famiglia, il suo sogno si è avverato.

Ha continuato a fare le cheerleader all’Università del Connecticut e ora vive a Park Ridge.

“Ora che sono cittadino, posso votare e candidarmi. Attenzione!” Ekendahl scherza.

Lo stadio è diventato per breve tempo la più grande aula di tribunale federale del paese a fornire l’ambiente adeguato per la celebrazione.

Il sigillo del Tribunale distrettuale federale – un’aquila con uno scudo rosso, bianco e blu – è stato inviato sul gigantesco schermo video in campo a sinistra.

La parola “benvenuto” in dozzine di lingue è apparsa sullo schermo video nel campo corretto.

Immagine_da_iOS__12_.jpg

Un totale di 656 persone sono diventate nuovi cittadini degli Stati Uniti durante la cerimonia di cittadinanza di giovedì a Wrigley Field.

Il presidente della Corte Suprema Rebecca R. Palmer, una fan dei Cubs, ha avuto una cerimonia di naturalizzazione in uno stadio sportivo di Chicago dopo aver preso le redini nella corte federale di Chicago nel 2019.

“So che la famiglia Ricketts apprezzerebbe che tutti voi diventaste fedeli fan dei Cubs, ma lasciate che vi ricordi che per apprezzare il Wrigley Field, non è necessario costruire una sola squadra di baseball e non è necessario rinunciare alla propria preferita squadra”, ha detto Palmer giovedì.

I Cubs hanno presentato le maschere dei Cubs a tutti i nuovi cittadini, che si sono seduti dietro la tana dei Cubs lungo la terza linea di base durante la cerimonia.

READ  Proprietari americani nella Premier League inglese: club inglesi con investimenti dagli USA