Maggio 26, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

“War Is Still Alive” di Fatemeh Behpudi è stata selezionata per la foto femminile italiana di due anni

Teheran – La fotografa iraniana Fatemeh Behpudi ha scelto di esporre la sua seconda edizione di The War Is Still Alive.

Le collezioni di Tammy Aftab, Sarah Blesener, Betty Colombo, Solmaz Daryani, Delphine Diallo, Esther Ruth Mbabazi, Myriam Meloni, Ilvy Njiokiktjien e Flavia Rossi si svolgeranno a Mantova, questa ventesima città italiana. 3-27 marzo.

In “The War Is Still Alive”, Behpoodi ha affermato che le conseguenze della guerra Iran-Iraq del 1980-1988 e le sue vittime non sono tornate alla normalità: le loro ferite non sono guarite per più di 30 anni.

Sono trascorsi più di tre decenni dalla fine della guerra Iran-Iraq, ma molte madri aspettano ancora il ritorno dei loro figli scomparsi, morti durante la guerra.

A più di 30 anni dalla fine della guerra, i bambini e molte persone nelle città di confine dell’Iran vengono ancora uccisi dalle mine antiuomo.

La guerra è iniziata con l’occupazione irachena del confine internazionale dell’Iran nel 1980 ed è durata otto anni, uno dei peggiori nella storia con un milione di morti.

Behpoodi è cresciuto nel mezzo del conflitto e la sua infanzia è stata profondamente colpita dalla paura diffusa, dal suono delle sirene di emergenza e delle bombe e dal numero crescente di morti.

Con la guerra formalmente finita nel 1988, la realtà dei sopravvissuti è molto diversa. Trent’anni dopo, lo shock duraturo del conflitto sta emergendo sempre più.

Behpoodi è stata aggiunta all’elenco delle pioniere delle fotografe globali lanciato dalla Royal Photographic Society nel 2018, in occasione del centenario del suffragio femminile nel Regno Unito, riconoscendo le migliori fotografe del mondo.

READ  Lettera: la perdita di competitività dell'Italia fornisce una storia di avvertimento

È anche la fotografa dell’acclamata serie “Waiting Mothers”, incentrata sulle donne iraniane che hanno perso i loro figli durante la guerra.

L’eredità è il tema di due anni di fotografia al femminile.

“Quando osserviamo l’attuale dibattito sulla vita interiore delle famiglie, il nostro DNA, il nostro impatto ambientale, nonché il nostro patrimonio architettonico e culturale, riflettiamo la nozione di patrimonio”, hanno affermato gli organizzatori in una nota.

“Cosa ci hanno lasciato le generazioni precedenti? Cosa faremo di conseguenza?… Non abbiamo (solo) raggiunto questo tempo presente, non per scelte al di fuori del nostro controllo immediato, ma perché l’attuale problema del mondo è causato dall’intreccio di decisioni arbitrarie e desiderabili di persone. Il nostro presente e futuro sono figli del passato. Le elezioni di oggi sono le fondamenta del nostro futuro”.

Foto: foto del fotografo iraniano Fatemeh Behpudi della serie “War Is Still Alive”.

MMS/YAW