Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Walter Cunningham: L’ultimo astronauta vivente dell’Apollo 7 è morto

Walter Cunningham: L’ultimo astronauta vivente dell’Apollo 7 è morto

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di incredibili scoperte, progressi scientifici e altro ancora.



Cnn

Walter Cunningham, un astronauta della NASA in pensione e pilota del primo volo con equipaggio nel famoso programma Apollo dell’agenzia spaziale, è morto martedì mattina presto all’età di 90 anni, secondo la NASA. Egli ha detto.

Cunningham è stato uno dei primi membri del programma di volo spaziale umano della NASA come membro della terza classe di astronauti, entrando a far parte dell’agenzia spaziale nel 1963. È stato selezionato per comandare l’Apollo 7, la prima missione con equipaggio del programma della NASA che ha continuato a far atterrare gli esseri umani. sulla luna per la prima volta.

“Vorremmo esprimere il nostro grande orgoglio per la vita che ha condotto e la nostra più profonda gratitudine per l’uomo che era: patriota, esploratore, pilota, astronauta, marito, fratello e padre”, ha osservato la famiglia Cunningham in una dichiarazione condivisa da NASA. “Il mondo ha perso un altro vero eroe e ci mancherà moltissimo”.

Lanciata nel 1968 e durata quasi 11 giorni, la missione Apollo 7 ha inviato l’equipaggio in un viaggio in orbita che è stato un volo di prova che potrebbe dimostrare la capacità della capsula Apollo di incontrarsi con altri veicoli spaziali in orbita e aprire la strada a un’esplorazione più approfondita in futuro . Vuoto. È anche famoso per essere apparso nella prima trasmissione televisiva in diretta di americani dallo spazio, secondo NASA.

Cunningham era l’ultimo membro sopravvissuto dell’equipaggio dell’Apollo 7, che comprendeva anche gli astronauti Wally Shira E il Don Ezel.

READ  La NASA sta sostenendo alcune missioni rischiose sulla luna: è ora

Nato a Creston, Iowa, ha conseguito una laurea con lode in Fisica e un MA cum laude in Fisica presso l’Università della California, Los Angeles, Cunningham Aveva 36 anni quando decollò la missione Apollo 7. Durante colloquio Con l’Oral History Office della NASA nel 1999, ha riflettuto sul suo percorso professionale e sulle sue motivazioni.

L'equipaggio del primo volo Apollo della NASA - (da sinistra) Cunningham, Don F. Eisell e Walter M. Schirra - si prepara per i test di simulazione della missione nel 1968 presso il North American Flight Plant.

“Sono una di quelle persone che non guardano mai indietro. Ricordo solo che quando qualcuno mi ha chiesto dopo che sono diventato un astronauta”, ha detto Cunningham. Me ne rendo conto in quel momento, ma è stato perché ho sempre voluto essere meglio preparato per il prossimo passo. Ho sempre guardato al futuro. Non vivo nel passato”.

Sebbene si sia avventurato nello spazio solo una volta, Cunningham è diventato un pilota del programma Skylab della NASA, la prima stazione spaziale degli Stati Uniti ad orbitare attorno alla Terra dal 1973 al 1979.

Prima di entrare a far parte della NASA, Cunningham si è unito alla Marina degli Stati Uniti e ha iniziato l’addestramento come pilota nel 1952, ha detto. ufficiale Biografia NASA, e ha servito come pilota di caccia con il Corpo dei Marines degli Stati Uniti in 54 missioni in Corea.

“L’unica cosa che ricordo di essere mai diventato un astronauta è perché guardo che sta diventando uno dei migliori piloti di caccia al mondo, se non il migliore”, ha detto Cunningham in un’intervista con l’Oral History Office della NASA.

Cunningham ha anche completato un dottorato di ricerca. in fisica presso l’UCLA senza completare una tesi, e poi, nel 1974, ha completato un programma di gestione avanzata presso la Harvard Graduate School of Business, secondo la NASA.

READ  Il telescopio della NASA rileva un punto interrogativo cosmico nello spazio profondo

Cunningham testimonia sull'esplorazione dello spazio durante l'audizione della sottocommissione per il commercio, la scienza e i trasporti del Senato degli Stati Uniti per lo spazio, la scienza e la competitività al Campidoglio di Washington, DC, il 24 febbraio 2015.

Ha lavorato come fisico presso la Rand Corporation, un think tank militare senza scopo di lucro, prima di unirsi all’equipaggio degli astronauti.

Dopo aver lasciato l’agenzia spaziale, Cunningham ha ricoperto molti ruoli, assumendo vari ruoli nel settore privato. Secondo la sua biografia della NASA, ha ricoperto una serie di posizioni dirigenziali presso società di sviluppo, è stato consulente per startup, è diventato un imprenditore e investitore e, infine, un conduttore di talk show radiofonici.

Negli anni successivi, Cunningham divenne anche un critico esplicito delle percezioni prevalenti sull’influenza dell’umanità sul cambiamento climatico.